Speed MI Up, bando in scadenza per 15 posti nell'incubatore | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La call

Speed MI Up, bando in scadenza per 15 posti nell’incubatore

08 Apr 2016

Ancora pochi giorni per le candidature. Possono partecipare aspiranti imprenditori ma anche piccole e medie imprese con meno di 20 mesi di vita, con sede a Milano o disposte a trasferirsi. Ai prescelti una vasta gamma di servizi. Previsto un canone mensile di incubazione

C’è tempo fino al 14 aprile per candidarsi al bando dell’incubatore Speed MI Up di Milano, che mette in palio 15 posti al suo interno per promuovere la nascita di attività imprenditoriali innovative e sostenere lo sviluppo di realtà nelle prime fasi di vita.

Il bando di Speed MI Up, nato dall’iniziativa di Università Bocconi, Camera di Commercio e Comune di Milano, è rivolto ad aspiranti imprenditori in possesso di un diploma di laurea che, indipendentemente dalla provenienza territoriale, costituiscano entro tre mesi dall’ingresso in Speed MI Up una società di capitali operante in qualsiasi settore di attività, con sede legale e/o operativa nel territorio di Milano e provincia, ma anche a micro, piccole o medie imprese, costituite in forma di società di capitali, iscritte al Registro delle Imprese della provincia di Milano con sede legale e/o operativa da meno di 20 mesi dalla data di pubblicazione del bando o disposte a spostare la sede legale e/o operativa a Milano entro tre mesi dall’ingresso in Speed MI Up.

Per partecipare al bando i candidati devono caricare nella domanda online un elevator pitch in formato video di massimo 3 minuti; un business plan; il cv dei partecipanti/soci fondatori. Sul sito dedicato all’iniziativa  è disponibile, previa registrazione e successiva approvazione dell’idea, un videocorso online di 12 ore per l’elaborazione del business plan e istruzioni per la realizzazione del video dell’elevator pitch.

Le idee presentate dovranno essere innovative, solide e potenzialmente internazionali. La selezione dei candidati è effettuata dal Comitato di Gestione del Consorzio Speed MI Up in carica, assistito da un Comitato di Pre-valutazione.

La graduatoria delle imprese ammesse e di quelle in lista d’attesa sarà approvata dal Comitato di Gestione di Speed MI Up entro massimo 60 giorni dalla data di chiusura del bando e sarà pubblicata nell’area riservata al bando sul sito dell’iniziativa. I partecipanti ne riceveranno comunicazione all’indirizzo di posta elettronica indicato in domanda.

È prevista una compartecipazione da parte dei beneficiari ai costi sostenuti dagli enti promotori per l’iniziativa. Il canone mensile di incubazione quale compartecipazione ai costi è di 590 euro più Iva  per le imprese. I selezionati sottoscrivono con il Consorzio Speed MI Up un contratto di prestazione di servizi della durata di due anni. Per i cinque anni successivi alla partecipazione a Speed MI Up, alle imprese verrà richiesto il versamento di una quota annuale di 600 euro di sostegno al progetto quale canone annuo post-incubazione.

Tra i servizi offerti alle startup ci sono attività di tutoring e formazione più altri servizi quali consulenza legale, servizi tecnici, tutoraggio continuativo, networking con i principali investitori (business angel, venture capital) italiani e internazionali e preparazione della startup agli incontri con i potenziali investitori. Inoltre intorno a Speed MI Up si sta creando un network di primari partner interessati a supportare le startup con servizi di alta qualità.

Le domande potranno essere presentate direttamente sul sito fino al giorno 14 aprile 2016, ore 12.00, seguendo le istruzioni pubblicate sul medesimo sito. Al termine della compilazione il sistema genera un file pdf contenente la domanda che dovrà essere stampata, firmata dal proponente e inoltrata via posta elettronica a Speed MI Up entro massimo 10 giorni lavorativi al seguente indirizzo di posta elettronica: segreteria@speedmiup.it. Ciascun candidato può inoltrare una sola domanda di partecipazione al progetto.

Per ulteriori dettagli si può scaricare qui il bando completo 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati