A Telepass piace Tiassisto24, la startup che ricorda le scadenze agli automobilisti | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

A Telepass piace Tiassisto24, la startup che ricorda le scadenze agli automobilisti



Gabriele Benedetto, CEO di Telepass, ha annunciato che il suo gruppo darà supporto alla società fondata da Giuseppe e Michele Romagnoli, che aiuta chi ha auto e moto nella gestione di scadenze, manutenzioni, assicurazioni, obblighi ed eventi accidentali. Tiassisto24 dovrebbe essere integrata nell’app Telepass Pay

18 Dic 2019


Tiassisto24 ora ha il supporto di Telepass. La startup romana, già accelerata da Luiss Enlabs, che aiuta automobilisti e motociclisti nella gestione quotidiana di scadenze, manutenzioni, assicurazioni, obblighi amministrativi e anche eventi accidentali, ha attirato l’attenzione del gruppo che, nato per il pagamento dei pedaggi autostradali, ha sviluppato una ampia gamma di servizi per la mobilità legati anche alla piattaforma di pagamenti TelepassPay.

Lo ha comunicato lo stesso CEO di Telepass, Gabriele Benedetto, con un post su Linkedin in occasione del lancio dell’edizione 2020 di OPEN ITALY, il programma di open innovation promosso dal consorzio Elis.

Benedetto ha annunciato il “supporto” del suo gruppo alla startup definita “molto promettente” come “ulteriore passo nella nostra idea di mobilità: inclusiva, semplice, intelligente”. Stando alle parole del CEO, Tiassisto24 dovrebbe essere “integrata nell’ecosistema aperto di TelepassPay”, l’app per pagare strisce blu, carburante, bollo auto e molto altro.

Ma vediamo come è nata e cosa fa questa startup della smart mobility.

Come è nata Tiassisto24

Tiassisto24 è una startup innovativa fondata nel settembre 2014 da Giuseppe Romagnoli, oggi COO, e Michele Romagnoli (quest’ultimo ne è il CEO). Dopo aver vinto le selezioni per entrare nel programma di accelerazione di Luiss Enlabs a Roma e ottenuto un pre-seed investment di LVenture Group Spa, nel 2015 realizza un nuovo aumento di capitale con l’ingresso nel capitale di F.I.R.A. Spa, Finanziaria Regionale Abruzzese.

Complessivamente Tiassisto24 ha raccolto 417.400 dollari di finanziamenti in due round, l’ultimo dei quali a giugno 2015. In quell’occasione Luigi Capello, CEO di LVenture Group, affermava: “TiAssisto24 può davvero migliorare la qualità della vita quotidiana di ciascuno di noi. Con questa app possiamo non solo risparmiare tempo ma anche spendere meno, delegando a dei professionisti lo svolgimento di tutta una serie di servizi che ci assorbono tempo ed energie”.

Che cosa fa Tiassisto24

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Tiassisto24 punta a creare un servizio smart per aiutare automobilisti e motociclisti nella gestione quotidiana di scadenze, manutenzioni, assicurazioni, obblighi amministrativi ed anche eventi accidentali come multe o veicolo in panne. Vuole insomma essere un vero assistente virtuale per favorire una smobilità smart. Grazie alla modularità della piattaforma e dei servizi, Tiassisto24 si rivolge a tutte le tipologie di community di guidatori: utenti online (B2C), clienti di operatori locali automotive (reti di autoriparatori) e assicurativi (agenti e broker), clienti di aziende corporate finance, automotive e assicurative. Negli anni ha sviluppato relazioni con vari player del settore quali AXA Partners, Sherwin-Williams Automotive, OCTO Telematics, Quale.it e Avipop. Ad oggi la community conta oltre 32.000 utenti registrati e 350 partner in tutta Italia.

VIDEO – COME FUNZIONA TI ASSISTO24

Telepass e le startup

Tiassisto24 è solo l’ultima, in ordine di tempo, delle startup innovative che hanno attirato l’attenzione di Telepass. Nel 2017 Atlantia, la società che controlla Telepass, ha acquistato il 70% di Urbi, startup che ha sviluppato un’applicazione per aiutare gli utenti a individuare mezzi di trasporto in sharing. Più di recente il gruppo Telepass (Telepass, Telepass Pay, Infoblu, Urbi, KMaster) ha partecipato a un round di finanziamento per WashOut, startup che offre un servizio di lavaggio di auto a chiamata, entrato nella piattaforma TelepassPay, l’app per pagare strisce blu, carburante, bollo auto e molto altro.

Poi ci sono le partnership tra cui quella con Helbiz, società di monopattini elettrici in condivisione che si possono noleggiare e pagare su TelepassPay, e che ha cominciato il percorso per il collocamento a Milano e al Nasdaq. Altra collaborazione operativa è in corso con Wise Emotions, startup che sviluppa applicazioni native per iPhone, Android e Windows Phone.

Proprio per proseguire e consolidare questa strategia di open innovation, nel 2019 Telepass ha lanciato una call per nuove realtà della mobilità, “Telepass Pay Ecosystem”, che si è chiusa il 29 novembre. A gennaio 2020 si conosceranno i vincitori, che avranno la possibilità di approfondire il loro progetto con il top management e il team IT di Telepass e valutare possibili collaborazioni in grado di accelerarne lo sviluppo.