Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Descrizione del livestream!

Costanza: «Da Piacentini mi aspetto una diagnosi completa del malato Italia»

di Concetta Desando

22 Feb 2016

«Mi aspetto che il Governo raccolga seriamente la sfida di un’Italia veloce ed efficiente e che sappia individuare le cause dei fallimenti di questi anni, che hanno fatto finire il nostro Paese al 25° posto in Europa nella digital economy» dice l’imprenditrice sul nuovo commissario per l’Italia Digitale

Mariarita Costanza
Evitando di dare eccessivo peso ai tanti “gufi” – come direbbe qualcuno – a proposito delle indiscrezioni trapelate e sul presunto conflitto di interessi, preferisco soffermarmi sull’alto profilo e sulle indubbie qualità manageriali di Diego Piacentini.  Mi auguro quindi che il suo contributo all’AgID sia generoso e indipendente, e che faccia una diagnosi completa del malato prima di prescrivere la terapia. A cominciare dall‘individuazione delle cause dei fallimenti e delle mille omissioni di questi anni, per la mancanza di una regia unica e di linee di indirizzo sulla modernizzazione del nostro Paese, finito al 25° posto in Europa nella digital economy. 

Tutto quello che vorreste sapere su Diego Piacentini

Mi aspetto che il Governo raccolga seriamente la sfida di un’Italia veloce ed efficiente dotandosi di tutte le infrastrutture, recependo concretamente tutti i consigli che Piacentini data la sua grande esperienza potrà portare, soprattutto non lasciandolo solo, ma sostenendolo con un team di esperti con un potere di spesa che al momento mi sembra poco rilevante.   

Diego Piacentini, il pensiero del commissario per l’Italia Digitale in 10 pillole

Per favorire l’innovazione, la crescita economica e la competitività non ci sono più alibi: la missione dell’AgID è chiara e deve produrre risultati concreti. Dalle connessioni ad internet veloce (una realtà solo per 1 famiglia su 5 in Italia!) alla semplificazione del Welfare e alla digitalizzazione della Sanità e della Pubblica Amministrazione; dalla diffusione della rete dalla Scuola alle PMI dove solo il 5,1 % delle imprese usa l’e-commerce.

Infine guarderei con molta attenzione al mondo delle “smart city” (dalla smart mobility al futuro delle connected cars) e della sicurezza telematica che devono aiutare tutte le imprese a restare sempre collegate e produrre meglio e con un impatto ambientale più sostenibile. L’innovazione deve dare una spinta verso un pianeta non solo più efficiente, ma anche più equo e giusto.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network