Auto a guida autonoma, General Motors pronta a lanciarla entro il 2020 | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Auto a guida autonoma, General Motors pronta a lanciarla entro il 2020

06 Ott 2017

Il gruppo americano, secondo gli analisti, è in posizione avanzata rispetto ai concorrenti per avviare la produzione di massa e monetizzare entro un anno e mezzo gli investimenti. Ne sono prova i test condotti a San Francisco e la presentazione del design della sua prima driverless car, la Cruise Generation

Se nuove case automobilistiche come Tesla sono già note per essere in testa alla corsa verso l’auto a guida autonoma, i giganti dell’auto tradizionale non stanno certo a guardare. Tra tutti, secondo Rod Lache, analista di Deutsche Bank, General Motors è in posizione particolarmente avanzata per riuscire ad avviare la produzione di massa e monetizzare a breve termine (entro un anno e mezzo) gli investimenti in questo settore.

Driverless car, l’accelerazione di General Motors: compra una startup per 1 miliardo di dollari

“Le auto a guida autonoma di GM – ha scritto Lache un paio di settimane fa in una nota, secondo quanto riferito da Cnbc ­- saranno pronte per il dispiegamento commerciale, senza autisti umani, molto prima di quanto ampiamente atteso (entro semestri, non anni) e potenzialmente anni prima dei concorrenti. Crediamo che il business costruito su questa piattaforma crescerà molto più velocemente delle attese, e una crescita veloce potrà garantire vantaggi sostanziali”.

Driverless car, chi ci crede di più (a sorpresa) è Bosch

Secondo l’analista, la prova dell’imminente lancio delle vetture autonome da parte di GM sono i recenti test condotti in complessi urbani come San Francisco e la presentazione del design della prima auto autonoma della casa americana, la Cruise Generation 3.

Automotive, tutta la tecnologia dentro l’auto connessa

Secondo l’ipotesi di Deutsche Bank, al momento del lancio della sua auto autonoma GM punterà non tanto sul mercato retail quanto sulla costruzione di una flotta commerciale per fornire servizi di mobilità in ambiente cittadino: in altre parole, una rete di car sharing automatizzata. La nota dell’analista rileva infatti come oltre il 60% degli americani che vivono in città troverebbe più conveniente (sia dal punto di vista logistico sia da quello economico) utilizzare servizi di mobilità automatici piuttosto che comprare un veicolo, e ciò consentirà alla casa automobilistica di raggiungere una quota di mercato del 17,5% a livello degli Stati Uniti, con un valore potenziale di 7mila miliardi di dollari per il mercato globale. “Si tratta – sottolinea Lache – di un’opportunità enorme, con un modello di monetizzazione (diverso dall’attuale transazionale/ciclico del quale vivono attualmente le case automobilistiche) da valutare con particolare attenzione”.

 

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati