Colonnine di ricarica elettriche per auto: sempre più anche in Italia

LA GUIDA

Colonnine elettriche: costi e mappa stazioni di ricarica auto



In Italia si contano oltre 27.800 punti di ricarica per auto elettriche suddivisi in 14.300 colonnine. Ecco dove trovare le più vicine, come fare la ricarica a casa, i tempi e i costi

06 Ott 2022


Colonnine per la ricarica dell'auto elettrica: direttiva DAFI

La diffusione di auto elettriche nel mondo cresce rapidamente e, con esse, le strutture dedicate alla ricarica di questi mezzi (le cosiddette colonnine elettriche). Un’operazione tutto sommato semplice, anche se non ancora entrata nella quotidianità, che si può fare su strade e autostrade pubbliche, ma anche nel garage di casa. Nel caso di punti di ricarica ad accesso pubblico, a fine 2021 ne sono stati stimati oltre 1.700.000 a livello mondiale. Se la Cina è il Paese leader in questo ambito, l’Europa arranca. E l’Italia? A luglio 2022 si stimavano solo 250 punti di ricarica ad accesso pubblico di tipo rapido e ultra-rapido in ambito autostradale, distribuiti in modo molto diverso nelle varie Regioni. Più in generale, secondo Motus-e , al 31 dicembre 2021 sono stati installati 26.024 punti di ricarica o wallbox pari a 13.233 impianti tra stazioni e colonnine, che si trovano in 10.503 punti  accessibili agli utenti; di questi il 79% è stato collocato su suolo pubblico e il  21% è collocato su suolo privato ma a uso pubblico.

Il bonus per incentivare l’installazione di colonnine di ricarica in Italia

Ci sono molti vantaggi nell’acquistare un veicolo elettrico a partire proprio dall’installazione di colonnine elettriche per la ricarica che, con il  Decreto Rilancio 34/2020, per tutto il 2022 e 2023 rientrano tra gli incentivi dell’ Ecobonus 110%.

WHITEPAPER
Connected Car: in Italia un mercato da 1,18 miliardi che ha resistito alla pandemia
Automotive
Connected car

Acquistando e installando colonnine elettriche o un wallbox, l’Agenzia delle Entrare potrebbe restituire all’acquirente di più di quanto speso tramite 3 possibili modalità: detraendo la spesa dalle tasse in 4 anni, oppure tramite lo sconto in fattura o la cessione del credito, chiedendo all’impresa, oppure ad un intermediario finanziario, di anticipare la spesa al posto dell’acquirente. L’aliquota di detrazione scenderà al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025.

Dal PNNR potrebbero arrivare nuovi fondi destinati a queste infrastrutture. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza, nell’ambito della seconda mission, prevede un investimento ad hoc per l’installazione di infrastrutture di ricarica elettrica pari a  741,3 milioni di euro. La consultazione pubblica del MiTE sulle colonnine elettriche è stata chiusa il 6 giugno 2022.

Servirà a costruire le infrastrutture necessarie per promuovere lo sviluppo della mobilità elettrica, aumentare il numero dei veicoli (pubblici e privati) a emissioni zero e ridurre l’impatto ambientale dei trasporti. Scopo finale: realizzare entro il 2026 oltre 20.000 punti di ricarica rapida in superstrade e nei centri urbani. Il bando relativo per l’installazione di infrastrutture di ricarica elettrica, secondo indiscrezioni, potrebbe essere pubblicato entro giugno 2022 ma in base al cronoprogramma indicato nel PNRR e sul sito Italia Domani i contratti per le nuove stazioni di ricarica saranno definiti entro giugno 2023.

Ma dove sono le colonnine per la ricarica dell’auto elettrica? Come fare per rifornirsi? Quanto dura la ricarica? Ecco tutte le risposte.

Come funzionano le colonnine per la ricarica dell’auto elettrica

Le colonnine o wallbox per la ricarica dei veicoli elettrici sono una delle infrastrutture fondamentali per la diffusione di questo sistema d trasporto

Anche se non fa ancora parte dei gesti appartenenti alla quotidianità, la ricarica dell’auto elettrica lo diventerà presto. Si tratta infatti di un’operazione particolarmente semplice: la modalità è simile a quella che si utilizza per mettere in carica un comune telefono cellulare. Basta collegare con un apposito cavo l’auto alla stazione di ricarica, inserendo le prese nelle due estremità. Se si decide di farlo in strada, occorre individuare su Internet o sulle apposite applicazioni la stazione di ricarica più vicina, per poi parcheggiare, collegare il cavo all’auto e avvicinare alla colonnina la card fornita dal gestore. In questo la ricarica di un’automobile elettrica si differenzia da un “pieno” di benzina perché è necessario essere dotati dell’apposita tessera magnetica, simile a un bancomat, che permette di sbloccare lo sportello della colonnina e inserire l’adattatore.

A collegamento effettuato il display visualizza il contatore: è possibile verificare quanti KwH la batteria sta assorbendo, proprio come fosse un serbatoio per il carburante. Quando la ricarica è terminata è sufficiente accostare nuovamente la card alla colonnina e scollegare il cavo.

L’unico problema, esattamente come avviene per i dispositivi elettronici, è rappresentato dal modello di presa utilizzato dall’auto: per la ricarica in corrente alternata, infatti, in Europa (ad eccezione della Francia) è attualmente diffuso il “Tipo 2”, chiamato anche “Mennekes”, che carica l’auto in corrente alternata monofase o trifase sino ad una potenza di 22kW sulla presa della infrastruttura di ricarica e sino a 43kW. Invece il cavo con spina di Tipo 3A, detta “Scame”, è utilizzato solo per i veicoli leggeri (scooter e quadricicli).

In Usa e Giappone i cavi sono cavi fissati alla infrastruttura di ricarica e sono di Tipo 1, chiamato “Yazaki”, e caricano l’auto in corrente alternata monofase a una potenza massima di ricarica 7,4kW.

Anche per la ricarica in corrente continua i cavi sono fissati alla colonnina, e i connettori variano in base al produttore: il più diffuso al mondo è il CHAdeMO (con una potenza massima di 50kW), adottato ad esempio da Nissan, Mitsubishi, Peugeot e Citroen; BMW e Volkswagen utilizzano invece il CCS COMBO2, e le case nipponiche e statunitensi il CCS COMBO1. Infine, Tesla ha uno standard proprietario (chiamato Supercharger) ma può funzionare anche con il connettore di Tipo 2.

Come fare la ricarica auto elettrica in casa

L’auto elettrica, ovviamente, può essere ricaricata anche nel box di casa esattamente come si farebbe con la colonnina. Sebbene sia possibile connettere l’auto direttamente a una comune presa elettrica, l’installazione di una stazione dedicata consente alcune operazioni supplementari, come ad esempio la tracciatura dei consumi, la regolazione della potenza di carica e la gestione da remoto.

In ogni caso non è necessario cambiare contatore, ma bisogna stare attenti al proprio contratto: se la potenza impegnata è quella standard (3 kW), l’utilizzo di elettrodomestici mentre l’auto è in carica può infatti far “scattare” il contatore. In questo caso basta passare a un contratto con potenza superiore oppure installare una stazione ad hoc con tecnologia “smart charging”, che regola istante per istante l’erogazione all’auto in base all’assorbimento di potenza dell’utenza.

Colonnine per la ricarica dell’auto elettrica, i tempi di ricarica

Che l’operazione venga svolta a casa o alle colonnine pubbliche, il tempo di ricarica dell’auto dipende sia dalla potenza erogata dall’impianto, da quella massima accettata dal caricabatteria interno al veicolo, dal tipo di cavo utilizzato e dalla potenza delle batterie dell’auto.

Per un’auto con una batteria da 24 kW (come può essere ad esempio quella montata sulla Nissan Leaf, mentre una Hyundai Ioniq ne monta una da 28 e una Citroen C-Zero da 16) una ricarica completa a 3,7 kW, ad esempio, richiede circa 6 ore e mezza di tempo, mentre per una a 7,4 kW ne bastano poco più di 3. La maggior parte della colonnine di ricarica pubblica installate da Enel sul territorio italiano ha comunque una potenza disponibile di 11 kW o 22 kW, quindi consentono, rispettivamente, una ricarica in 1 o 2 ore.

Colonnine per la ricarica dell’auto elettrica, i costi

Quanto costa la ricarica di un'auto elettrica alla colonnina di ricarica o wallbox

Il costo della ricarica, invece, varia in base alla “location” e al modello di business del distributore. Nel proprio box, ad esempio, l’energia elettrica si paga quanto quella utilizzata in casa (ma anche in questo caso bisogna vedere che cosa prevede il contratto per l’utilizzo di quantitativi importanti di elettricità), mentre per le colonnine pubbliche al momento esistono tre diverse tipologie di tariffazione: in base al consumo (€/kWh), in base al tempo di sosta (€/minuto) ma anche gratuita.

Passando ai numeri, la ricarica pubblica attraverso le colonnine di ricarica per l’auto elettrica si paga con un abbonamento che mediamente ha un costo fisso di 25 euro al mese per un numero illimitato di ricariche, mentre a casa (senza considerare i costi dell’eventuale installazione di stazioni ad hoc) con 5 euro di energia si ricarica un’auto a sufficienza per un’autonomia di circa 150 km.

L’autonomia dell’auto elettrica

Proprio l’autonomia garantita dalle batterie di un veicolo elettrico è un altro dei punti deboli dell’attuale tecnologia, anche se i produttori stanno facendo passi da gigante e i chilometri che è possibile percorrere con una singola ricarica aumentano mese dopo mese.

Attualmente i veicoli elettrici garantiscono un’autonomia media fino a 170-200 km a carica (150 quelli dichiarati per la Citroen C-Zero, 199 per la Nissan Leaf). La Tesla Model S P85, invece, secondo le specifiche può arrivare addirittura a 491 Km per carica.

Colonnine di ricarica auto elettrica nel mondo: i numeri

Nel 2021 si è assistito a una significativa crescita dell’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici, si legge nella sesta edizione dello Smart Mobility Report redatto dall’Energy&Strategy della School of Management del Politecnico di Milano e presentato al pubblico a ottobre 2022. Nel caso di punti di ricarica ad accesso pubblico, a fine 2021 ne sono stati stimati oltre 1.700.000 a livello mondiale (+35% rispetto al 2020), di cui 469.000 nuove installazioni (contro le 445 mila del 2020). Poco più del 67% è di tipo “normal charge” (circa 1,2 milioni), in crescita di oltre il 31% rispetto al 2020, mentre i restanti 569 mila sono di tipo “fast charge” (+ 48% rispetto al 2020).

La Cina si conferma leader mondiale per numero di punti di ricarica accessibili al pubblico: l’82% di quelli “fast charge” (+2% anno su anno) e il 56% di quelli “normal charge” (+4%). Seguono l’Europa (25% delle installazioni globali di “normal charge” e il 9% di quelle “fast charge” a fine 2021) e gli Stati Uniti (8% e 4%).

Colonnine di ricarica auto elettrica in Europa

In Europa, sempre secondo lo “Smart Mobility Report 2022“, a fine 2021 si stimavano circa 340.000 punti di ricarica ad accesso pubblico, di cui l’88% “normal charge” e il 12% ”fast charge”, con una diffusione particolarmente disomogenea da Paese a Paese. Questa emerge soprattutto in relazione alla ricarica autostradale, molto importante come abilitatore di viaggi su lunghe distanze. Tra i mercati consolidati figurano Olanda, Germania e Danimarca.

Punti di ricarica in Italia

In Italia, a luglio 2022, si stimavano “solo” 250 punti di ricarica ad accesso pubblico di tipo rapido e ultra-rapido in ambito autostradale, distribuiti in modo molto diverso nelle varie Regioni.

Le infrastrutture di rifornimento per carburanti alternativi hanno avuto tra il 2020 ed il 2021 variazioni contenute, sia in Italia che in Europa.

Ricarica ad accesso privato

Per quanto riguarda invece la ricarica ad accesso privato, a fine 2021, si stimano oltre 15 milioni di punti di ricarica a livello globale, di cui circa il 70% installati in ambito domestico, con una forte crescita delle installazioni nell’ultimo anno in linea con la crescita del mercato delle auto elettriche. Il rapporto tra punti di ricarica domestici e veicoli elettrici circolanti si attesta a circa 0,7, confermando l’importanza della ricarica privata domestica per gli EV owner. In Italia si osserva un tasso di crescita maggiore rispetto a quanto registrato a livello globale: gli oltre 88.000 dispositivi di ricarica installati nel corso del 2021 (+250% anno su anno, grazie in primis al Superbonus) fanno salire lo stock installato a fine 2021 a circa 130.000 unità.

Mappa stazioni di ricarica per auto elettrica: dove trovare le colonnine pubbliche in Italia e in Europa?

postazioni-di-ricarica-per-auto-elettrica

Poiché i servizi di ricarica con colonnine pubbliche sono offerti da diversi operatori, chiamati Mobility Service Providers, ciascuno di questi consente, sul proprio sito o attraverso un’app dedicata, di visualizzazione la mappa e lo stato delle infrastrutture di ricarica di sua proprietà.

Esistono però diversi siti e app che offrono una panoramica più completa (ma non ufficiale) sulla rete di ricarica elettrica in Italia (come ad esempio colonnineelettriche.it) e nel resto d’Europa e del mondo (come openchargemap.org, che offre anche l’app per smartphone).

La nuova frontiera: la ricarica ultra-fast

La stragrande maggioranza dei punti di ricarica rientra nella categoria del “normal charge” (inferiori o uguali a 22 kW). Un trend emergente, seppur ancora limitato, nella mobilità elettrica, riguarda la diffusione dell’infrastruttura di ricarica ultra-fast, con potenza di ricarica superiore a 100 kW.

Sono proprio le Extreme Fast Charging (XFC) che apriranno la strada agli spostamenti su lunga distanza, dato che nessuno si metterebbe in viaggio per centinaia di chilometri con un veicolo elettrico ‘puro’ – i cosiddetti Bev, Battery electric vehicle, cioè quelli non ibridi ma che funzionano solo a elettricità – se poi deve fermarsi delle ore a ricaricare la batteria.

Occorrono gli XFC per fare ‘il pieno’ in pochi minuti, o al massimo in poche decine di minuti, che possono coincidere con una sosta sul percorso. Gli altri tipi di ricarica, da quelli standard a quelli semplicemente ‘fast’, proprio perché meno potenti e quindi più lenti sono adatti alla mobilità locale, alle minori percorrenze.

Ricariche per la mobilità elettrica: il futuro è dell’Extreme Fast Charging

Il consorzio Ionity ha finora installato in Italia 65 punti di ricarica ultra-fast, in 16 stazioni di ricarica diverse, con potenza elettrica fornita fino a 350 kW. Enel X, costola del colosso Enel, ha installato una quarantina di infrastrutture ultra-veloci, Neogy, società del gruppo Alperia, ne ha piazzate 3 in Trentino Alto Adige, come anche EvWay, mentre Be Charge finora ne ha collocate 3 a livello nazionale.

A influenzare lo sviluppo (e la velocità di sviluppo) delle reti di ricarica in generale, e di quelle ultra-veloci in particolare, sono anche le scelte strategiche e commerciali di ogni operatore e casa automobilistica: la Tesla di Elon Musk, ad esempio, ha scelto di realizzare modalità di ricarica e infrastrutture adatte solo per i veicoli Tesla, mentre altre aziende puntano ad allacci e infrastrutture di ricarica aperti e accessibili tra veicoli di aziende diverse e quindi condivisi.

New call-to-action

(Articolo aggiornato al 06/10/2022)

WHITEPAPER
ZERO emissioni, traffico e incidenti: ecco i vantaggi della smart-mobility
Automotive
Sicurezza
Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali.