Il debutto di InsuranceUp, fra startup e grandi aziende | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le nostre iniziative

Il debutto di InsuranceUp, fra startup e grandi aziende

17 Lug 2015

Il nuovo portale di EconomyUp dedicato al settore assicurativo è stato presentato al Politecnico di Milano, insieme con la nuova call Open@Fab di Cardif Italia, che sarà permanente. Tema: l’Internet of Things. L’ad Isabella Fumagalli: le startup sono come i caccia di una portaerei

“Le grandi organizzazioni aziendali come le assicurazioni sono paragonabili alle portaerei: grandi e difficili da manovrare, ma hanno il pregio di ospitare i caccia, che si muovono velocemente per esplorare nuovi territori. I nostri caccia sono le startup”.

Con questa efficace metafora Isabella Fumagalli, amministratore delegato di BNP Paribus Cardif Italia, ha sintetizzato la visione che guida la compagnia nell’approccio al mondo dell’innovazione e quindi delle startup, nel corso dell’evento che si è tenuto giovedì 16, presso il Politecnico di Milano nell’affollata Aula De Donato, in occasione del lancio di InsuranceUp, il portale sull’innovazione nel settore assicurativo sviluppato da EconomyUp, che “contiene” anche la nuova edizione di Open F@b, il contest di BNP Paribas Cardif gestito in collaborazione con Polihub.

La Call4Ideas Open F@b quest’anno si concentrerà sull’Internet of Things, un settore in grandissima crescita che pone nuove sfide anche alle imprese assicurative. La nuova edizione della call sarà permanente e tutte le informazioni e i regolamenti per partecipare si possono trovare nella sezione “Call4ideas” di InsuranceUp. I 10 finalisti di Cardif Open-F@b potranno contare sul supporto degli esperti della Unit R&D di BNP Paribas Cardif, dedicata allo sviluppo di soluzioni e servizi assicurativi collegati all’innovazione tecnologica e digitale, per accelerare il raggiungimento dei propri obiettivi di business e, qualora ci siano le potenzialità, per essere seguiti nella fase di commercializzazione sul mercato italiano ed estero. Possono partecipare persone fisiche con un’idea innovativa, start up avviate negli ultimi 5 anni o imprese operanti già da tempo sul mercato, con progetti innovativi potenzialmente suscettibili di spin-off.

«Vogliamo essere protagonisti e agenti di questa trasformazione digitale, sia attraverso il lancio di nuovi prodotti assicurativi con telematica integrata, sia stimolando l’incontro e la contaminazione fra le idee nel settore, portando al successo le più innovative» ha detto Isabella Fumagalli . “Dopo aver iniziato per primi un percorso sul tema IOT, lanciando a ottobre 2013 il prodotto Habit@t, stiamo esplorando altre soluzioni che integrano la tecnologia per soddisfare i nuovi bisogni dei clienti, come ad esempio la sicurezza e l’assistenza delle persone”.

«L’Internet of Things da elemento di interesse per alcune nicchie di mercato nell’ultimo anno è diventato elemento centrale per ogni business con la prospettiva di divenire un fenomeno ancora più dirompente nei prossimi anni – ha fatto eco Angela Tumino, responsabile dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, che ha presentato lo stato dell’arte. «L’innovazione abilitata dall’Internet of Things consente di creare valore facendo leva su nuove filiere e nuovi modelli di business, a partire dai dati provenienti dagli oggetti connessi. Questa innovazione interessa da vicino anche il settore assicurativo».

Qui pui leggere un’analisi di Angela Tumino per InsuranceUp

Testimonial  al lancio della nuova edizione di Open F@ab, i fondatori delle startup selezionate nella prima edizione, che hanno illustrato il proprio progetto e come si sta evolvendo grazie alla collaborazione con Cardif:  Tresor Privè (sistema digitale per la valutazione e la perizia di gioielli e tesori di famiglia), Driver2Home (applicazione per avere un autista che guida al posto nostro in casi di necessità); Sinapsi (wearable device per animaili), Buildo (Big Data). 

L’incontro si è chiuso con la presentazione di InsuranceUp, il primo portale dedicato all’innovazione nel mondo assicurativo, sviluppato dalla redazione di EconomyUp. Come ha sottolineato il direttore di EconomyUp Giovanni Iozzia, anche nel suo editoriale, “la digital transformation è il driver principale di ogni cambiamento in tutti i settori, compreso uno di quelli ritenuti più tradizionali come quello assicurativo. L’evoluzione tecnologica pone nuove sfide anche in questo campo e per questo EconomyUp, fedele alla missione che la contraddistingue di raccontare l’innovazione, ha voluto aprire una finestra su questo mondo. In questa sfida abbiamo accanto a noi BNP Paribas Cardif, una grande realtà del settore che sta dimostrando moltissima sensibilità verso il nuovo che avanza, come dimostra anche attraverso la sua iniziativa Open F@b”.

Il nuovo portale, che avrà aggiornamenti quotidiani, è on line da giovedì 16 all’indirizzo www.insuranceup.it. Quattro i canali: Scenari, Opinioni, Business, Startup. Numerosi i temi di interesse, dall’Internet of Things, appunto, ai wearable device, dai Big Data alla sharing economy,  dalla Smart Car alle Smart Cities. Inso,,a tutti quegli ambi dove le tecnologie digitali stanno sconvolgendo modelli economici consolidati, ma anche offrendo nuove opportunità di business. Anche per un’industria come quella assicurativa, considerata ancora ‘old fashion’. Ma non certo ferma. 


 

Articoli correlati