Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Descrizione del livestream!

Turismo

Travel Appeal, 720mila euro alla startup che usa l’AI per il mondo dei viaggi

di Luciana Maci

15 Mar 2017

Il round è stato sottoscritto da 3 imprenditori internazionali del travel. Servirà alla società toscana partecipata da H-Farm a sviluppare ulteriormente il sistema di Intelligenza Artificiale che, attraverso l’uso dei Big Data, consente alle realtà turistiche di semplificare l’interazione con i clienti, per esempio attraverso i chatbot

Mirko Lalli, fondatore di Travel Appeal
Arrivano 720mila euro di finanziamenti per Travel Appeal, la startup toscana fondata tre anni fa da Mirko Lalli che si occupa di comunicazione digitale e big data analytics per il mondo del turismo. La società ha chiuso in questi giorni un aumento di capitale con una valutazione post money di 6 milioni di euro.

Il round tecnico di finanziamento è stato sottoscritto da un club deal composto da 3 imprenditori internazionali che operano nel settore del travel e che, grazie a questa operazione, detiene oggi il 12% della società. I nuovi fondi verranno utilizzati da Travel Appeal per sviluppare ulteriormente il proprio sistema di intelligenza artificiale e per spingere l’acceleratore sul processo di internazionalizzazione da poco avviato attraverso una presenza sempre più capillare in particolare in Europa e negli Stati Uniti.

Cos’è l’Intelligenza Artificiale

Partecipata da H-Farm, Travel Appeal monitora e analizza in tempo reale i dati online del settore travel e, attraverso un sistema di intelligenza artificiale, ne ottimizza l’interpretazione trasformandoli in consigli pratici per gli operatori del turismo.

Cos’è Travel Appeal – Fondata nel gennaio del 2014, mette a disposizione un software per singole strutture

(hotel, b&b, campeggi, ristoranti, musei) e soluzioni specifiche di analisi per gruppi, catene, consorzi e territori. Ha recentemente sviluppato un nuovo prodotto: un “assistente virtuale” basato sul proprio motore di Intelligenza Artificiale (chatbot) che consente ai clienti di Travel Appeal di favorire e semplificare l’interazione con i viaggiatori loro ospiti. A partire da questa primavera avvierà un piano di stock option per i suoi dipendenti.

Travel Appeal: “I big data sono il futuro del turismo, noi li usiamo così”

Travel Appeal, il ministero ci ha dato 38mila euro per monitorare i musei

Oggi lo staff della startup che conta due sedi operative, una nel cuore del Campus di H-Farm a Ca’ Tron (Treviso) e una a Firenze, è composto di 20 persone, ma nuove assunzioni sono in programma entro l’anno.

“Travel Appeal fin dal primo momento ha sempre avuto una vocazione internazionale – ha dichiarato il fondatore Mirko Lalli – e si è confrontata con successo con uno scenario competitivo globale. L’iniezione di nuove risorse è per noi fondamentale perché ci permettono di mantenere la nostra tecnologia all’avanguardia e in grado di anticipare, attraverso l’Intelligenza Artificiale, i bisogni di chi lavora nel mondo del turismo. Sappiamo quanto sia difficile costruire startup di successo nel mondo travel e quanto sia ancora più complesso farlo dall’Italia. Per questo considero un ottimo risultato la valutazione ottenuta e l’essere riusciti a coinvolger investitori internazionali che dimostrano di credere nel nostro progetto”.

“L’index sviluppato da Mirko e il team di Travel Appeal – ha aggiunto Riccardo Donadon, fondatore e amministratore delegato di H-Farm – è un gioiellino: l’uso sempre più intelligente del software nel leggere i segnali che derivano dalla rete, unito alla sua grande conoscenza del settore, sono il grande punto di forza di questa soluzione. Sono felice di questo raising perché permetterà a Travel Appeal di affrontare molto più rapidamente la sfida di mercati più maturi a livello internazionale”.

H-Farm ha fatto il suo ingresso nel capitale di Travel Appeal nel 2014, con un investimento pre-seed di 250 mila euro; a seguito di questo round la partecipazione di H-Farm passa al 25%. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Master alla Luiss, nel 2000 sono entrata in Misna, primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia. Dal 2013 in DigitalGroup360, scrivo di innovazione, economia digitale e startup per EconomyUp