Siram Veolia: così una energy service company italiana sceglie i suoi Innovation Champions - Economyup

STARTUP INTELLIGENCE

Siram Veolia: così una energy service company italiana sceglie i suoi Innovation Champions



La società che si occupa di gestione efficiente di energia, acqua e rifiuti speciali raccoglie le proposte di innovazione dagli Hub creati sul territorio. Inoltre ha selezionato al suo interno alcuni “campioni di innovazione” con un ampio network di conoscenze e in grado di portare risultati concreti. Ecco come

di Matteo Bascapé

04 Nov 2022


Siram Veolia

Il Gruppo Siram Veolia è tra le prime Energy Service company in Italia per la gestione efficiente di energia, acqua e rifiuti speciali.

Opera in Italia da oltre 100 anni con un team di 3.400 professionisti che presidiano il territorio con una presenza capillare di 130 presidi in tutto il Paese. Inoltre, Siram è parte del Gruppo Veolia, leader mondiale nella gestione ottimizzata delle risorse ambientali presente in cinque continenti con quasi 220.000 dipendenti.

Sul fronte dell’innovazione, la capogruppo Veolia ha recentemente modificato il suo approccio. Se prima le tematiche di innovazione erano fornite in modalità push dalla capogruppo, attualmente il sistema opera in modalità pull tramite la raccolta di proposte dagli Hub che sono stati creati sul territorio con lo scopo di presidiare una specifica tematica di interesse per il gruppo (e.g. CO2, salute, fonti rinnovabili).

In virtù di questo approccio, Siram Veolia ha stabilito in Italia un network consolidato di rapporti con le maggiori Università e Centri di Ricerca del Paese, quale ad esempio l’Osservatorio Startup Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano, per poter orientare opportunamente le priorità di investimento in materia di sviluppo tecnologico ed essere sempre in prima linea rispetto alle più promettenti innovazioni. Infatti, l’azienda riconosce un valore strategico nel confronto costante con i player più rilevanti dei settori di riferimento e manifesta la volontà di stabilire periodicamente dei momenti atti a servire questo scopo.

Un altro elemento chiave per l’innovazione in Siram Veolia è la presenza degli Innovation Champions, figure che hanno tipicamente il compito di promuovere la cultura dell’innovazione in azienda.

In Siram Veolia, gli Innovation Champions sono collocati nelle singole business unit e vengono scelti in base alla familiarità con i temi dell’innovazione e al contatto col cliente, così che trovino più facilità nel cogliere i bisogni del mercato. Queste figure non hanno tuttavia una percentuale predefinita del loro tempo da destinare alle attività di innovazione. Al contrario, vi si dedicano con flessibilità gestendo parallelamente le loro responsabilità di linea.

In quanto a caratteristiche e competenze, in Siram Veolia gli Innovation Champions sono persone riconosciute e stimate a livello aziendale nel territorio che presidiano. Questo significa, nella pratica, che queste persone hanno un ampio network di conoscenze sul territorio e che riescono ad assicurarsi l’endorsement da parte del Direttore della propria Business Unit di riferimento. Per fare questo, è importante che gli Innovation Champions sappiano portare con costanza risultati concreti all’azienda perché questo contribuisce a mantenere il loro status di credibilità e competenza. Le competenze strettamente tecniche, quindi, non sono tipicamente uno dei parametri prioritari in base ai quali una risorsa viene selezionata per prendere parte a questo ruolo.

Se è vero che gli oneri associati agli Innovation Champions sono sicuramente numerosi, anche gli onori non sono da meno. Per cominciare, la possibilità di presidiare e portare a termine con successo progetti di innovazione per la propria azienda rappresenta una forte leva motivazionale. Inoltre, ricoprire il ruolo di Innovation Champion permette di avere una forte crescita a livello professionale in quanto mette a contatto con diverse aree aziendali incrementando la propria esperienza e le proprie competenze.

 

Matteo Bascapé

Analista, Osservatorio Startup Intelligence