Lavoro: Terna sperimenta il modello ibrido di Phygiwork, startup accelerata da Marzotto Venture | Economyup

INNOVAZIONE

Lavoro: Terna sperimenta il modello ibrido di Phygiwork, startup accelerata da Marzotto Venture



Inaugurato il primo hub di Terna all’interno di Copernico Eur ispirato alle soluzioni innovative di Phygiwork. La sperimentazione coinvolge 100 dipendenti ed è destinata ad allargarsi. Si tratta di un’evoluzione dello smart working che offre una work experience ibrida, data driven ed ecosostenibile

02 Lug 2021


Roberto Guida_CEO Marzotto Venture Accelerator e Phygiwork_Stefano Donnarumma_AD Terna

Dopo lo smart working, il lavoro flessibile e digitalizzato, il lavoro phygital. Terna Rete Elettrica Nazionale, tra i principali operatori europei di reti per la trasmissione dell’energia ed eccellenza italiana, con oltre 4.500 professionisti impegnati nella sicurezza del sistema elettrico nazionale, adotta le soluzioni innovative di Phygiwork, startup accelerata e partecipata da Marzotto Venture Accelerator, che ha sviluppato una proposta di business basata su modelli di lavoro flessibile e digitalizzato.

Terna così avvia un programma sperimentale con l’obiettivo di offrire alle proprie risorse un nuovo modello di lavoro caratterizzato da un approccio ibrido, che permetta di svolgere le attività da remoto ma all’interno di hub flessibili e digitalizzati.

Lo smart working obbligato, rivelatosi provvidenziale durante la pandemia per garantire continuità operativa del business aziendale, ha cambiato per sempre le modalità di organizzazione del lavoro nelle grandi aziende, e non solo. Nel corso dell’ultimo anno e mezzo sono risultati evidenti i vantaggi in termini di produttività e flessibilità, a cui vanno aggiunti i benefici sul piano del welfare e della qualità della vita del lavoratore.

“Siamo particolarmente orgogliosi che una realtà come Terna abbia scelto le nostre soluzioni per evolvere il modello di lavoro dei suoi dipendenti” dice Nicolò Marzotto, Presidente di Phygiwork. “Crediamo infatti fermamente che il cambiamento del mondo del lavoro in ottica ibrida rappresenti un’importante opportunità che le aziende devono saper cogliere per continuare il percorso innovativo intrapreso in cui la centralità delle risorse è cruciale così come il work-life balance.”

Il modello di Smart Hub-Working di Phygiwork offre una work experience ibrida, data driven, ecosostenibile, promuovendo una collaborazione strutturata e organizzata delle risorse secondo logiche human-centric che, anche grazie alla tecnologia, garantisce le migliori condizioni di comfort ed efficienza lavorativa.

Il programma sperimentale, che coinvolge 100 dipendendenti, è partito con l’inaugurazione a Roma, nel quartiere Eur, all’interno dell’hub Copernico (parte del network nazionale a cui Phygiwork aderisce) del primo spazio di smart working destinato al personale di Terna. Per il debutto del nuovo hub, erano presenti l’amministratore delegato di Terna Stefano Donnarumma e l’amministratore delegato di Phygiwork Roberto Guida.

La scelta dell’hub è stata studiata anche in ottica sostenibile per consentire ai dipendenti di ridurre il tempo necessario per il tragitto casa-ufficio, liberando per loro tempo prezioso e abbattendo gli spostamenti in auto con una conseguente riduzione dell’inquinamento generato dai veicoli.

Il programma, per il momento sperimentale, prevede uno sviluppo con il coinvolgimento di un numero sempre maggiore di dipendenti e l’attivazione di nuovi spazi nell’intero territorio di Roma.

Phygiwork è tra le prime società a proporre soluzioni di modelli di lavori flessibili e digitalizzati, e ha presentato una nuova work experience in ottica di Phygital Enterprise, unendo i vantaggi del lavoro da remoto e in presenza, offrendo soluzioni personalizzate e servizi ideati secondo un approccio innovativo, che coniuga logiche di Flexible & Distributed Workforce, Phygital Workspace e Work-Life Balance. Phygiwork propone i suoi servizi all’interno delle sedi di Copernico a Roma e aderisce al network nazionale di business hub di Copernico, che gli consentirà l’accesso presso le oltre 15 sedi in tutta Italia.