Le startup insurtech, una sfida per i broker assicurativi

La maggior parte delle società innovative in ambito assicurativo sviluppa soluzioni che rivoluzionano il sistema distributivo e rispondono meglio alle richieste dei clienti alla ricerca di prodotti personalizzati e procedure veloci e trasparenti. I dati in un’infografica di Oxbow Partners

Pubblicato il 24 Ago 2016

shutterstock-334148957-160824110458

Secondo quanto riporta in una infografica Oxbow Partners, società di consulenza del settore assicurativo, l’ondata di startup emerse finora nel panorama assicurativo deve preoccupare sopratutto i broker assicurativi, poichè opera sopratutto nello spazio della distribuzione: oltre il 50 % delle insurtech ha infatti focalizzato la propria attività nello sviluppo di piattaforme tecnologiche che permettono di raggiungere gli utenti e trasformarli in clienti, proponendo nuove forme di interazione tra cliente e compagnia assicurativa.

Il dato non sorprende: come segnalato spesso anche dalle pagine di InsuranceUp, un’importante fascia di potenziali clienti assicurativi, in particolare i millennial e tutti i digital savvy, richiedono una diversa esperienza di acquisto e un diverso rapporto con il proprio assicuratore, che si esprimano con una digitalizzazione dei processi, maggiore tempestività, personalizzazione, facilità e trasparenza.

Caratteristiche che tutte le startup insurtech assumo infatti a propria missione aziendale.

Il 34% delle startup insurtech opera invece nel B2B, cioè sviluppa soluzioni e tecnologie che rivende all’industria assicurativa tradizionale; l’8% di queste startup propongono modelli assicurativi P2P e solo il 2% sono considerabili compagnie assicurative assimilabilia quelle più tradizionali.

Altri dati interessanti riportati nell’infografica riguardano:

– la localizzazione geografica delle insurtech, che vede la netta prevalenza del Nord America, seguito dall’Europa;

– le tecnologie che stanno spingendo la rivoluzione in campo assicurativo, in cui predominano software per data e analytics e IoT, seguiti a ruota da blockchain e droni

Ecco l’infografica di Oxbow Partners.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4