Arrivano i soldi: come rivedere la puntata | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le nostre iniziative

Arrivano i soldi: come rivedere la puntata

27 Mar 2015

La maggiore liquidità in Europa e il denaro che torna in Italia dalla Svizzera e da altri Paesi andranno a finanziare le nuove imprese innovative? Ne discutono Pierluigi Paracchi (Genenta Science) e Gianluca Verzelli (Banca Akros). Due le storie della settimana: Fattura24 (con il co-fondatore Carlo Camusso in studio) ed Ennova

Arrivano i soldi. È questo il titolo della nuova puntata di EconomyUp, andata in onda il 31 marzo su Reteconomy Sky 816 e in web streaming sul sito reteconomy.it, dedicata alle nuove risorse per investimenti nell’innovazione che potrebbero arrivare nei prossimi mesi grazie alla voluntary disclosure e alla liquidità immessa nel sistema dalla Banca centrale europea con il quantitative easing.

– CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

Il denaro in più che circola in Europa e in Italia andrà a supportare le nuove imprese innovative? Ne discutono in studio Pierluigi Paracchi, co-fondatore e amministratore delegato della startup biotech Genenta Science, e Gianluca Verzelli, vicedirettore di Banca Akros. Ci sono buone probabilità che questo scenario spinga gli investitori a puntare sull’innovazione. Ma intanto, nel 2014, c’è stata una contrazione negli investimenti a favore delle startup, come dimostrano i dati dell’Osservatorio startup del Politecnico di Milano.

Due le storie della settimana. Una è quella di Fattura 24, una startup che aiuta professionisti e aziende a gestire le fatture in digitale. Ospite in studio è il co-fondatore Carlo Camusso. L’altra storia è Ennova (seconda classificata nel sondaggio di EconomyUp sulla migliore startup 2014), nata in un incubatore di Torino, I3P, cha inventato un modello che permette ai call center di aiutare chi chiama a compiere le operazioni necessarie direttamente sui loro smartphone o tablet.
 

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati