Startup e fisco, una guida per orientarsi fra regole e opportunità | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strumenti

Startup e fisco, una guida per orientarsi fra regole e opportunità

di Redazione EconomyUp

25 Giu 2015

Quali sono gli incentivi fiscali per chi investe in startup e PMI innovative? Lo studio legale e tributario Legalitax e il team di StarsUp, prima piattaforma di equity crowdfunding autorizzata dalla Consob, hanno realizzato una guida. Qui puoi scaricarla

Quali sono gli incentivi fiscali per chi investe in startup e PMI innovative? Per quali anni sono validi gli incentivi fiscali? E che tipo di investimenti in imprese innovative ottengono il beneficio fiscale? Per fare chiarezza sul rapporto tra startup e fisco, lo studio legale e tributario Legalitax e il team di StarsUp, prima piattaforma online autorizzata dalla Consob per l’attività di equity crowdfunding da parte di imprese innovative, hanno realizzato una guida con tutti i punti chiave.

Qui puoi consultare la Guida in versione completa

Allo stato attuale, le persone fisiche che investono in startup e PMI innovative possono detrarre ai fini Irpef un importo pari al 19% della somma investita (direttamente ovvero per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società che investano prevalentemente in startup innovative o PMI innovative). L’investimento massimo detraibile non  può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 500mila euro e deve essere mantenuto per almeno due anni.

Quante sono le PMI innovative tre mesi dopo? Quattro

Le persone giuridiche, invece, possono dedurre ai fini Ires un importo pari al 20% (direttamente ovvero indirettamente per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società che investano prevalentemente in startup innovative o PMI innovative). L’investimento massimo deducibile, in questo caso, non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 1.800.000 euro e deve essere mantenuto per almeno due anni.

Pmi e startup innovative: agevolazioni a confronto. L’analisi di Mattia Corbetta

Per le imprese innovative a vocazione sociale e per le imprese che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico la detrazione per le persone fisiche aumenta al 25% della somma investita e la deduzione per le persone giuridiche aumenta al 27% della somma investita.

Gli incentivi fiscali sono validi per tutti gli investimenti in imprese innovative effettuati negli anni fiscali 2013, 2014, 2015 e 2016.

La Guida fa anche il punto sulle fonti normative da tenere d’occhio: dal Decreto Crescita 2.0, che ha introdotto le disposizioni riguardanti la nascita e lo sviluppo delle startup innovative, all’Investment Compact che ha introdotto la definizione di PMI innovativa, estendendo a tale tipologia di azienda la possibilità di avvantaggiarsi di alcuni degli incentivi previsti a favore delle startup innovative.

 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati