Voglia di impresa: il debutto di EconomyUp in tv | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nuove iniziative

Voglia di impresa: il debutto di EconomyUp in tv

10 Giu 2014

Sulla piattaforma satellitare Reteconomy, Sky 816, il 10 giugno è andata in onda la prima puntata del magazine televisivo nato dal nostro sito e registrato al Polihub di Milano. Gli ospiti: Riccardo Donadon, Barbara Labate e Salvo Mizzi. Il programma si può rivedere on demand

Il 10 giugno EconomyUp ha debuttato in  tv. Alle 22 va in onda su Reteconomy (canale Sky 816) la prima puntata del magazine televisivo nato dall’esperienza del nostro sito: si può vedere seduti davanti al televisore, ma anche in web streaming sul sito di Reteconomy, dove è possibile rivedere tutti i programmi on demand anche successivamente alla messa in onda.

► Per rivedere la prima puntata clicca qui

EconomyUp di fatto è il primo programma televisivo dedicato alle startup, anche se non parla solo di startup ma, in sintonia con il progetto editoriale web,  racconta l’innovazione che attraversa il made in Italy grazie anche alle relazioni crescenti fra “vecchie” e nuove imprese.

Condotto da Giovanni Iozzia, direttore di EconomyUp, il programma ha come teatro l’Arena del Polihub, l’incubatore d’impresa del Politecnico di Milano. È nato dall’incontro con Reteconomy, televisione disponibile su Sky, web  e Youtube e dedicata allo sviluppo di contenuti video di carattere economico, che l’ha inserito nel nuovo palinsesto. «Reteconomy è un canale specializzato che nasce dall’esperienza e dalle competenze dei commercialisti italiani. Da fine maggio abbiamo rinnovato la nostra offerta con un nuovo palinsesto e un nuovo sito», spiega il direttore Elisa Padoan. «Il nostro obiettivo è offrire una visione sempre più completa e dinamica dell’economia: dall’automotive alle imprese digitali, dalla sostenibilità ambientale alla tecnologia, passando per i grandi dibattiti della politica e del lavoro, senza trascurare i temi più spinosi, come quello del rapporto tra cittadini e fisco. Lo faremo grazie anche al contributo di professionisti come Giovanni IozziaFrancesco Specchia, firma di Libero e conduttore del primo talk show sul fisco I tartassati, e Marco Gatti, ex direttore del mensile Espansione, che per noi ha ideato e conduce Smart City, programma dedicato ai temi della mobilità urbana e dello sviluppo sostenibile». 

Nella prima puntata di EconomyUp si parla della Voglia di impresa che attraversa l’Italia da Nord a Sud e che si manifesta con la nascita di migliaia di startup, che stanno cogliendo le opportunità offerte dalla tecnologie digitali. Molte quelle che hanno superato il milione di euro di fatturato.

A raccontare questo nuovo ecosistema e come funziona comincia Riccardo Donadon, presidente di Italia Startup, l’associazione che ha favorito lo sviluppo di un’importante legislazione a favore delle startup, e fondatore di H-Farm, fabbrica modello di imprese digitali dove è andato Matteo Renzi nella sua prima uscita da premier. La storia della settimana è quella di Barbara Labate che nell’ecosistema delle startup è un caso perchè è donna, viene dal Sud e ha creato un’impresa che ha vinto molti premi e ha ottenuto importanti finanziamenti: Risparmio Super, un comparatore di prezzi per trovare il supermercato dove è più conveniente fare la spesa.  Barbara Labate viene dalla Sicilia, dove è stato appena inaugurato il più grande acceleratore del Mezzogiorno: WorkingCapital Catania. EconomyUp è andato a visitarlo con Salvo Mizzi, responsabile digital markets e founder di Working Capital, il programma della compagnia telefonica a sostegno delle startup. 

A completare EconomyUp due rubriche settimanali: StartupCorner, i videoconsigli del Polihub per fare i passi giusti quando si avvia un nuovo progetto imprenditoriale, e Fa’ la cosa giusta, in cui Emil Abirascid, founder di Startup Business, smonta i luoghi comuni sulla nuova imprenditorialità e l’innovazione.

 

Redazione

Articoli correlati