Intel Capital, 38 milioni di dollari a 12 startup dell'Iot e della realtà virtuale | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open Innovation

Intel Capital, 38 milioni di dollari a 12 startup dell’Iot e della realtà virtuale

26 Ott 2016

Il corporate venture capital di Intel, tra i più attivi al mondo, ha effettuato nuovi finanziamenti in società specializzate in big data, macchine autonome e realtà aumentata. «Imprenditori visionari che trasformano le nostre vite» dice il presidente Wendell Brooks. Ecco le aziende prescelte

Intel Capital scommette 38 milioni di dollari in 12 startup specializzate in tecnologie innovative quali analisi dei big data, macchine autonome e realtà aumentata/virtuale. L’organizzazione di investimenti globali di Intel Corporation ha annunciato i nuovi finanziamenti in occasione dell’Intel Capital Global Summit. Intel Capital è uno dei fondi di corporate venture capital più attivi a livello mondiale: al 18 agosto 2016 aveva effettuato complessivamente 1.030 investimenti in 726 società. Le nuove aziende che entrano a far parte del portafoglio di Intel Capital, si legge in una nota diramata per l’occasione, sono all’avanguardia dell’innovazione e si prefiggono di migliorare molti aspetti delle nostre vite  per esempio attraverso soluzioni IoT (Internet of Things) per persone anziane e diversamente abili, audio avanzato per sistemi di realtà virtuale a 360 gradi e sistemi di visione analoghi a quella umana per le auto connesse.

“L’innovazione registra un aumento esponenziale man mano che il mondo si trasforma in un luogo sempre più intelligente e connesso, in cui miliardi di dispositivi diventeranno ancora più intelligenti grazie al cloud”, ha affermato Wendell Brooks, Intel Senior Vice President e President di Intel Capital. “Siamo entusiasti delle partnership con questi imprenditori visionari che sviluppano tecnologie rivoluzionarie per trasformare le nostre vite e i diversi settori produttivi”.

La 17a edizione  dell’Intel Capital Global Summit, che si svolge a San Diego, vanta una serie di relatori di spicco, tra cui: Marc Benioff, Chairman e CEO di Salesforce.com; Aneel Bhusri, co-fondatore e CEO di Workday; John Donahoe, Chairman of the Board di PayPal; Brian Krzanich, CEO di Intel; Lowell McAdam, Chairman e CEO di Verizon; e Bill Bradley, ex senatore U.S.A., campione olimpico e presente nella Hall of Fame NBA. L’evento raduna quasi 1.000 imprenditori, investitori e imprenditori visionari per tre giorni dedicati alla creazione di imprese, ispirazione e apprendimento da coloro  che hanno sviluppato le tecnologie più avanzate di oggi.

I  nuovi investimenti di Intel Capital in 12 startup pionieristiche sono:

Macchine autonome

Chronocam (Parigi) – Sviluppa sensori e sistemi di visione artificiale innovativi per una varietà di applicazioni destinate alla navigazione autonoma e agli oggetti connessi. Fondata da pionieri leader nel campo della visione neuromorfica, l’azienda intende stabilire un nuovo standard per la visione artificiale determinando un cambiamento di paradigma nei sensori di visione e nell’elaborazione ispirata dall’occhio umano.

Embodied (Pasadena, California, USA) – Co-fondata dall’ex CTO di iRobot, l’azienda che ha creato Roomba, e professore di fama mondiale di robotica e neuroscienze alla University of Southern California, sta sviluppando prodotti allo stato dell’arte che mirano a rivoluzionare la robotica. Sfruttando i principali progressi emersi di recente nella percezione, cognizione e apprendimento automatici, i suoi sistemi sviluppano robot personali a costi accessibili che migliorano il benessere e la qualità della vita umana.

Perrone Robotics (Charlottesville, Virginia, USA) – Fornisce software e soluzioni che facilitano la realizzazione di applicazioni di robotica autonoma mobili. Tale tecnologia consente a ricercatori e ingegneri di sviluppare veicoli parzialmente o completamente autonomi e applicazioni robotiche.

Dati e connettività

Eazytec (Jiangsu, Cina) – Sviluppa soluzioni per città intelligenti e fornisce  servizi con tecnologia firmware di base (BIOS) proprietaria. La sede centrale e parco di ricerca, situati nella città di Yixing, nella Provincia di Jiangsu, sono stati identificati come incubatore nazionale per attività scientifiche e tecnologiche in Cina. L’azienda è specializzata in software applicativo e sviluppo di firmware, integrazione di sistemi e servizi di data center.

Grand Chip Microelectronics (nota anche come Kangxi Communication Technologies) (Shanghai, Cina) – E’ impegnata a fornire dispositivi Wi-Fi front-end ad elevate prestazioni, alta linearità e altamente integrati per infrastrutture WLAN, connettività wireless su piattaforme cellulari e Internet delle cose.

Paxata (Redwood City, California, USA) – E’ una piattaforma leader nel campo delle informazioni aziendali self-service di livello enterprise che soddisfa le esigenze sia di utenti aziendali che dei reparti IT. Con Paxata, gli analisti aziendali, gli ingegneri e gli scienziati dei dati sono in grado di trasformare istantaneamente i dati grezzi in informazioni pronte per l’analisi aziendale con precisione ed efficienza. Non c’è alcuna necessità di programmazione o campionamento poiché Paxata sfrutta una tecnologia di apprendimento automatico, elaborazione del linguaggio naturale e algoritmo semantico, in attesa di brevetto, basata su un’architettura di flusso di tipo colonnare distribuita in memoria per la massima scalabili.

StealthMine (Sunnyvale, California, USA) – Consente l’esecuzione di applicazioni enterprise su dati crittografati. La tecnologia offre l’isolamento completo dei dati da attacchi mirati a server, rete, storage, database e compromissione interna.

Sport e salute

CubeWorks (Ann Harbor, Michigan, USA) – Offre una nuova generazione di computing su scala millimetrica con la sua piattaforma Cubisens, che rende possibile la prima vera piattaforma autonoma wireless dotata di sensori che misura meno di un millimetro. I sistemi Cubisens sono in grado di rilevare ed elaborare l’ambiente circostante, trasmettere i risultati in modalità wireless o archiviarli per un utilizzo successivo.

Kinduct (Halifax, Canada) – Offre un software di gestione e analisi dei dati basato sul cloud per le organizzazioni sportive, le unità militari e di pubblica sicurezza, le cliniche di medicina generale e le istituzioni dedicate alla salute e al benessere. Con un elenco di clienti che comprende le squadre di tutti i cinque principali campionati sportivi in Nord America, la piattaforma Kinduct sta cambiando il modo in cui le informazioni plasmano le performance umane, consentendo alle società di estrarre informazioni da molteplici fonti di dati.  

K4Connect (Raleigh, North Carolina, USA) – Crea soluzioni utili a persone anziane e diversamente abili integrando le più recenti tecnologie e applicazioni intelligenti in un unico sistema reattivo. La prima soluzione proposta, K4Community, è stata appositamente progettata per i residenti di comunità di anziani e crea ambienti più intelligenti e più sani, oltre a favorire il coinvolgimento di famiglia e comunità, fornendo allo stesso tempo agli operatori le informazioni e le analisi necessarie per offrire un livello di cura e ospitalità di livello eccellente.

Realtà virtuale

Dysonics (San Francisco, California, USA) – Sfrutta oltre 20 anni di ricerca accademica per offrire tecnologie brevettate che consentono esperienze realistiche di suoni a 360 gradi in cuffia. Dysonics crea prodotti audio hardware e software immersivi per catturare, creare e riprodurre contenuti di nuova generazione, tra cui la realtà virtuale.

InContext Solutions (Chicago, Illinois, USA) – Sviluppa soluzioni scalabili di realtà virtuale basate sul cloud per il settore retail che offrono informazioni strategiche a produttori e rivenditori. La piattaforma di realtà virtuale e i servizi SaaS di livello enterprise di questa azienda consentono ai marchi di visualizzare nuove informazioni e comprendere meglio il comportamento degli acquirenti nell’ambito dello spazio retail in rapida evoluzione, in modo efficiente e proficuo.

Alcuni di questi investimenti sono stati realizzati nell’ambito della nuova area Sports and Health di Intel Capital, che impiega un approccio interdisciplinare ad ampio spettro che comprende molteplici team di investimento. Questa nuova area risponde alle recenti osservazioni del CEO di Intel Brian Krzanich sul fatto che “la digitalizzazione rappresenta il più importante cambiamento nello sport da decenni”. Grazie alla potenza del computing ad elevate prestazioni di Intel, ogni aspetto di sport e benessere può essere acquisito come dato, misurato e trasmesso in tempo praticamente reale, contribuendo alla costante crescita e diffusione del cloud.

Inoltre, Brooks ha annunciato lunedì la costituzione del nuovo gruppo Intel Sports, focalizzato sullo sviluppo dei rapporti con le principali federazioni sportive per sfruttare tecnologie Intel, per offrire ai tifosi nuove esperienze immersive. Brooks supervisionerà la business unit collaborando strettamente con le attività Sports and Health di Intel Capital. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati