Di Camillo: «Investire nei giovani perché diventino adulti» | Economyup

Di Camillo: «Investire nei giovani perché diventino adulti»



«La startup è una fase, non è un risultato: deve garantire il ricambio industriale e manageriale» dice il fondatore di P101 guardando al nuovo anno, nel quale vede l’affermazione del Fintech ma anche di nuove tecnologie per la casa. E l’espansione dell’e-commerce

di Andrea Di Camillo

27 Dic 2015


Andrea Di CamilloCosa faremo nel 2016? Le stesse cose che abbiamo fatto nel 2015, e nel 2014 e che speriamo di poter fare per i prossimi decenni a venire.

Gli elementi non cambiano: persone, talenti, determinazione, attenzione ai trend, ma soprattutto continuità.

Investiamo in molte situazioni connotate dalle buzzword che caratterizzano l’innovazione di questa nostra era, ma credo che la chiave del successo sia la costanza, e la pazienza, con cui questi investimenti vengono fatti, seguiti e supportati.

Un errore comune che percepisco spesso è legato all’aspettativa del successo immediato, del facile guadagno e della storia di successo perché si è vinto un premio o c’è una idea brillante e curiosa da raccontare: la formula vincente non può essere binaria (v. ho ricevuto un investimento quindi sono di successo), ma è un algoritmo estremamente complicato le cui variabili rilevanti sono molte e cambiano in ciascuna fase di vita di un’azienda. E in ultimo, ma non per importanza, è un algoritmo che si svolge in un arco di tempo lungo o comunque non breve. Le Google, Amazon, Apple o Yoox hanno avuto bisogno di 15 anni e più per diventare quelle che oggi conosciamo.

E su questo forse va sfatato un altro mito: quello della startup. Può sembrare un’eresia ma credo sia di buon auspicio come questo periodo dell’anno merita sia. La startup è una fase non è un risultato. È come dire investiamo nei giovani perché restino giovani…: dobbiamo investire nelle giovani società perché diventino società adulte, innovative e permettano il ricambio industriale e manageriale di cui un’economia sana e dinamica necessita.

WHITEPAPER
Cosa vuol dire investire in Startup? 10 cosa da sapere
Startup

Stiamo assistendo finalmente anche in Italia ad un trend che non può che essere positivo per tutti, solo dobbiamo seguirlo e cavalcarlo non come fenomeno di un breve momento ma come dato di fatto strutturale a cui dare intensità e continuità abituandoci a pensarlo con un orizzonte di lungo periodo.

In tutto questo alcune tendenze sono più promettenti di altre e in aggiunta alle premesse di cui sopra, offrono opportunità di investimento estremamente interessanti: il Fin-tech ed il mondo della finanza sono destinati a essere stravolti molto più velocemente di quanto la loro storia pregressa ci possa far pensare. Oppure il mondo della casa che rimane uguale a se stesso da sempre e che invece grazie a nuovi modi di abitare, a nuove tecnologie ed a nuovi modi di consumare potrebbe essere una frontiera tutta da scoprire. Allo stesso tempo, l’e-commerce, che dal punto di vista di tecnologia e di modello è ormai un settore quasi tradizionale, è un’enorme opportunità: questo canale in Italia cresce del 16% all’anno. Poco? Forse ma è il 16% di un mercato già da 16,6bn, che vuol dire che solo in Italia e per il solo 2016 sposterà quasi 2,7bn di nuovo giro d’affari. Un buono spazio anche per nuovi entranti, speriamo italiani…

Insomma il momento è positivo, e si è aperta una falla, non servirà un’alluvione ma una normale irrigazione per vedere presto, forse già nel 2016 i primi frutti.

* Andrea Di Camillo,  fondatore di P101, fondo di venture capital

Andrea Di Camillo
Managing Partner di P101 Ventures

 Andrea Di Camillo è Founder e Managing Partner di P101 Ventures e Founder di Boox.it