Il venture capital di Invitalia si allea con le startup pisane hi-tech | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Collaborazioni

Il venture capital di Invitalia si allea con le startup pisane hi-tech

05 Ago 2015

Siglato l’accordo tra il nuovo fondo dell’agenzia controllata dal Mise e il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa), impegnato in Ict e robotica: si apre un percorso privilegiato nella raccolta di finanziamenti per imprese e startup incubate dal Polo. Salvo Mizzi, Ad di Invitalia Ventures: «Possono nascere startup adatte allo sviluppo globale»

Salvo Mizzi, Ad di Invitalia Ventures
Il venture capital di Invitalia si allea con le startup hi-tech di Pisa. Invitalia Ventures,  il nuovo fondo di venture capital creato da Invitalia, l’agenzia per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa controllata dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), ha stretto un accordo di collaborazione con il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa), che gestisce il Polo d’Innovazione toscano ICT & Robotica. Obiettivo: individuare opportunità di investimento in settori ad alto contenuto innovativo.

Si apre così un percorso strategico privilegiato che favorirà sia le imprese e le startup assistite e incubate dal Polo sia l’attività di Invitalia Ventures.

Il Polo di Navacchio, che, come detto, gestisce il Polo d’Innovazione toscano ICT & Robotica, con 700 imprese aderenti, e fa da segreteria tecnica del relativo Distretto tecnologico, conta circa 55 imprese hi-tech, laboratori, centri servizi e opera nel territorio per migliorare le performance di competitività delle imprese.

Invitalia Ventures è la SGR controllata da Invitalia nata per rafforzare la Venture Industry italiana.

Qui l’intervista rilasciata in esclusiva a EconomyUp da Salvo Mizzi, AD di Sgr Invitalia Ventures

Attraverso il fondo Italia Venture I, con una dote di 50 milioni di euro del governo italiano, parteciperà all’equity di startup hi-tech, coinvestendo con venture capital privati nazionali e internazionali nei settori ICT, Logistica e Meccatronica, Biotech & Health, Energia, Ambiente, Governo e PA, Cleantech & Greentech.

“In vista del lancio ormai prossimo delle attività del Fondo Italia Venture I – ha commentato Salvo Mizzi, AD di Invitalia Ventures – è molto importante ampliare e sostenere la qualità del deal flow e delle startup italiane. Sono convinto che dalle università e dai poli tecnologici possano nascere, attraverso la rete degli spin-off, startup adatte a uno sviluppo globale, in grado di superare la monocultura digital/app che ha dominato a lungo il nostro ecosistema. Il Polo di Navacchio raccoglie le energie del tessuto universitario di Pisa (Statale, Normale, Sant’Anna) e ha quindi tutte le potenzialità per contribuire a tale evoluzione. Mi auguro che a questo primo accordo ne seguano altri con i grandi poli della ricerca e dello sviluppo made in Italy”.

“Grazie alla firma di questo accordo, il primo a livello nazionale che Invitalia Ventures stringe con un Parco Tecnologico – afferma Andrea Di Benedetto, presidente del Polo di Navacchio – il nostro Polo si configura sempre più come un luogo di opportunità per le imprese. Investire in un’azienda, infatti, significa avviare una serie di operazioni complesse, a partire dall’individuazione delle startup e delle intelligenze più meritevoli. Il Polo Tecnologico di Navacchio, con questa collaborazione, faciliterà il compito di Invitalia Ventures, mettendo a disposizione il suo ‘patrimonio’ di competenze, imprese e startup innovative e favorirà l’attrazione di capitali sul territorio”. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati