InVRsion, la startup italiana della realtà virtuale raccoglie 600mila euro | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Finanziamenti

InVRsion, la startup italiana della realtà virtuale raccoglie 600mila euro

20 Apr 2016

La nuova impresa che sviluppa applicazioni di VR dedicate al retail, all’automotive e al mercato immobiliare ottiene un round da un gruppo di investitori privati per accelerare la produzione dei primi prototipi realizzati. La società ha un valore stimato di 4 milioni di euro

Nel 2014 Facebook, fiutando il potenziale disruptive della realtà virtuale, comprò Oculus Rift per 2 miliardi di dollari. In Italia, cifre così grandi non ne girano, ma ci sono nuove imprese che iniziano a raccogliere investimenti importanti proprio sviluppando soluzioni di VR. Il caso più recente è quello della startup milanese inVRsion, che ha appena raccolto un finanziamento di 600mila euro a seguito di un investor day organizzato dai quattro fondatori Matteo Esposito, Paolo Pascolo, Flora Caroli e Luca Ferrari Trecate.

La startup, che ha un valore di mercato stimato in 4 milioni di euro, realizza applicazioni di realtà virtuale dedicate ai settori del commercio al dettaglio, dell’automotive e dell’immobiliare. I primi tre prototipi di simulatori immersivi che inVRsion ha messo a punto sono infatti ShelfZone, un simulatore di uno spazio retail che riproduce in 3D negozi, supermercati e centri commerciali; CarZone, simulatore e configuratore di automobili, che permette agli utenti di interagire con le vetture e di “provarle”; ResiZone, un simulatore che ambienti in realtà virtuale e dà all’utente la possibilità di muoversi liberamente negli spazi interagendo con l’arredamento e l’illuminazione.

InVRsion è nata nella primavera del 2015 quando i cofounder, anche alla luce dell’acquisizione di Oculus Rift da parte di Facebook, hanno compreso quanto potesse essere dirompente la realtà virtuale e hanno iniziato a studiare le opportunità di questa tecnologia in alcuni settori fondamentali, anche in chiave made in Italy, come appunto design, automotive e retail.

La startup è composta da un team diviso in due business unit: una tecnologica formata da un ingegneri esperti di real-time engine, programmazione 3D e software online, e una dedicata allo sviluppo e alla creazione di contenuti e asset 3D ottimizzati per la realtà virtuale. 

«Con questi 600mila euro – ha detto Matteo Esposito, ceo di inVRsion, in un’intervista al Sole 24Ore – abbiamo raccolto il capitale necessario ad accelerare la nostra impresa, mettendola su un binario preferenziale per creare prodotti e servizi da proporre in tutto il mondo. Abbiamo anche dimostrato, raccogliendo oltre mezzo milione in pochi mesi, che in Italia si può fare impresa e si può puntare sull’innovazione come si fa nei paesi più avanzati».

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati