InnoVits Gymnasium, la startup vincitrice è eVeryride | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Premi

InnoVits Gymnasium, la startup vincitrice è eVeryride

03 Mar 2016

La società che ha creato un’applicazione in grado di aggregare tutti i servizi di car, bike e scooter sharing ha vinto il programma di accelerazione d’impresa di InnoVits, giunto alla sesta edizione

È eVeryride, la startup che ha creato un’applicazione in grado di aggregare tutti i servizi di car, bike e scooter sharing, la vincitrice di Innovits Gymnasium, l’acceleratore d’impresa di InnoVits. Il programma, giunto alla sesta edizione, premia le idee imprenditoriali più innovative. eVeryride ha battuto la concorrenza di Concrei, la piattaforma che consente agli studi professionali di soddisfare, in collaborazione, i requisiti dei bandi di gara pubblici, potenziando l’efficienza degli investimenti impiegati. Delizialy, il punto di riferimento dei foodies, che consente di partecipare attivamente alla creazione di esperienze culinarie nuove, in cui le pietanze assumono una forte connotazione culturale; Meetreca, una suite di applicazioni che, sfruttando la flessibilità dei database a grafo, consente di gestire la complessità dei big data e compiere analisi in modo accessibile; e Jot-to, una nuova esperienza di ricerca basata sulle emozioni e sul colore. Nella giuria, diverse realtà tra cui Ricoh.

La mobilità condivisa – spiega Lorenzo Polentes, founder di eVeryride – ha assunto un ruolo importante nel nostro Paese. Grazie alla nostra app gli utenti possono rapidamente visualizzare mediante un’unica mappa tutti i servizi di car, bike e scooter sharing, compararli ed effettuare prenotazioni. Spostarsi diventa facile e sostenibile dal momento che non è più necessario consultare e gestire numerose applicazioni. Al momento l’app aggrega tutti i servizi presenti a Milano, Roma, Firenze e Torino e in alcune città tedesche, ma vogliamo arrivare anche in altre città”. 

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati