Working capital Roma, i progetti del nuovo responsabile | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Personaggi

Working capital Roma, i progetti del nuovo responsabile

09 Gen 2014

Cambio della guardia al timone dell’acceleratore Telecom della capitale: Gianmarco Carnovale prende il posto di Fabio Lalli. Due le novità annunciate: call for mentors anche a livello internazionale e la creazione di un network con gli altri operatori romani

Gianmarco Carnovale
Cambio di timone presso l’acceleratore romano di Working Capital, il programma di innovazione di Telecom Italia.

Dal primo gennaio, infatti, a guidare le attività di mentorship e networking della sede romana di Working Capital è Gianmarco Carnovale, uno degli alfieri dell’ecosistema romano delle startup.

Romano, classe 1972, Gianmarco Carnovale è da anni uno dei principali punti di riferimento per tutti coloro che fanno innovazione nella Capitale.

“Essere il gestore dell’acceleratore significa assumersi delle grandi responsabilità, oltre che essere investiti di un grande onore. La mia squadra, composta da Guido Giordano, con un passato nella gestione di acceleratori all’estero, Claudia Pernici ed Edoardo Vallebella, è già al lavoro per far sì che che le attività di mentorship e di networking raggiungano in tempi brevissimi l’eccellenza”, dice Carnovale.

Tra le novità, rispetto alla precedente gestione, il lancio di una “call for mentors”, anche di respiro internazionale, al fine di creare il migliore supporto possibile per le start up selezionate che seguiranno nel corso del 2014 il programma di accelerazione offerto da Working Capital.

Gianmarco Carnovale non intende fermarsi qui: tra i suoi obiettivi principali all’interno di #Wcap anche la possibilità di fare rete con le tante realtà romane che investono nell’innovazione, quali Roma Startup, fulcro dell’ecosistema startup della Capitale, L-Ventures e il Founders Institute, nonché la valorizzazione dello spazio di coworking, sempre gratuito, che accoglierà quelle start up in grado di dare valore aggiunto all’ecosistema  e l’organizzazione di eventi di diffusione culturale e networking.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati