Di Camillo: «Investire nei giovani perché diventino adulti» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

#2016Up

Di Camillo: «Investire nei giovani perché diventino adulti»

27 Dic 2015

«La startup è una fase, non è un risultato: deve garantire il ricambio industriale e manageriale» dice il fondatore di P101 guardando al nuovo anno, nel quale vede l’affermazione del Fintech ma anche di nuove tecnologie per la casa. E l’espansione dell’e-commerce

Andrea Di Camillo
Cosa faremo nel 2016? Le stesse cose che abbiamo fatto nel 2015, e nel 2014 e che speriamo di poter fare per i prossimi decenni a venire.

Gli elementi non cambiano: persone, talenti, determinazione, attenzione ai trend, ma soprattutto continuità.

Investiamo in molte situazioni connotate dalle buzzword che caratterizzano l’innovazione di questa nostra era, ma credo che la chiave del successo sia la costanza, e la pazienza, con cui questi investimenti vengono fatti, seguiti e supportati.

Un errore comune che percepisco spesso è legato all’aspettativa del successo immediato, del facile guadagno e della storia di successo perché si è vinto un premio o c’è una idea brillante e curiosa da raccontare: la formula vincente non può essere binaria (v. ho ricevuto un investimento quindi sono di successo), ma è un algoritmo estremamente complicato le cui variabili rilevanti sono molte e cambiano in ciascuna fase di vita di un’azienda. E in ultimo, ma non per importanza, è un algoritmo che si svolge in un arco di tempo lungo o comunque non breve. Le Google, Amazon, Apple o Yoox hanno avuto bisogno di 15 anni e più per diventare quelle che oggi conosciamo.

E su questo forse va sfatato un altro mito: quello della startup. Può sembrare un’eresia ma credo sia di buon auspicio come questo periodo dell’anno merita sia. La startup è una fase non è un risultato. È come dire investiamo nei giovani perché restino giovani…: dobbiamo investire nelle giovani società perché diventino società adulte, innovative e permettano il ricambio industriale e manageriale di cui un’economia sana e dinamica necessita.

Stiamo assistendo finalmente anche in Italia ad un trend che non può che essere positivo per tutti, solo dobbiamo seguirlo e cavalcarlo non come fenomeno di un breve momento ma come dato di fatto strutturale a cui dare intensità e continuità abituandoci a pensarlo con un orizzonte di lungo periodo.

In tutto questo alcune tendenze sono più promettenti di altre e in aggiunta alle premesse di cui sopra, offrono opportunità di investimento estremamente interessanti: il Fin-tech ed il mondo della finanza sono destinati a essere stravolti molto più velocemente di quanto la loro storia pregressa ci possa far pensare. Oppure il mondo della casa che rimane uguale a se stesso da sempre e che invece grazie a nuovi modi di abitare, a nuove tecnologie ed a nuovi modi di consumare potrebbe essere una frontiera tutta da scoprire. Allo stesso tempo, l’e-commerce, che dal punto di vista di tecnologia e di modello è ormai un settore quasi tradizionale, è un’enorme opportunità: questo canale in Italia cresce del 16% all’anno. Poco? Forse ma è il 16% di un mercato già da 16,6bn, che vuol dire che solo in Italia e per il solo 2016 sposterà quasi 2,7bn di nuovo giro d’affari. Un buono spazio anche per nuovi entranti, speriamo italiani…

Insomma il momento è positivo, e si è aperta una falla, non servirà un’alluvione ma una normale irrigazione per vedere presto, forse già nel 2016 i primi frutti.

* Andrea Di Camillo,  fondatore di P101, fondo di venture capital

  • rofer

    Gent.mo Di Camillo
    cosa ne pensa di questo nuovo impulso all’Alternanza Scuola e Lavoro ASL e alla Impresa Formativa Simulata IFS ??
    Fermarsi al solo strumento di simulazione e non far progradire i talenti emergenti , le sembra esaustivo per un periodo di avvicinamento al processo innovativo partorito da menti giovani ???

Articoli correlati