Corporate venture capital Iren: 20 milioni per le startup del cleantech
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Corporate Venture Capital, Iren investirà 20 milioni in startup del cleantech

13 Lug 2018

La multiutility del Nord Ovest ha deciso di lanciare un programma di corporate venture capital puntando su giovani imprese attive nelle tecnologie pulite e nell’economia circolare. Su ciascuna conta di investire fino a 2 milioni di euro nei prossimi tre anni. Primo passo una call per startup: IREN Startup Award”.

Iren, operatore dei servizi pubblici locali, lancia Iren Up, un programma di corporate venture capital da 20 milioni di euro. La società attiva nei centri del Nord Ovest, tra cui Milano e Torino, anche con progetti di efficienza energetica per la riqualificazione urbana, ha deciso di affiancare in tutto il loro percorso di crescita le startup italiane a più alto potenziale nel settore cleantech, dalle tecnologie pulite all’economia circolare. È il suo primo progetto di corporate venture capital (CVC) è quel tipo di investimento che un’azienda, solitamente di medie-grandi dimensioni, fa su una o più startup attraverso un fondo dedicato. I fondi di cvc rilevano quote di capitale (in genere di minoranza) delle nuove imprese ma non lo fanno solo in ottica finanziaria, come farebbe legittimamente un venture capital “classico”, ma anche per avere un accesso privilegiato alle innovazioni e alle tecnologie sviluppate dalle startup.

Corporate venture capital, che cos’è e chi lo fa (in Italia e all’estero)

COME FUNZIONA IL CORPORATE VENTURE CAPITAL DI IREN

Oltre a risorse sia per la fase iniziale di vita delle imprese che per la fase di espansione e di scale-up (ex startup cresciute), Iren metterà a disposizione un pacchetto di servizi personalizzato che potrà includere sperimentazione, supporto tecnico, consulenza legale, test di mercato e accordi commerciali e industriali. Per il programma, Iren prevede investimenti per circa 20 milioni di euro per i primi tre anni, con ticket di investimento da 100.000 a 2 milioni di euro, a seconda della fase di vita della startup e delle necessità. Il programma vedrà coinvolte attivamente tutte le funzioni chiave dell’azienda, che lavoreranno in team al supporto delle singole startup.

“L’Italia sta recuperando terreno ma gli investimenti in startup sono ancora 1/10 di quelli francesi ed 1/5 di quelli spagnoli – dichiara Paolo Peveraro, Presidente di IREN S.p.A. – Noi vogliamo dare il nostro contributo al Paese e ai nostri territori di riferimento attraverso una strategia basata su tre parole chiave: professionalità partnership e valorizzazione. Abbiamo università, centri di ricerca, e competenze di altissimo livello. Attraverso la contaminazione e la partnership con una grande impresa le idee e le iniziative imprenditoriali innovative possono crescere più velocemente e con radici più solide, accelerando anche il processo di innovazione interno a Gruppo. Dobbiamo solo aiutarle a valorizzare tutto il potenziale. Questo è IREN UP”.

“Il nostro obiettivo è diventare il vero punto di riferimento per le startup a più alto potenziale affiancandole in tutti i momenti chiave: valorizzare al massimo l’innovazione ed evitare, grazie alla nostra competenza e ai nostri servizi, gli errori o le difficoltà tipiche delle nuove imprese. Tutto ciò garantendo allo stesso tempo un mix di ritorni industriali e finanziari per il gruppo” ha commentato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo IREN.

Massimiliano Bianco (Ceo Iren): “Per le smart city è fondamentale l’open innovation”

IL CORPORATE VENTURE CAPITAL DI IREN: VIA ALL’ “IREN STARTUP AWARD”

Si parte da subito con il primo step: “IREN Startup Award”, in collaborazione con “Intesa Sanpaolo Startup Initiative”. Un concorso per startup, rivolto alle giovani imprese a livello europeo che hanno sviluppato soluzioni innovative nei settori dell’energia, dell’ambiente, della mobilità e del ciclo idrico. L’ “IREN Startup Award” suddividerà le startup in due categorie, offrendo due diversi premi:

  • Categoria SEED, dedicata alle startup o spin-off che abbiano sviluppato una tecnologia o un prodotto anche se in forma prototipale o abbiano depositato un brevetto. Per la start up vincitrice della categoria SEED, premio di 15.000 euro ed un programma personalizzato di accelerazione della durata di 1 mese in collaborazione con IREN e con importanti player dell’ecosistema cleantech;
  • Categoria GROWTH, dedicata alle le startup o PMI con soluzioni innovative che abbiano già effettuato in precedenza un round di investimento seed oppure che abbiano già raggiunto un volume d’affari di almeno 1 milione di euro. Per la startup/PMI innovativa della categoria GROWTH, premio di 15.000 euro ed un partnership program personalizzato della durata di 1 mese orientato alla elaborazione e strutturazione di una proposta di collaborazione implementabile con IREN.

Inoltre, per l’edizione 2018 è previsto un premio speciale di 10.000 euro per la migliore startup che si distinguerà nel settore Sustainable Mobility, addizionale rispetto alle due categorie sopracitate. IREN, attraverso un percorso di selezione, offrirà alle startup sessioni di formazione per prepararle al confronto con il mercato e farle incontrare con gli attori dell’ecosistema dell’innovazione. Il concorso è uno degli strumenti del nuovo programma di Corporate Venture Capital. Tutte le startup che applicheranno verranno valutate anche per potenziali investimenti in equity. Gli imprenditori interessati possono presentare la propria candidatura QUI, illustrando il piano aziendale o una sintesi del loro progetto entro e non oltre il 9 settembre 2018.

Articoli correlati