Qual è il ruolo delle startup nelle attività di Open Innovation? | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Qual è il ruolo delle startup nelle attività di Open Innovation?

02 Mag 2016

L’azienda, spiega il Consigliere Delegato del Polihub, può scegliere di sviluppare una soluzione insieme a ricercatori o incubatori o preferire la collaborazione con una startup per accelerare la penetrazione in un determinato mercato. O anche testare un’innovazione attraverso uno spin-off

Aiutare le imprese a capire, affrontare e gestire l’innovazione aperta. Con questo obiettivo il Gruppo Digital 360 ha creato la piattaforma di servizi Digital & Open Innovation”, dove è possibile aprire un dialogo con cinque esperti che risponderanno alle vostre domande su come come si attiva, si “mette a terra” e si governa un processo di innovazione aperta in grado di creare valore e accrescere la competitività di un’azienda.

Per fare le vostre domande basta cliccare qui
 

QUAL È IL RUOLO DELLE STARTUP NELLE ATTIVITÀ DI OPEN INNOVATION?

risponde Stefano Mainetti
Consigliere Delegato dell’incubatore d’Impresa PoliHub del Politecnico di Milano, gestito dalla Fondazione Politecnico


Le startup sono un utile strumento di Open Innovation, ma non sono l’unico.

In un approccio inbound, l’innovazione può essere assorbita dall’esterno dell’azienda mediante il co-sviluppo con team di ricercatori presso Università o incubatori, senza il coinvolgimento di startup. Questo permette all’azienda di focalizzare l’investimento su un progetto specifico, tagliato sulle proprie esigenze, lavorando con un team creato ad hoc. Il risultato di questa collaborazione può essere la fondazione di una startup dedicata, o semplicemente l’assorbimento della tecnologia all’interno dell’azienda.

Sempre in ambito inbound, la collaborazione con startup è invece estremamente interessante ad esempio nel caso in cui l’azienda voglia accelerare la penetrazione in un nuovo mercato o ampliare il proprio portfolio prodotti/servizi.

In un approccio outbound, la startup (o meglio spin-off in questo caso) diventa un utile veicolo per poter testare l’innovazione sul mercato senza che questo impatti il brand dell’azienda madre.

 ► VUOI FARE UNA DOMANDA A STEFANO MAINETTI 
      O AGLI ALTRI ESPERTI DI DIGITAL360? CLICCA QUI

 ► OPEN INNOVATION, QUI PUOI LEGGERE TUTTE LE RISPOSTE DEGLI ESPERTI DI ECONOMYUP

Stefano Mainetti

Articoli correlati