2016, dove comincia il futuro: come rivedere la puntata | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

EconomyUp Tv

2016, dove comincia il futuro: come rivedere la puntata

07 Dic 2016

Ecco l’ultimo episodio della stagione del nostro magazine tv. Discutiamo di Trump e innovazione con Alberto Onetti (Mind the Bridge), di exit con Andrea Dusi e Cristina Pozzi (Wish Days), di open innovation con Fabrizio Ruggiero (Europcar) e di finanziamenti pubblici con Davide Dettori (im3D)

Andrea Dusi e Cristina Pozzi di Impactscool con Giovanni Iozzia
Il 2016 volge al termine. È già tempo per stilare i bilanci. Quali sono stati i fatti più importanti di questi dodici mesi per il mondo dell’innovazione? Se ne è parlato nell’ultima puntata dell’anno di EconomyUpTv (durata doppia), “2016, dove comincia il futuro”, andata in onda il 6 dicembre su ReteconomySky512.

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

Si parte con l’avvenimento che potrebbe avere più effetti, e non solo sulle realtà innovative: l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca. Come potrebbe impattare sulla Silicon Valley e sulle startup europee? Ne discutiamo con Alberto Onetti, chairman di Mind The Bridge e coordinatore di Startup Europe Partnership.

Il 2016 è stato un anno positivo per l’ecosistema italiano, con una crescita degli investimenti in startup e un buon numero di exit: 19. Tra queste c’è stata quella di Wish Days, società veronese che produce cofanetti regalo ed è stata ceduta all’irlandese Smartbox. A raccontare questa esperienza ci sono i fondatori Andrea Dusi e Cristina Pozzi, che ci introducono anche al loro nuovo progetto imprenditoriale Impactscool.

È stato un anno in cui l’open innovation è diventato un termine ricorrente, quasi un mantra. Numerose grandi società cominciano a scommettere su realtà esterne come le startup. Tra queste Europcar, che ha investito nella nuova impresa italiana Wanderio. A Fabrizio Ruggiero, deputy CEO della compagnia di autonoleggio, abbiamo chiesto di raccontarci l’esperienza dell’Europcar Lab, la struttura attraverso il quale l’azienda sviluppa iniziative di innovazione aperta.

Infine, la nota stonata. Che in questa puntata doppia è un incontro tra Giovanni Iozzia e Davide Dettori, fondatore e CEO della startup biomed im3D che giudica sbagliato che i soggetti pubblici entrino nel capitale delle nuove imprese. La PA, dice Dettori, deve essere cliente delle startup: solo così può aiutarne lo sviluppo.

Articoli correlati