Angelo Coletta, lo Startup Act 10 anni dopo: che cosa serve adesso

STARTUP ACT 2012-2022

Angelo Coletta: per le startup almeno 5 miliardi l’anno per i prossimi 5 anni



Serve una politica di lungo termine ma anche un quadro legislativo meno barocco e più aperto all’innovazione e ai talenti. È quello che chiede il Past President di InnovUp Angelo Coletta al Governo che verrà. “Siamo ancora troppo provinciali”

di Giovanni Iozzia

07 Set 2022


Angelo Coletta, imprenditore e Past President di InnovUp.

A CDP Venture Capital arrivano nuovi capitali “promessi” dal Mise per dare una ulteriore spinta agli investimenti sulle startup e le PMI innovative. Un passo avanti ma bisogna farne altri. Angelo Coletta, imprenditore (è tra gli altri impegni founder e CEO della startup di visual commerce Zakeke) è stato presidente di Italia Startup dal 2018 al 2021, portando l’associazione alla fusione con Apsti (L’associazione dei Parchi Tecnologici) da cui è nata InnovUp e chiede un importante salto di qualità nell’impegno finanziario a favore dell’ecosistema italiano dell’innovazione. Dopo Riccardo Donadon e Marco Bicocchi Pichi con lui proseguiamo la serie di incontri con i presidenti dell’associazione di riferimento per l’ecosistema in occasione dei 10 anni dello StartupAct

Startup Act Italia 2012-2022, Corrado Passera: ora premiamo di più chi investe sull’innovazione e diamo una scossa al venture capital

Dieci anni dopo, qual è il tuo bilancio dello Startup Act?

Il bilancio è sicuramente positivo. Le startup sono entrate nel vocabolario della politica economica e si intravede finalmente un ecosistema che nel suo complesso ha ora una struttura per poter crescere e scalare in tutte le sue componenti.

WHITEPAPER
Vuoi lanciare la tua Startup? Ti sveliamo i 4 motivi per cui dovresti utilizzare HubSpot
Startup
Inbound

Che cosa ha funzionato e che cosa non ha funzionato?

Ha funzionato l’idea di creare una legislazione ad hoc che ha permesso che il fenomeno cominciasse ad essere “classificato” e quindi visibile. Ciò che non ha funzionato è che la norma non può sostituire la cultura del rischio e dell’innovazione su cui c’è ancora tantissimo da fare

Che cosa serve per i prossimi 10 anni?  Tre priorità a partire dalla prossima legislatura

1) una politica di lungo termine in termini di risorse per sostenere la crescita finanziaria di tutto l’ecosistema: almeno 5 miliari di euro l’anno per i prossimi 5-7 anni

2) migliorare complessivamente il legal  framework pro-innovazione, allineandolo ai migliori standard internazionali. Siamo ancora un po’ barocchi per attrarre talenti sul nostro territorio a tutti i livelli (startupper, manager,top manager, gestori fi fondi di successo, etc) e per professionalizzare e managerialjzzare tutto ecosistema. Siamo ancora culturalmente troppo provinciali

3) investire come Paese sulle hard skill. Soprattutto i laureati stem devono quintuplicare nel prossimo decennio se vogliamo essere attori nelle industry significative del futuro

Una domanda personale: che cosa facevi nella primavera – estate del 2012? Eri già impegnato con le startup?

Si sudava molto in quell’estate…e non era per il caldo. Nel 2012 ero impegnato nella battaglia per far crescere la mia startup bookingshow, nel settore del ticketing degli eventi, che nel 2017 sono riuscito a vendere con soddisfazione.

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.