Amyko, il braccialetto connesso per gestire la salute in cloud | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INSURANCEUP

Amyko, il braccialetto connesso per gestire la salute in cloud

11 Ott 2017

La startup incubata da PoliHub e vincitrice nel 2016 del contest Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif, punta a diventare una piattaforma cloud per la gestione integrata della salute. Intanto con la società assicurativa lavora per lanciare nuovi servizi 

Amyko non è solo un dispositivo wireless: per la startup milanese, infatti, il braccialetto è soltanto una parte del servizio di e-health che sta costruendo, grazie alla collaborazione con la compagnia assicurativa Bnp Paribas Cardif. Come spiega il sito InsuraceUp, infatti, la startup ha vinto la competizione dello scorso anno con la propria soluzione, costituita da una piattaforma, app mobile o web, associata a un wearable device (un braccialetto) in grado di condividere e archiviare tutte le informazioni mediche dell’utente.

Già attualmente tramite Amyko l’utente può gestire la propria storia sanitaria (documenti, referenti, ecc) e la propria sicurezza semplificando la gestione in un’unica piattaforma grazie ad una user experience dinamica, personalizzabile, semplice e con un approccio molto interattivo. Ma i progetti in campo sono molti altri.

2017, la startup Amyko va all’estero con il braccialetto della salute

Dopo aver vinto l’edizione 2016 di Open-F@b Call4Ideas abbiamo sviluppato un interessante progetto pilota lavorando a stretto contatto con il team R&D di BNP Paribas Cardif- spiega Marcello Bonora, CEO di Amyko – Abbiamo sviluppato delle ulteriori customizzazioni al nostro prodotto in modo tale da rispondere al meglio alle richieste della compagnia. Per BNP Paribas Cardif è importante andare nella direzione dell’assicurazione “che si preoccupa della tua salute”, cercando di sviluppare diversi servizi in più che non fossero la semplice polizza assicurativa dello status attuale del mercato. Per esempio, la connessione del nostro braccialetto e piattaforma alla polizza potrà creare un’interazione con i propri utenti e offrire nuovi servizi per tipologie di persone ad oggi non facilmente assicurabili (ad esempio i malati cronici) dando anche uno strumento utile alla sicurezza della persona. BNP Paribas Cardif ha voluto inoltre guardare al mondo aziendale: stiamo anche lavorando a un’estensione delle soluzioni del nostro wearable, quali la possibilità per i dipendenti di entrare in azienda, pagare con i buoni pasto attraverso un unico strumento sicuro, innovativo e contactless ed altre soluzioni sinergiche che non possiamo divulgare al momento».

Leggi la storia completa di Amiko su InsuranceUp

Articoli correlati