Nuovi scrittori, community e distribuzione alternativa: ecco perché una casa editrice compra una startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

EconomyupTv

Nuovi scrittori, community e distribuzione alternativa: ecco perché una casa editrice compra una startup

21 Giu 2016

HarperCollins Italia, branch italiana di uno dei più grandi editori al mondo ha acquisito 20lines, piattaforma per pubblicare racconti. Un caso di open innovation raccontato a EconomyUp da Lisa De Pompeis, manager della società editrice, e Pietro Pollichieni, cofounder dell’azienda rilevata

HarperCollins Italia, la branch italiana di una delle maggiori case editrici al mondo (quella che, per intenderci, pubblica gli Harmony ed è del gruppo NewsCorp di Murdoch), ha rilevato nel febbraio 2016 20lines, una startup che ha creato una piattaforma per pubblicare racconti online. Un puro caso di open innovation.

Uno dei fondatori della startup, Pietro Pollichieni, e la manager della casa editrice che segue il rapporto con la community di utenti, Lisa De Pompeis, raccontano i motivi dell’acquisizione e quali sviluppi ha prodotto e vuole produrre.

Articoli correlati