LA GUIDA

Connected car: che cos’è, che cosa può fare (anche in caso di incidente), quali i vantaggi

Condividere i dati sul traffico, suggerire deviazioni al percorso in modo da saltare le code, accendere l’aria condizionata qualche minuto prima di salire a bordo, fornire un servizio di concierge: sono alcune delle caratteristiche della connected car, uno dei grandi trend del futuro dell’industria automotive

Pubblicato il 19 Giu 2023

Connected car

Le auto connesse (connected car), parte di quell’IoT (Internet of Things, Internet delle Cose) che ormai pervade qualsiasi ambito della quotidianità, sono in grado non solo di comunicare con altri oggetti, ma consentono anche al proprietario di controllare e gestire da remoto alcune funzioni. I “normali” prodotti IoT permettono ad esempio di regolare il riscaldamento di casa, oppure di ordinare il latte se il frigo si “accorge” che è finito.  Le auto connesse danno accesso a una gamma di possibilità di comunicazione molto più ampia.

Oltre a consentire agli automobilisti di accedere, generalmente tramite smartphone, a informazioni relative allo stato dell’auto, alla sua localizzazione e ai dati tecnici, le auto connesse sono anche capaci di avvertire i servizi di emergenza in caso di incidente, di contattare l’officina se qualcosa nel motore non va come dovrebbe, di avvertire il gommista se si fora.

Leggi tutti gli articoli sulla connected car

Che cos’è la connected car

Un’auto connessa è dunque una vettura che dispone di una propria connessione a Internet, grazie alla quale l’auto stessa può condividere il proprio accesso a internet con i passeggeri e consentire l’accesso ai suoi dati a dispositivi che si trovino all’interno dell’auto ma anche da remoto.

Che cosa può fare

L’auto connessa è in grado di soddisfare una vasta gamma di esigenze grazie alle sue molte funzioni. Ad esempio può comunicare con i sistemi di navigazione satellitari per condividere i dati sul traffico, e al tempo stesso ricevere quegli stessi dati per suggerire deviazioni al percorso in modo da saltare le code. Può anche (grazie ai servizi disponibili su smartphone) accendere l’aria condizionata qualche minuto prima dell’arrivo del guidatore per rinfrescare o riscaldare l’abitacolo, oppure accendere i fari a distanza per farsi individuare in un parcheggio affollato, o farsi localizzare in caso di furto.

Alcuni sistemi operativi delle auto connesse dispongono anche di sistemi di “concierge”. Ad esempio è possibile, mentre si è in strada, far prenotare all’auto un albergo, un parcheggio o un ristorante vicino alla destinazione; oppure prenotare la revisione o interventi meccanici in caso di guasti che è l’auto stessa a segnalare sia al proprietario sia alle officine convenzionate.

Nuove tecnologie e case automobilistiche

Le nuove tecnologie sono le protagoniste indiscusse della connected car. Ecco come i principali player del settore stanno costruendo l’auto connessa: Mercedes ha sviluppato un sistema di parcheggio da remoto tramite app, un assistente di sterzata autonoma per evitare ostacoli e uno per il sorpasso autonomo. Volvo ha presentato un sensore che riconosce i bordi della carreggiata anche se non sono segnalati dalle strisce. BMW consente di aggiornare via web le mappe.

Automotive, tutta la tecnologia dentro l’auto connessa

Connected car, emergenze e incidenti

Da marzo 2018, all’interno dell’Unione Europea, tutte le nuove auto devono obbligatoriamente montare un sistema di sicurezza che comunica alle forze di polizia se la vettura è rimasta coinvolta in un incidente: il sistema, utilizzando il GPS, comunica i propri dati di telemetria e la posizione, in modo da allertare i soccorsi fornendo direttamente i dati indispensabili per l’intervento.

Quali vantaggi per i passeggeri?

Le auto connesse, oltre a offrire opzioni di sicurezza e di controllo remoto, possono anche condividere il proprio accesso Internet creando un hotspot Wi-Fi ad hoc, così da consentire ai passeggeri di utilizzare la rete dell’auto per navigare, guardare contenuti di intrattenimento in streaming, lavorare e studiare.

Il mercato auto connessa in Italia

Secondo i dati dell’Osservatorio Connected Car & Mobility della School of Management del Politecnico di Milano, nel 2022 il mercato delle soluzioni per l’auto connessa in Italia vale 1,4 miliardi di euro (+10% rispetto agli 1,28 del 2021 e +8% sugli 1,18 del 2020).

A fine 2022 nel nostro paese si contano 19,7 milioni di auto connesse, un’auto su due del parco circolante (50%), 1 ogni 3 abitanti.

Connected Car 2023, mercato in crescita: in Italia l’auto connessa vale 2,5 miliardi

Auto connessa e auto del futuro

Grazie alla rete 5G, infatti, l’obiettivo per il futuro è quello di far comunicare costantemente l’auto con l’ambiente circostante (ad esempio con le altre auto, con la segnaletica stradale connessa e anche con la stessa strada): secondo i primi test, in questo modo sarà possibile ridurre del 68% gli incidenti stradali. Nelle auto a guida autonoma, poi, la connettività sarà ancora più importante: questi veicoli utilizzeranno le informazioni di telecamere, laser e radar per creare una mappa digitale 3D dei loro dintorni, comunicheranno con i veicoli che le circondano per ottenere maggiori informazioni sul loro comportamento (e prevedere e anticipare i loro movimenti).

5G e auto connessa: che cosa può fare la banda superveloce con una connected car

Auto connessa: i test in Italia

Il test di auto connessa e 5G a Torino

La “5G Automotive Association”, che riunisce aziende del settore automobilistico, tecnologico e delle telecomunicazioni, ha organizzato a Torino un evento per scoprire le possibilità offerte dalle nuove tecnologie attraverso dimostrazioni dal vivo. Ecco come è andata e il video esclusivo del test

Torino, il test del 5G per l'auto

Torino, il test del 5G per l'auto

Guarda questo video su YouTube

Il test di auto connessa e smart road sull’A4

Sono stati svolti nel 2021 i primi test relativi a un’auto connessa in autostrada: una vettura ha percorso il tratto autostradale Arluno-Rho della A4 in entrambe le direzioni di marcia. Obiettivo: verificare gli attuali livelli di connessione fra l’autovettura (provvista di dispositivo Car-to-X) e l’ambiente esterno.

Smart Road: nel tratto milanese dell’A4 primi test per l’auto connessa

Articolo aggiornato il 19 giugno 2023

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Concetta Desando
Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4