Da Steve Jobs a The Social Network, ecco i 13 migliori film e serie tv sulle startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

cinema e innovazione

Da Steve Jobs a The Social Network, ecco i 13 migliori film e serie tv sulle startup

16 Mag 2016

Intuizioni geniali, rivoluzioni tecnologiche, successi e fallimenti: anche Hollywood è sensibile a tutto ciò che riguarda il mondo delle startup. CBInsights ha selezionato pellicole, documentari e serie televisive sulle grandi storie imprenditoriali degli ultimi tempi

Steve Jobs
Geniali intuizioni, rivoluzioni tecnologiche, inizi in sordina ed exit di successo, oppure clamorosi fallimenti: le startup sono tutto questo. E negli ultimi anni anche Hollywood, e la produzione cinematografica in generale, ha iniziato a interessarsi al fenomeno con diversi film sull’argomento. Ecco quali sono, secondo CBInsights, i 13 migliori film, documentari e serie tv che parlano delle grandi storie imprenditoriali delle startup.

Guarda anche: IT, digital e innovazione, 7 serie tv da non perdere

Steve Jobs. Scritto da Aaron Sorkin e diretto da Danny Boyle, è il più memorabile ritratto del genio che ha dato vita al Mac, all’iPod e all’iPhone, trasformando un’azienda nata in un garage nella compagnia con maggior capitalizzazione di mercato al mondo (anche se ora, scomparso Jobs, Apple è stata sorpassata da Alphabet, la holding che controlla Google). La pellicola, nella quale il visionario Jobs è interpretato da Michael Fassbender, riesce al tempo stesso a porre domande e a consacrare il mito di Steve Jobs e della versione hi-tech del capitalismo rivoluzionario.

Halt and Catch Fire. Serie TV Usa, è ambientata nei primi anni Ottanta, durante la rivoluzione tecnologica dei pc e racconta la storia della Cardiff Electric e dei personaggi che ruotano attorno all’azienda. Soprattutto Cameron Howe che, assunta per creare la BIOS del nuovo computer della Cardiff, alla fine si licenzia e, in un appartamento preso in affitto, crea un’azienda di giochi e chat online, antesignana di servizi rivoluzionari quali Compuserve, Prodigy e AOL.

Silicon Valley. Serie TV Usa, racconta le storie di alcuni programmatori che lavorano in un incubatore il cui gestore, in cambio di mezzi e luogo di lavoro, chiede la proprietà del 10% dei progetti. In particolare, la serie ruota intorno alla startup Pied Piper, totale fallimento per quanto riguarda l’obiettivo originario (una piattaforma per musicisti), ma assolutamente innovativa per quanto riguarda il “motore” del progetto, un algoritmo di compressione molto più efficiente di qualsiasi altro esistente. E lo startupper fondatore di Pied Piper deve decidere tra una exit milionaria oppure accettare un finanziamento molto più esiguo in cambio del 5% del progetto.

Crocodile in the Yangtze. Il documentario, incentrato sulla vita di Jack Ma, ex insegnante di inglese e fondatore di Alibaba, racconta anche della rivoluzione economica cinese e del suo impatto sul resto del mondo. E spiega come l’enigmatico CEO del colosso cinese sia riuscito a portare la sua azienda, nata in un appartamento, a un’IPO da 25 milioni di dollari.

The Startup Kids. Il documentario è incentrato sulle interviste a giovani imprenditori americani ed europei, sulle loro storie, sulle idee che li hanno ispirati: da Vimeo a Dropbox, da Soundcloud a Debito, un viaggio nel mondo dei ragazzi delle startup. Con il tentativo di capire come il business e il successo abbiano cambiato le loro vite a un’età nella quale generalmente si pensa a tutt’altro.

The Social Network. Scritto a Aaron Sorkin, lo stesso autore di Steve Jobs, il film racconta la vita di Mark Zuckerberg e della tumultuosa nascita e infanzia di Facebook, dall’ideazione dell’algoritmo, scritto in una notte, alle cause legali contro il fondatore del social network.

Something Ventured. Nel documentario si ricostruisce, con interviste e documenti, la storia del moderno Venture Capital, dalle sue origini nella San Francisco degli anni Cinquanta alla rivoluzione informatica degli anni Ottanta, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Chi ha ucciso l’auto elettrica? Film documentario, racconta la nascita, la breve vita e il misero fallimento della General Motors EV1, auto elettrica a batterie, negli Stati Uniti nei primi anni Novanta. La pellicola esplora i motivi del fallimento, dal contrasto da parte delle compagnie petrolifere alle limitazioni tecnologiche, dall’interesse da parte dei consumatori al ruolo dell’amministrazione Bush nel progetto: il profilo che ne emerge è quello di un’industria incapace di innovare.

Startup.com. Il documentario racconta l’esperienza di govWorks.com dalla fondazione alla chiusura grazie all’accesso al computer dei due fondatori, Kaleil Isaza Tuzman e Tom Herman.

e-Dreams. Il documentario racconta la storia dell’ascesa e della disastrosa caduta di Kozmo.com, startup che offriva la consegna rapida, con fattorini in bicicletta, degli acquisti online. Kozmo, prima del collasso, è riuscita a ottenere finanziamenti per oltre 250 milioni di dollari.

I pirati di Silicon Valley. Film per la tv tratto dal libro Com’era verde Silicon Valley, racconta le vite parallele di Steve Jobs e Bill Gates, del loro sogno, della sfida tra Apple e Microsoft, della vittoria del sistema operativo di Bill Gates su quello di Jobs, sullo sviluppo delle due società attraverso genio e “giochi sporchi”.

Tucker – Un uomo e il suo sogno. Film di Francis Ford Coppola, racconta della storia di Preston Tucker e del suo tentativo, nel 1948, di innovare l’industria dell’auto realizzando un modello più veloce, più comodo e di dimensioni più ridotte rispetto allo standard dell’epoca. Tentativo fallito per l’intervento dei colossi dell’auto, che riuscirono a mettere l’imprenditore in difficoltà tali da indurlo ad abbandonare il progetto.

Uomini veri. Film tratto dal libro La stoffa giusta, racconta dell’evoluzione tecnologica della Nasa, dello spirito di sacrificio di piloti e astronauti, del desiderio di avventura, del rischio estremo e di idee visionarie: tutto ciò che è, insomma, nel Dna di una startup. E che oggi si ritrova in aziende come SpaceX e Virgin Galactic.

di Concetta Desando

Articoli correlati