ForumPA 2017, la carica degli innovatori della Pubblica Amministrazione | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ForumPA 2017, la carica degli innovatori della Pubblica Amministrazione

17 Mag 2017

Si sono iscritte in 314, tra startup e PMI, al “Premio 10X10=cento progetti per cambiare la PA”: i vincitori saranno resi noti il 25 maggio durante l’evento romano, il primo nel centro congressi “La Nuvola”. Tema: la sostenibilità. Ospiti d’onore l’economista Jeffrey Sachs e il Commissario al Digitale Piacentini. Ecco come partecipare

L'edizione 2016 di ForumPA
Pioggia di candidature per il contest dedicato da FPA a startup, idee e progetti che possono contribuire a innovare la pubblica amministrazione. Si sono iscritti in 314, in maggioranza impegnati in ambito comunicazione, servizi online e smart city, al “Premio 10X10= cento progetti per cambiare la PA”, iniziativa promossa da FPA, società del gruppo Digital360, all’interno della manifestazione FORUM PA 2017 che si terrà a Roma dal 23 al 25 maggio. Il riconoscimento punta a selezionare i progetti in grado di cambiare la pubblica amministrazione sfruttando le opportunità dell’innovazione digitale. I vincitori saranno presentati all’evento romano che ormai da anni si propone come punto d’incontro e collaborazione tra pubblica amministrazione e imprese e che quest’anno è incentrato sulla PA sostenibile.

La categoria che ha registrato il maggior numero di candidature è stata la Comunicazione verso cittadini e stakeholder con 70 proposte. Segue l’Ambito Servizi online, servizi su mobile, pagamenti elettronici con 65 candidature e l’Ambito Smart City, dati e IoT (55).

Le altre categorie per le quali si poteva concorrere erano: Cybersecurity, business continuity, crisis management, sicurezza dei sistemi informativi; PA senza carta; Scuola e educazione digitale; Industria 4.0; Agricoltura Intelligente: dematerializzazione, sburocratizzazione, agricoltura e digital transformation, IoT per la coltivazione; Sharing economy, sussidiarietà orizzontale, social innovation; Smart environment e energy management.

Il concorso era rivolto a enti centrali e locali, regioni, province, strutture della sanità pubblica, aziende di Spl, multiutility, piccole e medie aziende. Il termine per le candidature è scaduto ad aprile, poi è seguita la fase di selezione e per  ciascun ambito una giuria ha selezionato una short list dei più meritevoli in base a criteri di innovatività e originalità, trasferibilità, rilevanza, sostenibilità. progetti. I più apprezzati dalla giuria sono visibili a questo link. Fra loro ne sono stato selezionati cento e dieci di questi, ritenuti i più interessanti, saranno presentati a FORUM PA il 25 maggio.

Tra i requisiti per partecipare al concorso c’era anche la sostenibilità perché questo è il tema centrale di ForumPA 2017, che sarà ospitato per la prima volta nel nuovo Roma Convention Center “La Nuvola”, il centro congressi realizzato dall’architetto Alessandro Fusksas inaugurato lo scorso 29 ottobre.

Il filo conduttore degli incontri sarà dato dall’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile e dai relativi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDG è l’acronimo inglese), approvati di recente dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con l’impegno di raggiungerli entro il 2030. (Qui il link per registrarsi all’evento)

L’obiettivo del congresso sarà innanzitutto spiegare perché innovare è necessario. E perché è necessario farlo in un contesto come quello della pubblica amministrazione, percepito ancora troppo autoreferenziale. Per approfondire le motivazioni di questa tesi, il programma congressuale sarà articolato in quattro tipologie diverse di eventi: gli “scenari”, i “convegni tematici” i “tavoli di lavoro”, i “seminari”.

L’apertura dell’evento sarà martedì 23 maggio con il Ministro della PA e della semplificazione Marianna Madia che presenterà la riforma della Pubblica Amministrazione, la chiusura giovedì 25 maggio con il Commissario Straordinario per l’Attuazione dell’Agenda Digitale Diego Piacentini, passando dalla lectio magistralis di Jeffrey Sachs. Si tratta di uno degli economisti più attenti alla questioni climatiche e alla sostenibilità. Nominato per due volte dal Time Magazine tra i 100 leader mondiali più influenti, Sachs è autore di libri considerati fonte di riflessione su come venire fuori dalla cosiddetta “trappola dello sviluppo”. Precursore della sostenibilità dello sviluppo, Sachs è stato consulente senior delle Nazioni Unite, professore di fama mondiale di economia, Direttore del programma delle Nazioni Unite “Millennium Project” tra il 2002 e il 2006 e dell’Earth Institute alla Columbia University (2002-2016). Jeffrey Sachs è consulente del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, dopo esserlo stato di Kofi Annan. A testimonianza del suo impegno per l’ambiente e la sostenibilità, Sachs è il destinatario di numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il Blue Planet Prize ricevuto nel 2015.

Tra i tanti ospiti nell’agenda di FORUM PA 2017, ci saranno il Ministro dell’Economia e delle Finanze Piercarlo Padoan, il Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, il Ministro degli Affari regionali e della famiglia Enrico Costa, il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, il Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi, ma anche il Presidente ANAC Raffaele Cantone, il Sindaco di Roma Capitale Virginia Raggi e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Il programma completo a questo link

“Il tema di FORUM PA 2017 sarà la PA sostenibile – spiega Carlo Mochi Sismondi, Presidente di FPA – o meglio il ruolo che una PA davvero innovativa, cioè efficiente, digitale, aperta, collaborativa, può svolgere per rispondere a grandi questioni aperte, come il lavoro che non c’è, la sicurezza percepita come precaria, la tutela della salute, la qualità dell’ambiente, le disuguaglianze in crescita. Perché nessuno degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile SDGs può essere realizzato senza il contributo della Pubblica Amministrazione”.

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati