Fluid-o-Tech, come fare open innovation in un'azienda meccanica | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

EconomyUpTv

Fluid-o-Tech, come fare open innovation in un’azienda meccanica



Diego Andreis, managing director della società di Corsico (Milano) che fattura circa 60 milioni, racconta come ha sviluppato un laboratorio in cui convergono i progetti innovativi anche dall’esterno e da cui è nata una startup, Dolphin Fluidics. “L’innovazione aperta non è solo acquisire tecnologie, ma mettere a fattor comune le competenze”

di Redazione EconomyUp

19 Mag 2016


Diego Andreis è managing director di Fluid-o-Tech, azienda fondata nel 1948 a Corsico, vicino Milano, dal nonno di Diego, Franco Andreis, specializzata in pompe e ingranaggi meccanici. Fluid-o-Tech è una società globale che ha siti in vari Paesi del mondo, dà lavoro a circa 240 persone e nel 2015 ha fatturato circa 60 milioni di euro. Oltre a gestire insieme al fratello Francesco l’azienda di famiglia, Diego ha rivoluzionato le politiche di innovazione creando un laboratorio, F-Lab, in cui si sviluppano i progetti più innovativi, provenienti anche da idee esterne. Da quest’esperienza è nata una startup, Dolphin Fluidics, che sviluppa tecnologie a servizio dell’azienda madre ma non solo. GUARDA IL VIDEO

Redazione EconomyUp