Progetto CupCake, cosa succede quando l'impresa incontra il creativo | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Formazione

Progetto CupCake, cosa succede quando l’impresa incontra il creativo

di Alexis Paparo

03 Lug 2015

Il 7 luglio al Polihub di Milano si presenta la seconda edizione dell’iniziativa che mette in contatto imprese di moda, design e comunicazione con giovani attualmente disoccupati e con un idea di business. I selezionati parteciperanno a uno stage in azienda in vista di eventuali collaborazioni future

Da un lato imprese creative nel settore della moda, del design, del tech e della comunicazione.  Dall’altra creativi con un idea e al momento senza occupazione. Il Progetto CupCake, creativity and  design for new markets and new needs (qui il form di registrazione per partecipare) punta proprio a  connetterli e farli lavorare insieme. Sviluppato dalla fondazione Politecnico di Milano, con PoliHub, e il Dipartimento di Design e proposto per la seconda edizione, CupCake vuole  promuovere lo sviluppo occupazionale nel settore culturale e stimolare i creativi a sviluppare idee  che innovino settori tradizionali e non del manifatturiero lombardo ed europeo e a dare nuovi  impulsi a startup del settore.  

L’appuntamento con la presentazione è per il 7 luglio alle 16.30 nella sala Arena di Polihub, in via  Durando 39 a Milano. Oltre ai saluti e all’introduzione di una dei padroni di casa, Claudia Pingue  CTO dell’incubatore, interverranno anche Domenico Pannofino, project manager della fondazione Politecnico che presenterà alla platea CupCake e sarà dato ampio spazio alla presentazione dei  progetti selezionati. Ogni creativo infatti, grazie a uno stage che lo cala direttamente nell’azienda  per la quale ha pensato un’idea innovativa, avrà la possibilità di lavorare al suo sul ‘campo’ e non  più in linea teorica. Alla fine del percorso ‘learning by doing’ in azienda, i partecipanti saranno  messi in contatto con imprese e investitori che potranno deciderli di supportarli nello sviluppo di  app e prototipi.

A spiegare come ha funzionato concretamente il percorso Marco di Norcia, founder di Fusedrops, la prima piattaforma italiana di crowdfunding a tema sociale e incubata in #PoliHub.   Ma le opportunità per gli studenti del Politecnico non vanno in vacanza: Nicola Restifo e Arianna Vignati, Project Manager dell’Università, illustreranno il programma Erasmus per Giovani  Imprenditori e CREA, un Network europeo di Summer Academy per lo sviluppo imprenditoriale  di idee innovative che puntano su Creatività ed ICT. Seguirà aperitivo di networking.  

 

Alexis Paparo

Articoli correlati