Digital360 Awards, la conferma dell'innovazione possibile | Economyup

Digital360 Awards, la conferma dell’innovazione possibile



Tre i segnali che arrivano dal contest lanciato da Digital360 e che lasciano ben sperare, scrive il CEO del gruppo: la grande disponibilità dei CIO delle principali aziende italiane; un’elevata qualità dei progetti proposti; un bel numero arriva dal Sud e dal mondo universitario

di Andrea Rangone, CEO Digital360

13 Lug 2016


Andrea Rangone, CEO Digital360, illustra il percorso dei Digital360 AwardsL’economia digitale in Italia è in ritardo, ma ci sono le energie e le competenze per colmare il gap. Un solo dato, sintetico e di sistema: in Italia il rapporto tra mercati digitali e Pil è pari al 3,6%, contro una media europea del 5,9%, quindi con un deficit annuo di 40 miliardi di euro. È il valore che si deve e si può recuperare investendo in innovazione digitale, creando le condizioni perché questa circoli tra le nostre imprese e le pubbliche amministrazioni e riconoscendo meriti e visibilità a chi produce nuova ricchezza.

I Digital360 Awards, il contest organizzato tra giugno e luglio dal nostro gruppo, ha confermato quanto siano importanti e utili tutte le iniziative che creano occasioni di incontro e conoscenza tra le imprese e pubbliche amministrazioni e i fornitori più innovativi di soluzioni digitali. L’obiettivo dei Digital360 Awards è proprio quello di favorire un collegamento immediato e diretto tra chi propone l’innovazione digitale e chi la deve utilizzare. Per questo, il contest si è rivolto a tutti i fornitori innovativi – dai grandi vendor, alle software house e ai system integrator territoriali, fino ad arrivare alle startup, ammesso però che abbiano almeno un cliente attivo (quindi gli Awards non sono stati e non saranno un call4ideas!). Per questo, la giuria è formata esclusivamente dai Chief Information Officer delle principali aziende italiane e di qualche importante pubblica amministrazione, che sono i principali utilizzatori delle soluzioni digitali innovative.

140 progetti in gara, 39 finalisti, 16 premiati – a seconda della categoria tecnologica e settoriale di appartenenza – dai 50 CIO della giuria.I progetti vincitori dei Digital 360 Awards sono esempi di successo nell’utilizzo del digitale nelle imprese e nella pubblica amministrazione del nostro paese. Esempi che possono essere da stimolo per diffondere la cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità in ogni settore.

QUI PUOI VEDERE LE VIDEO INTERVISTE AI FINALISTI DEI DIGITAL 360 AWARDS

WHITEPAPER
Cosa vuol dire investire in Startup? 10 cosa da sapere
Startup

Che cosa ci dice l’esperienza dei Digital360 Awards? Almeno tre i segnali che lasciano ben sperare per il futuro prossimo. Primo. C’è stata una grande La platea affollata dei Digital360 Awardsdisponibilità dei CIO a partecipare, dedicare tempo, analizzare e valutare attentamente i progetti in gara: a conferma di un forte desiderio di capire meglio l’innovazione digitale nelle sue svariate dimensioni proposta dai molteplici operatori. Secondo. Si è toccata con mano una elevata qualità dei progetti proposti, a testimonianza di un’Italia che è in grado di proporre innovazione digitale, anche originale, creativa. Terzo. Un bel numero di progetti finalisti e vincitori sono arrivati, e questa è una bella sorpresa, anche dalle regioni del sud e dal mondo universitario. La prova concreta della superficialità e della fretta di alcuni (pre)giudizi che rappresentano il Sud poco incline all’innovazione tecnologica e l’Università troppo teorica e poco pronta a contribuire concretamente all’innovazione delle imprese e delle pubbliche amministrazione.

C’è un’altra Italia oltre i luoghi comuni. Un’Italia che si ingegna per colmare quel vuoto di 40 miliardi di euro. Farla emergere è un’opportunità e un dovere. Progetti come i Digital360 Awards hanno questo compito, che non si esaurisce certo con un episodio. Il lavoro è solo all’inizio. Il cantiere resta aperto. E torneremo ancora a parlarne.

 

Andrea Rangone, CEO Digital360

Da due decenni attento osservatore e analista delle tecnologie digitali e dei processi di trasformazione digitale, è co-founder degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano