Piacentini Commissario al Digitale un mese dopo, i commenti e le aspettative | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Piacentini Commissario al Digitale un mese dopo, i commenti e le aspettative

10 Mar 2016

All’attuale vicepresidente di Amazon il Consiglio dei ministri ha assegnato il 10 febbraio questa carica che ricoprirà a partire dall’estate. Ecco la bio e i commenti sul suo arrivo da parte di player del digitale e dell’ecosistema delle startup

Un mese fa Diego Piacentini, milanese, 55 anni, attuale vicepresidente di Amazon, colosso mondiale del commercio elettronico, è stato nominato dal Consiglio dei ministri Commissario di governo per il digitale e l’innovazione, carica che ricoprirà a partire dalla prossima estate. Ecco chi è, cosa pensa e cosa pensano della sua nomina i player del settore.

Gli studi e la carriera di Diego Piacentini – Un anno all’estero a 17 anni, laurea in Bocconi, una carriera iniziata in Fiatimpresit, transitata per Apple e approdata in Amazon, dove è tuttora vicepresidente. Chi è l’uomo che Steve Jobs non riuscì a convincere a restare in azienda e che Renzi ha convinto a portare l’innovazione in Italia

Diego Piacentini, il pensiero del commissario per l’Italia Digitale in 10 pillole – Tutto quello che pensa sull’Italia, l’innovazione, le startup e la burocrazia (“C’è differenza fra quella centrale e quella locale”). Con i video da vedere per conoscere meglio il manager chiamato per rivoluzionare la pubblica amministrazione

Carlo Mochi Sismondi: “Bentornato Piacentini! Ma sarai staff o line?” – Il presidente di Forum PA, uno dei maggiori conoscitori della pubblica amministrazione, dice: “Non serve un altro consigliere, ma un amministratore delegato…”

Elserino Piol: «Un’operazione demagogica» – Il “Grande Vecchio” del web italiano commenta: «Scelta valida e corretta. Ma anche una manovra politica e di immagine. Un uomo da solo non può fare molto. Mi auguro che avrà una struttura da governare. E che potrà intraprendere azioni per scardinare la macchina burocratica»

Costanza: «Mi aspetto una diagnosi completa del malato Italia» – «Mi aspetto che il governo raccolga seriamente la sfida di un’Italia veloce ed efficiente e che sappia individuare le cause dei fallimenti di questi anni, che hanno fatto finire il nostro Paese al 25° posto in Europa nella digital economy» dice l’imprenditrice e giurato di “Shark Tank”

Cosa si attendono le startup – Interventi a sostegno degli investimenti e la creazione di sinergie fra le nuove imprese e le grandi ma anche con la pubblica amministrazione. Le priorità per il manager che arriverà da Amazon secondo Paola Marzario (BrandOn), Gian Luca Ranno (Gnammo), Roberto Macina (Qurami) e Mirko Lalli (TravelAppeal)

Bicocchi Pichi: «Ci aiuti a realizzare la strategia delle due portaerei» – Una è quella italiana per fare atterrare le nostre imprese negli Stati Uniti, l’altra è quella americana per fare arrivare in Italia imprese e capitali Usa. Un appello del presidente di Italia Startup al prossimo Commissario Digitale. Che dovrà dimenticare gli interessi statunitensi in Europa

Camisani Calzolari: «Con Piacentini finisce l’era dei Gattopardi digitali» – «Finora innovatori e consulenti hanno annunciato di voler cambiare tutto per non cambiare niente», dice il titolare della rubrica Pronto Soccorso Digital su Rai1. «Il commissario nominato da Renzi è la nostra ultima speranza» (L.M.)

 

 

 

 

 

 

 

 

  • claudio

    io ho bisogno di Piacentini tutti abbiamo bisogno di Piacentini.che ci crediate o no ho delle app da sviluppare e mi serve l’appoggio di gente forte spero che legga e che mi risponda.la teknologia non si ferma.ricordatevelo.

Articoli correlati