Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

VIDEO – Startup, ecco perché Cisco partecipa al Premio Marzotto

23 Mag 2017

La multinazionale è tra i partner del contest più importante in Italia per la giovane imprenditoria con un premio speciale che offre coaching e possibilità di networking, per l’equivalente di 50mila euro, a una startup dell’Industria 4.0. Dalmazzoni: «L’innovazione è questione di sistema, perciò cerchiamo rapporti con le nuove realtà imprenditoriali»

Cisco entra in contatto con le startup anche attraverso il Premio Gaetano Marzotto, contest di riferimento per il sistema dell’innovazione italiano a supporto delle pmi (piccole e medie imprese) innovative e delle giovani startup, in un’ottica di open innovation e internazionalizzazione. Per il secondo anno consecutivo la multinazionale dell’IT partecipa all’evento, il cui bando per la partecipazione si chiuderà il prossimo 12 giugno.

Premio Marzotto 2017, 250 milioni a pmi e startup innovative pronte a scalare

Il colosso americano è entrato in gioco quando, nel 2016, tra i vari riconoscimenti attribuiti nell’ambito del Marzotto da aziende e società, è stato introdotto il Premio Speciale Cisco, dedicato a una startup in grado di offrire soluzioni e prodotti innovativi nel settore ICT/IOT tech per la trasformazione in ambito Industry 4.0. Il valore del premio, non corrisposto in denaro, equivale a 50mila euro in percorso di affiancamento. L’anno scorso se lo è aggiudicato Swascan, startup impegnata nella cybersecurity.

 Cybersecurity, che cosa succede a una startup 6 mesi dopo aver vinto il Premio Cisco-Marzotto

In attesa di conoscere il nome dei finalisti del Premio Marzotto di quest’anno, che saranno presentati il  23 novembre 2017, Michele Dalmazzoni, responsabile commerciale Collaboration e Industry 4.0 di Cisco Italia, spiega a EconomyUp le motivazioni e gli obiettivi di questa collaborazione. “Quando si parla di open innovation – dice il top manager – Cisco è in prima fila. Stiamo investendo con il piano Digitaliani, che prevede investimenti per più di 100 milioni di euro in 3 anni, per collegare la realtà tipica italiana, piccole e medie imprese a  vocazione manifatturiera, con il mondo delle grandi aziende. Lo facciamo attraverso un percorso dentro le aziende italiane incentrato in particolare su Industria 4.0 e agro-alimentare. L’innovazione – prosegue Dalmazzoni – è sempre una questione di ecosistema. Perciò ci interessa sviluppare rapporti con le startup attraverso il Premio Marzotto”. 

In questo video l’intervista completa a Michele Dalmazzoni di Cisco

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale