Monopattini elettrici, 10 milioni di dollari per Helbiz: la metà sarà investita in Italia | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SHARING MOBILITY

Monopattini elettrici, 10 milioni di dollari per Helbiz: la metà sarà investita in Italia



La startup fondata negli Usa dall’italiano Salvatore Palella, prima ad effettuare test su Milano, ha ricevuto un nuovo round di finanziamento: oltre la metà sarà investito nel nostro Paese. Qui Helbiz ha già schierato una flotta di quasi 800 monopattini elettrici in condivisione gestiti da 30 persone

07 Ago 2019


Helbiz

Arrivano nuovi capitali per Helbiz, la società americana fondata da un italiano che propone monopattini in sharing: il round di finanziamento ammonta a 10 milioni di dollari ed è guidato da investitori e venture capital interessati agli sviluppi della nuova economia della smart mobility. Oltre 5 milioni saranno investiti in Italia. 

I monopattini elettrici, una startup di nome Helbiz e la rivoluzione della mobilità

Helbiz utilizzerà il capitale per far scalare le proprie attività a livello globale con un focus particolare verso l’iniziativa italiana. “Più della metà dei proventi verranno reinvestiti in Italia”, conferma Salvatore Palella, CEO e fondatore della società, preannunciando un programma di espansione basato su tre direttrici principali: apertura del business in nuove città, rafforzamento delle flotte di monopattini e del fleet team. “L’arrivo del Decreto Attuativo ha sbloccato lo stallo normativo che impediva ai Comuni tricolori di aprirsi al trasporto del futuro. Ora possiamo finalmente rompere gli indugi dando agli italiani un nuovo orizzonte di sviluppo, anche in termini occupazionali”.

Il riferimento è al decreto Toninelli sulla micromobilità, entrato in vigore il 27 luglio scorso, che dà via libera ai Comuni per avviare la sperimentazione di questi mezzi leggeri sulle strade cittadine. Per ora le delibere sono state emanate solo da alcuni Comuni quali Milano, Torino, Rimini e Cattolica.

L’obiettivo a breve termine di Helbiz è replicare il successo di Milano, capitale italiana dello sharing. Nel capoluogo meneghino Helbiz gestisce oggi una flotta di quasi 800 monopattini elettrici in condivisione gestiti da un team di circa 30 persone fra addetti al ritiro, manutentori, city manager, responsabili amministrativi e marketing. Il nuovo flusso di capitali permetterà di ampliare il raggio d’azione del servizio, a cominciare da tutte quelle città – anche del Sud Italia – che combattono quotidianamente con i problemi di congestionamento della viabilità. Parte degli investimenti verranno inoltre destinati all’ammodernamento dei mezzi, che verranno equipaggiati con batterie removibili per incrementare il numero di ore di esercizio.

A giugno scorso  Helbiz ha annunciato l’intenzione di presentare un’Offerta Pubblica Iniziale (IPO). La decisione punta a qualificare Helbiz come la prima società a proporre la doppia quotazione contemporanea al NASDAQ e all’AIM Italia – Borsa Italiana. La società che propone nuove modalità di trasporto cittadino è stata la prima ad effettuare test su Milano e ha all’attivo una partnership con Telepass per pagare il noleggio tramite l’app TelepassPay.

Ad oggi Helbiz è presente in 10 Paesi nel mondo.