La tedesca Cameo investe sulla startup italiana My Cooking Box: ecco perché | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

La tedesca Cameo investe sulla startup italiana My Cooking Box: ecco perché



L’azienda specializzata in torte, pizze e dessert ha partecipato all’aumento di capitale da 1 milione con altri quattro investitori e una campagna di crowdfunding della la startup fondata da Chiara Rota per vendere box con gli ingredienti per cucinare piatti tipici italiani. Obiettivo: entrare nel mercato del meal kit

27 Feb 2019


Che le startup italiane siano nel mirino di grandi aziende internazionali non è certo una novità: nel corso degli ultimi anni sono infatti aumentare le operazioni  di open innovation di corporate europee in casa nostra. L’ultima della lista è quella firmata dalla tedesca Cameo, che ha investito su My Cooking Box per sostenerne la crescita.

La startup fondata da Chiara Rota, che ha come obiettivo quello di offrire un prodotto che permetta di apprezzare la ricchezza culinaria del nostro Paese, trova così un nuovo partner in un’azienda del food in scatola presente in Italia da oltre 80 anni e specializzata in torte, pizze e dessert.

“Per My Cooking Box, il 2018 si è chiuso con un bilancio decisamente positivo”, afferma Chiara Rota, founder della startup. Il secondo round di investimento ha raggiunto 1 milione di euro grazie ad un aumento di capitale per circa metà raccolto in crowdfunding e per l’altra metà da altri cinque investitori, tra cui cameo. “Volevamo da tempo entrare nel settore dei dolci e cameo si è dimostrato il partner ideale per riuscire ad ampliare la nostra offerta sul mercato”.

La storia di My Cooking Box: come è nata e che cosa fa

Chiara Rota, founder di My Cooking Box

My Cooking Box è la startup che ha creato una scatola con tutti gli ingredienti nelle giuste dosi per realizzare un piatto italiano a spreco zero. La startup nasce da un’idea di Chiara Rota, ingegnere gestionale con una grande passione per la cucina italiana. Esperienze in Parmalat e poi negli Stati Uniti con un’altra multinazionale italiana: dal controllo di gestione alle operations. Proprio negli Usa si accorge di quanto sia amato il patrimonio enogastronomico italiano, così come delle difficoltà nel reperire ingredienti originali per cucinare un vero piatto tricolore.

Food economy, perchè My Cooking Box funziona

 

Perché Cameo investe su My Cooking Box

cameo ha deciso di investire in My Cooking Box ponendosi l’obiettivo di entrare nel mercato del meal kit attraverso una nuova linea di prodotti, che sarà lanciata a breve sul mercato. L’azienda tedesca ha ritenuto vincente l’idea che sta alla base della collaborazione con la startup: la realizzazione di un cofanetto che contiene tutti gli ingredienti necessari e perfettamente dosati per la realizzazione di un dolce, da eseguire seguendo la ricetta di uno chef, che sarà appositamente inserita all’interno della box insieme agli ingredienti.

“cameo è un’azienda con prodotti storici e tradizionali ma con un’attenzione costante verso l’innovazione e le nuove tendenze di mercato. In tema di food la startup declina questi aspetti in modo creativo e originale” ha affermato Margit Gamper, Executive Marketing Manager di cameo – “Per questo abbiamo scelto di accompagnare la crescita di My Cooking Box.”

“Nel cofanetto sono racchiusi non solo i nostri nuovi prodotti, ma anche i valori che l’azienda esprime, tra cui lo spirito di condivisione, la gioia dell’offrire e dell’inventare insieme ricette gustose e uniche”.

My Cooking Box, i fondi e l’apertura di primo punto vendita

Nel 2016 My Cooking Box ha lanciato una prima raccolta fondi su Crowdfundme raccogliendo 120mila euro. Questa nuova raccolta, supportata da MamaCrowd – la principale piattaforma di equity crowdfunding in Italia – ha riscosso grande successo fin da subito: a poche ore dal lancio, infatti, la startup ha raggiunto l’obiettivo prefissato, chiudendo con una cifra raccolta pari a 533mila euro. Un traguardo importante e costellato da grandi numeri che permetterà alla giovane azienda di realizzare diversi progetti orientati a un’espansione globale, partendo dall’apertura di diversi punti vendita monomarca. Il primo è previsto nei prossimi mesi, nel cuore di Milano.

La raccolta fondi, dunque, è finalizzata all’apertura di un primo punto vendita monomarca in Italia dove poter scoprire e degustare i tipici piatti regionali della nostra penisola con la possibilità di acquistare direttamente in loco le box gastronomiche che più hanno colpito il proprio interesse e il proprio gusto, da regalare o da regalarsi per replicare direttamente a casa la ricetta più amata.

Il locale My Cooking Box si proporrà anche come experience store, attraverso cooking show con chef e talent ed eventi  live che consentiranno di coinvolgere il cliente e farlo entrare in empatia con il mondo di My Cooking Box, fatto di storie, tradizioni regionali, ricette gourmet e ingredienti di altissima qualità. Anche questa campagna si è conclusa con grande successo, con più 500.000 euro raccolti.