Buzzoole, 830mila dollari per la startup di influencer marketing | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Finanziamenti

Buzzoole, 830mila dollari per la startup di influencer marketing

06 Gen 2017

La società napoletana ha annunciato di aver raccolto un finanziamento attraverso convertible note. Il round è guidato dal Venture Fund internazionale Impulse VC con il co-investimento della venture firm tecnologica svizzera R301 Capital

Era nell’aria da tempo, alla fine è arrivata anche l’ufficialità. Buzzoole, piattaforma di influencer marketing ha annunciato oggi di aver raccolto un finanziamento da 830mila dollari attraverso convertible note. Il round è guidato dal venture fund internazionale Impulse VC con il co-investimento della venture firm tecnologica svizzera R301 Capital. L’intero investimento potrebbe raddoppiare (fino a $1,6M) entro 18 mesi e includere ulteriori investitori. Impulse VC rimanda all’imprenditore miliardario russo Roman Abramovich. Dietro Impulse VC c’è infatti Sape.ru, piattaforma per comprare e vendere link sui siti Internet. Il miliardario possiederebbe una quota del 30% in Sape.ru attraverso la società Millhouse LCC.

Abramovich e le startup, la tela del magnate russo (arrivata anche in Italia)

Investimenti, i principali fondi esteri che puntano sulle startup italiane

Grazie a un potente algoritmo proprietario basato sui big data, Buzzoole è in grado di connettere i brand ai giusti influencer – circa 200.000 registrati oggi da tutto il mondo, definiti secondo criteri che vanno al di là della semplice “conta” dei follower – al fine di stimolare le conversazioni sulle loro campagne.

Fondata nel 2013 a Napoli, la startup italiana ha all’attivo collaborazioni con oltre 350 brand internazionali tra i quali Unilever, Mastercard, Ferrero, Toyota, Ford, Red Bull, Samsung, Danone, e Nestlè. Dopo Roma, Napoli e Milano, quest’anno ha aperto una sede anche a Londra.
Il nuovo finanziamento servirà a Buzzoole per portare avanti il programma di espansione internazionale – in primo luogo verso Russia, Francia, Spagna e India – e migliorare il prodotto con nuove partnership e attività di retargeting, programmatic e integrazione con trading desk.

«Siamo davvero molto felici di annunciare questo accordo che ci darà l’opportunità di continuare a crescere su scala globale, dopo la recente espansione nel Regno Unito – ha commentato Fabrizio Perrone, CEO di Buzzoole – Questa operazione farà da ponte per il round Series A che ci aspettiamo di chiudere entro 12-18 mesi, data la rapida crescita che abbiamo registrato in soli 3 anni in termini di utenti, paesi coinvolti e fatturato».

Buzzoole continuerà ad aggiungere nuove funzionalità alla piattaforma e a implementare l’algoritmo proprietario. L’influencer marketing è ormai considerato “The next big Thing” e il C2C il mainstream marketing da presidiare. Rispetto alle altre aziende che lavorano in questo mercato, Buzzoole può fare affidamento su una premiata tecnologia data-driven e una piattaforma di automazione basata su algoritmi semantici, riconoscimento di immagine e Open Graph che la rendono la primapiattaforma di influencer marketing end-to-end con un business model orientato ai media.

«L’influencer marketing è la nuova frontiera del passaparola e la nuova sfida nel settore della comunicazione – ha confermato Kirill Belov, founder di Impulse VC – Abbiamo rilevato un forte interesse da parte dei professionisti del marketing nel coinvolgere gli opinion leader della rete attivi sui social e, a oggi, uno strumento universale per la gestione di questo genere di campagne mancava. Buzzoole ha il prodotto che può perfettamente colmare questo bisogno e che permette ai brand di ampliare realmente la propria presenza sui social media».

Fabrizio Marino
Giornalista

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati