Brandon, l'e-commerce del Made in Italy parla cinese | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Internazionalizzazione

Brandon, l’e-commerce del Made in Italy parla cinese

05 Ott 2015

Il distributore digitale ha firmato un accordo con il colosso del flashsale Vip.com per vendere i brand italiani in Cina. “Così le PMI italiane di food, fashion e design avranno accesso a un mercato che nel 2014 ha raggiunto un fatturato di oltre 400 miliardi di euro ed è in continua crescita” dice Paola Marzario, founder di Brandon

Paola Marzario, founder di Brandon
Brandon, il distributore online che accompagna le PMI italiane nel mercato e-­commerce, ha siglato un accordo con Vip.com, il più importante portale di flashsale cinese. La   partnership rappresenta un’importante opportunità per le piccole e medie imprese italiane che ora attraverso Brandon potranno vendere i propri prodotti sul mercato online in Cina.   

Ai 17 Paesi in Europa e nel mondo, in cui Brandon già distribuisce le sue campagne di vendita online, si aggiunge quindi anche  la Cina, con un mercato del retail online che, secondo le stime di China’s National Bureau of Statistics, rappresenta il 10% del totale e conta circa  360 milioni di consumatori online, un fatturato di 411 miliardi, in crescita del  48.7% sul 2013.   

Clicca qui per leggere la storia di Paola Marzario: «Così ho creato Brandon Ferrari, startup da 4 milioni di euro» 

VIP.com,  al quarto posto nel 2014 tra le internet company cinesi, secondo Fortune  500 China, è  un  portale specializzato  in  saldi  “flash” che detiene circa  il  2%  del  mercato    dell’e-­commerco  domestico. Nel 2014, la società quotata a Wall Street ha venduto oltre  100  milioni  di prodotti a più  di 23  milioni  di utenti.    

Al progetto di ingresso  nel  mercato  cinese delle vendite online, collaborerà  anche l’MBA  AdVENTURE, l’innovativo laboratorio  imprenditoriale della LUISS Business School   con un team internazionale composto dai cinque  studenti   selezionati, Dalton   Darren, Frydman Riva, Pace Sarah Ginevra,  Sato Lisa e  Weng Ting  Chang. Il  team    si    occuperà    di    studiare    ed    analizzare    l’apertura    di    una    sede    in    Asia. 

EconomyUpTV, guarda la videointervista a Paola Marzario

“L’accordo arriva in un  momento particolarmente  favorevole  in cui i dazi di importazione in Cina di alcuni prodotti,  tra cui abbigliamento e calzature, sono  stati tagliati del 50%”,      ha dichiarato Paola Marzario, Fondatrice  e Amministratore Delegato di Brandon. “Un  vantaggio in  più per il canale  e‐commerce, che oltre  a  costi  ridotti di gestione,     permette di pagare in media solo  il  10% di tasse, contro  il 30-50%  dei canali tradizionali, oltre alle opportunità  intrinseche che offre un mercato così grande affascinato dal made  in Italy”.

Ad oggi, Brandon distribuisce le sue campagne di vendita online su numerosi  portali di e-­commerce, tra cui Showroomprive, Saldi Privati, Dalani, Zalando, Privalia. In totale oltre  30 retailer digitali internazionali di cui il 10% in Italia e il 90% all’estero.    

Brandon è  il distributore online che accompagna e  supporta le aziende italiane del fashion, del design  e del food nelmercato  e-­commerce. Seleziona brand noti o  ad alto potenziale e gestisce per loro le  campagne di vendita  sui  siti di  e-­commerce di  tutto il mondo. Nel 2014 ha gestito 770  campagne, di cui 260 in Italia e 510 all’estero.   Nell’ambito moda, Brandon,  oltre ai brand proprietari, segue già Marinella, Gazel, Francesca   Ferrante, Okydoky Fashion Bimbo, Giorgia and Johns, Moleskine a cui si aggiungono  le calzature donna Fiorucci  e  molti  altri.   

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati