Pontremoli (Dallara Automobili): «Sbagliando si innova e il digitale ci permette di farlo a basso costo» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pontremoli (Dallara Automobili): «Sbagliando si innova e il digitale ci permette di farlo a basso costo»

19 Gen 2017

L’amministratore delegato dell’azienda di Parma sottolinea l’importanza dell’errore dei processi di innovazione. E per passare dalla teoria alla pratica sono fondamentali i rapporti con il territorio per accrescere la consapevolezza digitale e le competenze. Così la Motor Valley emiliana può esaltare la sua eccellenza a livello internazionale

Andrea Pontremoli, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Dallara Automobili
Un’azienda automobilistica con forti radici sul territorio che sta scommettendo su tecnologie digitali e Internet of Things nell’ottica della fabbrica 4.0: questa è Dallara Automobili, gruppo di Varano de’ Melegari (Parma) guidato da Andrea Pontremoli, già manager per 27 anni in IBM.

“L’innovazione nasce dall’errore: più posso sbagliare più sono innovativo. E il digitale ci permette di realizzare e utilizzare macchine per sbagliare a basso costo”, ha spiegato Pontremoli in occasione dell’evento La via italiana all’Industry 4.0 organizzato da Cisco in collaborazione con Internet4Things.it ed EconomyUp.it in qualità di media partner, si è tenuto proprio nella sede di Dallara Automobili.

Andrea Pontremoli, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Dallara Automobili, sta scommettendo sulla costruzione di competenze e collaborazioni sul territorio per esaltarne le eccellenze a livello internazionale e trasformare la Motor Valley emiliana in un punto di riferimento per l’automobilismo mondiale.

Passando dalla teoria alla pratica, Pontremoli ha spiegato in che modo Dallara sta contribuendo a portare questa consapevolezza sul territorio. Sette anni fa, per esempio è partito un progetto di formazione da remoto per le scuole superiori che ha coinvolto 250 ragazzi della valle. È stata inoltre creata una classe ad hoc dedicata ai software CAD per formare 25 disoccupati in possesso di diploma. “Terminato il corso, tutti hanno trovato lavoro e senza doversi spostare” ha commentato il Ceo.

E il tema della formazione è al centro del programma Digitaliani di Cisco che ha fatto partire una importante collaborazione con il MIUR e che si colloca nel solco delle iniziative volte a favorire lo sviluppo delle competenze del Piano Industria 4.0 sia sotto il profilo della formazione didattica sia come sviluppo e promozione di case history.

Per continuare a leggere l’articolo su Internet4Things clicca qui

  • 0 Share
Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati