Brexit, tutti gli effetti sul made in Italy | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Post referendum

Brexit, tutti gli effetti sul made in Italy

24 Giu 2016

L’export italiano potrebbe subire un miliardo e 700 milioni di perdite: i settori a rischio sono meccanica strumentale e mezzi di trasporto. Problemi anche per le aziende: quella più esposta al rischio a livello di fatturato è Yoox, che dal mercato britannico ricava il 15% del totale. Allarme per lo spumante italiano, per il quale la Gran Bretagna è diventata nel 2016 il primo mercato mondiale di sbocco

La Gran Bretagna se ne va, saluta Bruxelles e lascia l’Europa. E se da un lato è vero che, come sottolinea l’ex premier ed ex presidente della Commissione europea Romano Prodi, “non è un evento epocale, Londra era già mezza fuori” e che “i problemi sono più gravi per gli inglesi che per noi”, dall’altro bisogna anche tener conto che, inevitabilmente, ci saranno ripercussioni anche per chi in Europa ci resta. E non soltanto per i miliardi di euro che le Borse stanno già bruciando (alle 10.30 l’Euro Stoxx perdeva il 9,1%), ma anche per il futuro del commercio. Perché, se anche non è chiaro quale forma di rapporto Londra sceglierà di intrattenere con l’Ue (si ipotizza che possa restare comunque nel mercato unico, come la Norvegia, oppure che esca e trovi un accordo doganale come la Svizzera), è certo che le cose non saranno più come prima.

Ecco che cosa cambierà per l’Italia e per il Made in Italy.

 

L’EXPORT: UN MILIARDO E 700 MILIONI DI PERDITE – Con la Brexit, secondo un report della Sace (gruppo attivo nell’export credit per le imprese italiane) l’Italia potrebbe vedere una contrazione dell’export verso la Gran Bretagna da un minimo del 3 a un massimo del 7%, che in soldoni significa tra i 600 e i 1.700 milioni di euro in meno. L’Italia attualmente esporta prodotti per 22,5 miliardi, con un attivo di 11,9 miliardi di euro: con la permanenza della Gran Bretagna nell’Unione europea, la previsione era di una crescita del 7,6% per il 2016 e del 6,1% nel 2017 del made in Italy. Ma con la Brexit, secondo il rapporto, si prevede “una minore crescita per l’export italiano verso Londra di circa 1-2 punti percentuali nel 2016 (pari a 200-500 milioni di euro in meno beni esportati)” e per il 2017 “una contrazione del 3-7% per l’export italiano verso il Regno Unito, equivalente a circa 600-1.700 milioni di euro in meno di prodotti esportati”. A ciò si aggiunge la reintroduzione dei dazi: secondo Prometeia, società di consulenza e ricerca economica, la tassazione sulle merci italiane potrebbe essere superiore al 5% del valore esportato. E se il costo si ribaltasse sui margini delle aziende, il costo sarebbe superiore al miliardo di euro (in linea comunque con le perdite francesi e tedesche).

 

I SETTORI COLPITI – L’impatto maggiore della Brexit, secondo il report Sace, sarebbe pagato dal settore della meccanica strumentale, “con una crescita inferiore di circa 100-200 milioni di euro” nel 2016 e “con una contrazione che potrebbe superare il 10%” nel 2017. Un calo è previsto anche per il settore dei mezzi di trasporto (tra -6 e -8% nel 2016 e tra -10 e -16% nel 2017), mentre altri comparti di rilievo del made in Italy, come tessile e abbigliamento e alimentari e bevande “non subirebbero una variazione negativa” nel 2016, mentre nel 2017 il tessile vedrebbe un calo dell’1-3% e gli alimentari continuerebbero invece la loro corsa.

 

LE AZIENDE A RISCHIO – Per le aziende italiane presenti in Gran Bretagna, la preoccupazione maggiore è quella della ricaduta sui mercati finanziari: il titolo Eni, ad esempio, a Piazza Affari alle 9.30 perdeva il 10%. La ricaduta sul fatturato, invece, dovrebbe essere piuttosto modesta: l’azienda italiana quotata più esposta in quanto a percentuale di fatturato in Gran Bretagna è Yoox, che però da quel mercato ricava solo il 15% del totale. Seguono Leonardo con il 14% di fatturato in Gb, Prysmian con il 13%, Ferrari e Stm con il 6% e Tod’s con il 5%, mentre le altre aziende hanno un’esposizione ancora inferiore.

 

ALLARME SPUMANTE – Grossi rischi potrebbero invece esserci per i produttori italiani di spumante, per i quali la Gran Bretagna è diventata nel 2016 il primo mercato mondiale di sbocco con un incremento del 38%. A lanciare l’allarme è Coldiretti, secondo cui la Brexit potrebbe sconvolgere i rapporti commerciali per via dell’effetto della svalutazione della sterlina. Al momento, infatti, la bilancia commerciale agroalimentare è fortemente a favore dell’Italia (che importa merci per 701,9 milioni di euro ma ne esporta per 3,2 miliardi), ma l’uscita britannica dall’Europa potrebbe portare a un riallineamento.

Articoli correlati