Innovazione: cosa vuol dire innovare, e come farlo DAVVERO
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Innovazione

Quello che c'è da sapere sull'innovazione in economia, nelle aziende e nella tecnologia

Il termine innovazione può essere riferito a vari ambiti e declinato in diverse accezioni.

Cosa vuol dire innovare? Definizione del termine "Innovazione"

Una delle definizioni più riuscite è dell’economista austriaco Joseph Schumpeter (1934): “Non è imprenditore […] chi compie operazioni economiche, intendendo lucrarne profitto, bensì colui che introduce atti innovativi”. In economia si distingue tra innovazione di prodotto (miglioramento o radicale cambiamento dei beni offerti), e innovazione di processo, intervento migliorativo o di radicale mutamento riguardante il sistema o i macchinari o l'organizzazione della produzione.
Innovazione incrementale e disruption (rottura)
Un concetto relativamente nuovo è quello di innovazione incrementale, che, distinguendosi dall'innovazione radicale (disruption), punta a incrementare l’innovatività di qualcosa che già c’è. Su EconomyUp parliamo di trasformazione delle aziende, trasformazione digitale, innovazione aziendale. In particolare ci soffermiamo sulle strategie per implementarla quali l’open innovation, modalità attraverso la quale un’impresa cerca idee, soluzioni e prodotti innovativi al proprio esterno, per esempio tra le startup , o come la corporate entrepreneurship.
Esempi di innovazione in Italia e nel mondo
Ma scriviamo anche di innovazioni al plurale (case studies, storie, incontri ed eventi dedicati) e del contributo dato all’innovazione negli ultimi decenni dall’imprenditoria femminile. Senza dimenticare che il motore dell’innovazione nelle aziende è stata ed è sempre più l’innovazione tecnologica.