Ricarica dell'auto elettrica, ci pensa Google Assistant
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AUTO E INNOVAZIONE

Ricarica dell’auto elettrica, ora ci pensa Google Assistant



Google Assistant si è arricchito di una nuova funziona che riguarda i caricabatterie, compresi quelli per la ricarica dell’auto elettrica: presto sarà possibile ricaricare la propria auto in garage semplicemente dicendo all’assistente: “Ok Google, carica la mia auto”

03 Mar 2020


Alla ricarica dell’auto elettrica ci pensa Google Assistant. Lanciato inizialmente con un supporto limitato per i dispositivi domotici più semplici, dal termostato alle luci, dalla tv agli elettrodomestici, Google Assistant si è arricchito con il passare del tempo di funzioni sempre più complesse e versatili, arrivando a supportare 60 diversi tipi di dispositivi smart. L’ultima in ordine di tempo, implementata da pochi giorni, riguarda i caricabatterie: ogni caricabatterie connesso all’assistente di Big G sarà quindi ora mostrato con un’icona che rappresenta un caricabatterie.

Auto elettrica: che cos’è e come sceglierla, tempi e costi ricarica

Ma la vera novità è che nella documentazione rilasciata dagli sviluppatori Google non si limita a citare, tra i dispositivi che possono essere connessi, i soliti caricabatterie per cellulari: vengono inseriti anche esempi come serrature smart, dispositivi come gli aspirapolvere e perfino le auto elettriche.

“Ok Google, carica la mia auto”

Perché, secondo le note tecniche, le nuove specifiche dell’Assistant sono relative a dispositivi in grado di caricare altri dispositivi (cioè i normali caricabatterie), dispositivi che possono immagazzinare energia (cioè qualsiasi dispositivo che abbia al proprio interno una batteria) e infine dispositivi che possono ricaricare altri dispositivi (cioè le batterie stesse).

Auto elettrica, cresce in Europa la rete di ricarica autostradale. E cambiano i prezzi

Il nuovo comando permette di iniziare e terminare la carica, di verificare il livello di carica del dispositivo connesso (in percentuale, in tempo di scarica e perfino in miglia di percorrenza) e di sapere quanto tempo è ancora necessario per la carica completa. Insomma, potrebbe essere presto possibile caricare la propria auto elettrica in garage semplicemente dicendo all’assistente: “Ok Google, carica la mia auto”. Oppure verificare la carica: “Ok Google, quanto tempo manca per la ricarica completa dell’auto?”

Colonnine per la ricarica dell’auto elettrica: dove trovarle, come usarle, i costi