Car pooling aziendale: come funziona Upooling, app per scegliere l'auto con l'intelligenza artificiale | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ARTIFICIAL INTELLIGENCE

Car pooling aziendale: come funziona Upooling, app per scegliere l’auto con l’intelligenza artificiale



Utilizzando gli algoritmi per l’intelligenza artificiale di Mapadore e la tecnologia di connessione messa a disposizione da 2hire, Upooling permette di individuare in tempo reale quale sia la associazione migliore tra guidatore e veicolo

di Cristina Mazzani

27 Mag 2019


Una applicazione business per promuovere una gestione del parco macchine aziendale innovativo ed efficiente: è Upooling la nuova proposta realizzata nel contesto di MobilityUp, la realtà impegnata nel sostegno di progetti innovativi in ambito di mobilità che ha promosso la creazione di un ecosistema di start up e non solo specializzate proprio in smart mobility di persone e cose. Tale soluzione per il car pooling aziendale, prodotta da FlexyDrive Italia (start up che sviluppa una piattaforma per la mobilità as a service offerta direttamente a Pmi e in white label a grandi operatori e system integrator) ha messo a fattore comune la tecnologia e l’esperienza di Mapadore (la startup che ha sede a Milano e Roma che offre una app SaaS per ottimizzare l’attività di agenti di commercio e venditori) e di 2Hire, la società che propone tecnologia per i veicoli connessi. Si tratta, più nello specifico, di un servizio business to business che, basandosi sulle tecnologie di intelligenza artificiale e IoT-Internet of things, promuove un concetto di mobilità intelligente e digitale dei veicoli delle imprese, ma anche delle community e dei provider di mobility.

In particolare, per costruire Upooling sono stati utilizzati gli algoritmi messi a punto da Mapadore: grazie all’intelligenza artificiale la app consente di individuare il veicolo più adatto alle esigenze del guidatore e alle caratteristiche della missione da compiere in modo da ottimizzare ogni impiego delle diverse vetture e rendere più profittevoli possibili spostamenti e utilizzo dei mezzi. Grazie alla funzione di “reshuffling” questa associazione tra miglior vettura e guidatore viene fatta in maniera immediata, in seguito a ciascuna richiesta che viene man mano immessa nel sistema, in modo che si abbia una allocazione veloce e sempre efficiente della flotta.

È compito della tecnologia connected vehicle di 2hire geolocalizzare e poi rendere raggiungibili tutti i componenti della flotta in modo che ci sia immediatezza di scambio di informazioni. Grazie all’opzione Smart, è assicurata una semplice esperienza d’uso key-less, all’insegna del concetto di chiave digitale, che permette di andare oltre il problema, purtroppo assai ricorrente, dello smarrimento delle chiavi tradizionali.

In pratica, grazie all’integrazione di tutto questo, Upooling è in grado di occuparsi delle procedure di back office necessarie per tutti gli aspetti di gestione, dalla prenotazione del viaggio alla riconsegna del mezzo, passando per il monitoraggio di chilometraggi e consumi, così come di patenti e permessi/autorizzazioni, per la verifica di anomalie in tempo reale eccetera.

Upooling è stata tra le sedici startup selezionate per l’edizione 2019 di MCE4X4attività che – per volontà di Assolombarda, di Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi e con l’advisoring di Nuvolab – si propone di facilitare l’incontro tra il mondo industriale dei settori della mobilità, dell’energia, dei servizi urbani con quello delle startup portatrici di innovazioni significative in questi settori.

MCE4X4: ecco le 16 startup della mobilità che parteciperanno all’evento del 17 maggio

Questa app per il car pooling aziendale è stata poi presentata a Verona in occasione dell’evento europeo “Automotive Dealer Day” (tra il 14 e il 16 maggio) dedicato agli operatori del settore automotive, un target particolarmente interessato ai nuovi modelli di fruizione dei veicoli.

 

Cristina Mazzani

Giornalista dal 1996, si è sempre occupata di tematiche tecnologiche, scrivendo per riviste dedicate al mondo B2B e al canale di distribuzione Ict. In alcuni periodi ha affiancato a questa…