Da Quadrivio Capital e Como Venture 500mila euro per Pilegrowth Tech | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Investimenti

Da Quadrivio Capital e Como Venture 500mila euro per Pilegrowth Tech

05 Nov 2014

Altri argomenti

La startup innovativa nel settore dei semiconduttori e dei dispositivi elettronici ha ideato una tecnologia che consente di depositare diversi materiali semiconduttori su silicio, senza produrre le consuete crisi di rigetto. Un progetto innovativo che ha conquistato la copertina di Science

Leo Miglio, fondatore e Presidente insieme ad Hans von Känel, fondatore e Direttore Tecnico di Pilegrowth Tech
Il suo progetto tecnologico ha conquistato la copertina di Science e non è un caso che Quadrivio Capital SGR (per mezzo del proprio fondo dedicato al Venture Capital TTVenture), Como Venture S.r.l. e LPE S.p.A., dopo aver creduto nel progetto imprenditoriale con un primo round avvenuto nel 2012, abbiano deciso di partecipare a un nuovo investimento in Pilegrowth Tech S.r.l., società attiva nell’’industria dei semiconduttori, apportando risorse finanziarie e industriali per un valore superiore ai 500mila euro.

Startup innovativa nel settore dei semiconduttori e dei dispositivi elettronici, Pilegrowth Tech ha ideato una tecnologia che consente di depositare diversi materiali semiconduttori su silicio, senza produrre le “crisi di rigetto” che le differenti strutture atomiche normalmente generano.

Tale tecnologia permetterebbe di unire i vantaggi di processo e di costo del silicio con i vantaggi prestazionali di altri materiali semiconduttori. Una vera innovazione tecnologica, dunque: il difficile obiettivo di Pilegrowth, infatti, è trasformare tale breakthrough scientifico in una piattaforma di prodotti altamente innovativi (dispositivi elettronici per gestire la potenza di molti oggetti di consumo, in sostituzione del silicio, celle fotovoltaiche di alta efficienza ma più leggere, rivelatori di raggi-radiazione estremamente sensibili e precisi).

Il nuovo round è particolarmente finalizzato alla realizzazione di un prototipo di dispositivo elettronico a base di Carburo di Silicio con applicazioni per la power electronics. Allo stato attuale, sono stati effettuati presso i laboratori di Catania del partner industriale diversi test di deposizione su fetta di silicio, modellata secondo la tecnologia di intaglio micrometrico, di cui è proprietaria la Società.

I risultati ottenuti da Pilegrowth Tech sono in corso di analisi presso diversi laboratori internazionali, tra i massimi esperti mondiali per tale materiale. Gli obiettivi del 2015 rappresentano la vera e propria sfida della società: dare vita ad un prototipo in grado di dimostrare le potenzialità della tecnologia proprietaria ed attirare nuovi partner ed investitori.

La società è nata nel 2012 grazie ad un investimento iniziale da parte degli attuali finanziatori e del partner industriale; Pilegrowth, rappresenta un caso unico in Italia di Technology Transfer “from Science to the Market”, in quanto vede  coinvolti dei soggetti primari di tutti i diversi settori della filiera del trasferimento tecnologico: dalla ricerca scaturita dalle università italiane (Pilegrowth Tech è anche spin-off dell’Università degli Studi di Milano Bicocca), ad una azienda  high tech di eccellenza, in un settore altamente competitivo come quello dei semiconduttori, fino ai primari operatori di Venture Capital italiani. I fondatori della società sono risultati anche vincitori del prestigioso “Premio Sapio 2013 per la Ricerca Applicata”.

La startup ha sede a Como ed è nata grazie al contributo di due professori universitari, il prof. Leonida Miglio, Direttore del Centro Interuniversitario L-NESS della Università di Milano Bicocca e del Politecnico di Milano e il prof. Hans von Känel del Politecnico Federale di Zurigo, entrambi con pluridecennale esperienza nel campo.

Ma chi sono gli investitori che credono in questo progetto?

Quadrivio è uno dei principali gruppi di investimento in capitale di rischio in Italia, con oltre 60 professionisti e circa un miliardo di euro di asset in gestione. Quadrivio è inoltre completamente indipendente, in quanto il senior management team, che lavora insieme da oltre 15 anni, ne detiene il controllo.

TTVenture, fondo di Venture Capital del Gruppo Quadrivio, ha lo scopo di valorizzare le iniziative in settori caratterizzati da un elevato grado di tecnologia e di innovazione quali Life-Science, New Materials, Clean Tech e Agro-food. Gli investimenti sono mirati a società target che siano dotate di elevata capacità di generare proprietà intellettuale e coinvolte in attività che favoriscono processi di innovazione, di sviluppo e di trasferimento tecnologico, come Pilegrowth Tech.

Como Venture, presente nella società fin dalla sua nascita, opera nel venture capital investendo in imprese innovative ad elevato contenuto tecnologico e potenziale di crescita, mediante assunzione di partecipazioni al capitale. Como Venture seleziona ed investe in progetti di imprese che favoriscono processi di innovazione, di sviluppo e di trasferimento tecnologico e traducibili in prodotti industriali mentre opera in sinergia con il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, luogo in cui laboratori e centri di ricerca favoriscono il trasferimento tecnologico per le imprese innovative insediate.

Il partner industriale, LPE SpA, è una società fondata a Milano, leader di mercato per la produzione di reattori di deposizione epitassiale per l’industria dei semiconduttori da oltre 30 anni: i propri prodotti, grazie ad una elevata qualità tecnica frutto della notevole esperienza e know-how accumulato, sono riconosciuti dal mercato come tra i migliori disponibili. LPE, da sempre alla ricerca delle possibilità di collaborazione con clienti e fornitori, è una delle principali aziende di tecnologia epitassiale al mondo, leader in un settore che è alla base della moderna rivoluzione digitale.

 

Altri argomenti

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network