Auto elettrica e guida autonoma, tutti i dettagli sull’alleanza Ford–Volkswagen | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Auto elettrica e guida autonoma, tutti i dettagli sull’alleanza Ford–Volkswagen



Il gruppo tedesco investirà 2,6 miliardi di dollari nella startup Argo AI (sulla quale il costruttore americano aveva già investito 1 miliardo) per sviluppare sistemi driverless. Ford avrà accesso alla piattaforma MEB (Modular Electric Toolkit) di VW per la costruzione di auto elettriche in Europa

15 Lug 2019


Herbert Diess (CEO di Volkswagen) con Jim Hackett (Presidente e CEO di Ford)

La nuova parola d’ordine nel mondo dell’auto potrebbe essere alleanza. Solo pochi giorni fa, BMW e Daimler, già alleate per una piattaforma per la mobilità incentrata su car sharing, veicoli elettrici e trasporto multi-modale, hanno deciso di puntare insieme sulla self driving car sviluppando sistemi per veicoli ad automazione elevata in 3 strutture in Germania. Ora giunge notizia di una nuova alleanza, quella tra Ford Motor Company e il Gruppo Volkswagen che uniscono le forze per accelerare insieme su guida autonoma ed elettrificazione Settori che rappresentano i megatrend dell’auto del futuro e sui quali i due player hanno annunciato l’ampliamento della loro alleanza globale: insieme punteranno sui veicoli elettrici e collaboreranno con Argo AI (startup che sviluppa modelli tecnologici per veicoli autonomi sfruttando  le potenzialità dell’intelligenza artificiale) per introdurre la tecnologia della guida autonoma negli Stati Uniti e in Europa. Tutto ciò – riporta una nota pubblicata da Ford e Volkswagen – permetterà a entrambe le aziende di assistere ancora meglio i clienti, migliorando contestualmente la competitività e l’efficienza di costi e capitale.

Ford e Volkswagen, i dettagli dell’alleanza su auto autonoma ed elettrica

Herbert Diess, CEO del Gruppo Volkswagen, Jim Hackett, Presidente e CEO di Ford, e Bryan Salesky, CEO di Argo AI, hanno annunciato che il Gruppo affiancherà Ford nell’investimento in Argo AI, azienda di piattaforme per veicoli a guida autonoma.

Grazie alla collaborazione con Ford e il Gruppo Volkswagen, il sistema di guida autonoma (self-driving system, SDS) di Argo AI è il primo ad avere piani di diffusione commerciale in Europa e negli Stati Uniti. Inoltre, la possibilità di sfruttare la presenza globale dei due Costruttori fa sì che ad oggi la piattaforma di Argo AI abbia il maggior potenziale di diffusione geografica rispetto ad ogni altra tecnologia di guida autonoma. Il Gruppo Volkswagen e Ford integreranno in modo indipendente il sistema di guida autonoma di Argo AI in veicoli appositamente sviluppati per la movimentazione di merci e persone, secondo i rispettivi piani aziendali.

L’obiettivo primario di Argo AI rimane la creazione di un sistema di guida autonoma di Livello 4 (secondo gli standard SAE) idoneo per l’utilizzo nel ride sharing e per servizi di consegna merci in aree urbane ad alta densità.

Ford e il Gruppo Volkswagen avranno una pari partecipazione in Argo AI che garantirà loro un’ampia maggioranza congiunta. La quota rimanente sarà utilizzata come incentive pool per i dipendenti di Argo AI. Il completamento della transazione è soggetto alle approvazioni normative e alle condizioni di legge.

“Mentre Ford e il Gruppo Volkswagen rimangono indipendenti ed estremamente competitivi sul mercato, fare squadra e collaborare con Argo AI su questa importante tecnologia ci consente di ottenere capacità, scalabilità e diffusione geografica senza pari” ha affermato Hackett. “Realizzare sinergie in questi ambiti ci permette di mostrare la forza della nostra alleanza globale nell’era dei veicoli intelligenti per un mondo intelligente”.

I CEO hanno anche annunciato che Ford diventerà il primo Costruttore esterno a utilizzare la piattaforma MEB (Modular Electric Toolkit) del Gruppo Volkswagen e l’architettura specifica per i veicoli elettrici per produrre un modello di volume a zero emissioni in Europa a partire dal 2023.

Ford prevede di consegnare in Europa più di 600.000 veicoli basati sulla piattaforma MEB in sei anni, mentre un secondo modello Ford per i clienti europei è in fase di discussione. Ciò supporta la strategia di Ford nel Vecchio Continente, che implica continuare a sfruttare i propri punti di forza – tra cui i veicoli commerciali, crossover accattivanti e vetture iconiche d’importazione come Mustang ed Explorer.

Il Gruppo Volkswagen ha avviato lo sviluppo della piattaforma MEB nel 2016, investendo circa 7 miliardi di dollari nel progetto. L’Azienda pianifica di utilizzare questa piattaforma per costruire circa 15 milioni di vetture, del solo Gruppo Volkswagen, nel prossimo decennio.

Per Ford, l’utilizzo della piattaforma MEB rientra nell’investimento di oltre 11,5 miliardi di dollari in veicoli elettrici a livello mondiale e sostiene l’impegno del Costruttore nell’offrire ai propri clienti europei un’ampia gamma di modelli a zero emissioni, rispettando allo stesso tempo gli impegni sul fronte della sostenibilità.

“In futuro sempre più clienti e l’ambiente beneficeranno della piattaforma d’avanguardia per veicoli elettrici del Gruppo Volkswagen. La nostra alleanza globale inizia a mostrare un potenziale ancora maggiore e continuiamo a valutare altre possibili aree di collaborazione” ha affermato Diess. “Le economie di scala derivanti dalla MEB abbassano i costi di sviluppo e favoriscono una diffusione più ampia e rapida dei veicoli a zero emissioni. Ciò migliora la posizione di entrambe le Aziende grazie a una maggiore efficienza di capitale, un’ulteriore crescita e una migliore competitività”.

L’alleanza, che include collaborazioni al di fuori degli investimenti congiunti di Volkswagen e Ford in Argo AI, non prevede partecipazioni incrociate tra le due Aziende ed è indipendente dall’investimento in Argo AI. L’alleanza è guidata da una commissione congiunta, diretta da Hackett e Diess, che include dirigenti di entrambe le Aziende.

I due Costruttori sono in linea con il piano relativo ai pick-up medi per i clienti di tutto il mondo, che dovrebbero essere consegnati a partire dal 2022, cui seguiranno anche dei veicoli commerciali.

Leggi tutti gli articoli sull’auto a guida autonoma

Leggi tutti gli articoli sull’auto elettrica

Alleanza Ford-Volkswagen per l’auto autonoma, azionisti alla pari in Argo AI

 

Il Gruppo Volkswagen investirà 2,6 miliardi di dollari in Argo AI tramite 1 miliardo di Dollari di fondi e il conferimento della propria azienda Autonomous Intelligent Driving (AID), valutata 1,6 miliardi di dollari, che conta oltre 200 collaboratori, la maggior parte dei quali impegnati nello sviluppo di tecnologie per la guida autonoma per il Gruppo Volkswagen.

Nell’ambito dell’operazione – riporta una nota VW – , il Gruppo Volkswagen acquisterà inoltre da Ford azioni di Argo AI per 500 milioni di dollari in tre anni. Dell’investimento di 1 miliardo di dollari precedentemente annunciato, Ford investirà i rimanenti 600 milioni di Dollari in Argo AI.

L’intera transazione corrisponde a una valutazione pari a oltre 7 miliardi di Dollari per Argo AI.

Entrambe le Case automobilistiche vedono un potenziale significativo, che include una crescita redditizia derivante dalla copertura di nuove aree di business connesse alle tecnologie per la guida autonoma.

Argo AI intende lavorare a stretto contatto con Ford e il Gruppo Volkswagen per mettere a disposizione le tecnologie di guida autonoma di cui i due Costruttori necessitano per arrivare a veicoli autonomi pienamente integrati, che possano essere prodotti in larga scala per un utilizzo sicuro, affidabile e duraturo negli ambiti del ride sharing e dei servizi di consegna merci.

“Argo AI è fortunata ad avere un team di livello mondiale: grazie alla nostra chiara mission e all’impegno alla diffusione da parte dei nostri partner, insieme ai collaboratori di AID avremo una forza lavoro globale capace di attrarre ancora di più i migliori talenti” ha affermato Salesky, cofondatore di Argo AI. “Inoltre, grazie a Ford e al Gruppo Volkswagen, un giorno la nostra tecnologia potrebbe arrivare in quasi tutti i mercati di Nord America ed Europa, applicata a molti Brand e su una moltitudine di architetture”.

AID, con sede a Monaco, Germania, diventerà il nuovo quartier generale europeo di Argo AI e sarà diretta dall’attuale CEO di AID Karlheinz Wurm. Con i dipendenti di AID, la forza lavoro di Argo AI crescerà da 500 a 700 collaboratori a livello globale.

Oltre alla sede centrale di Pittsburgh, Pennsylvania, la nuova filiale è il primo centro di Argo AI in Europa e il quinto nel mondo dopo Dearborn (Michigan), Cranbury (New Jersey) e Palo Alto (California). In collaborazione con Ford, Argo AI sta inoltre testando le proprie tecnologie a Miami e Washington D.C., dove le due Aziende pianificano l’introduzione di servizi commerciali.

Ford e l’investimento sulla startup Argo AI, tutto quello che c’è da sapere

Correva l’anno 2017 quando Ford ha annunciato un investimento di 1 miliardo (suddiviso in cinque anni) sulla startup Argo AI. Si trattava, allora, di una società con appena due mesi di vita, fondata per sviluppare modelli tecnologici per veicoli autonomi sfruttando le potenzialità dell’artificial intelligence. Argo vanta tra i fondatori nomi di assoluto rispetto, come Bryan Salesky e Peter Rander: il primo ha lavorato a Google nello sviluppo dell’hardware delle Google Car; il secondo arriva da Uber dove si è occupato della messa a punto delle tecnologie di guida autonoma.

Con questa mossa Ford punta a farsi strada nell’ormai ultracompetitivo mondo dei veicoli a guida autonoma, con l’obiettivo di realizzare un sistema di guida virtuale da integrare a bordo delle automobili, entro il 2021. Tutti i dettagli in questo articolo:

Ford punta sull’Intelligenza Artificiale e investe 1 miliardo nella startup Argo

Ford utilizzerà la piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen per 600.000 veicoli

Ford pianifica la progettazione di un nuovo modello elettrico basato sulla piattaforma MEB, con lancio previsto nel 2023, nel sito di Colonia-Merkenich, in Germania. Nell’ambito della collaborazione, il Gruppo Volkswagen – riferisce una nota dell’azienda – fornirà pezzi e componenti MEB.

Le due aziende continueranno inoltre ad esplorare ulteriori aree di collaborazione sui veicoli elettrici, una priorità strategica chiave per entrambe per accelerare la transizione a una mobilità sostenibile e accessibile.

L’accordo con Ford è una pietra miliare della strategia elettrica del Gruppo Volkswagen, a supporto della crescita dell’industria dell’e-mobility. Ciò agevola gli sforzi a livello globale per il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi per il 2050.

La collaborazione per i veicoli commerciali e i pick-up

Ford e il Gruppo Volkswagen sono in linea con il piano precedentemente annunciato per veicoli commerciali e pick-up, con lo scopo di rafforzare la rispettiva competitività in mercati chiave. L’alleanza porterà efficienze significative a entrambe le aziende.

Nell’ambito della collaborazione, Ford svilupperà e produrrà pick-up medi per i clienti in Europa, Africa, Medio Oriente, per la regione Asia-Pacifico e il Sudamerica. Si prevede l’introduzione nei mercati chiave nel 2022. Inoltre, a partire dallo stesso anno Ford prevede lo sviluppo e la produzione di veicoli commerciali di grandi dimensioni per entrambe le Aziende per il mercato europeo, mentre il Gruppo Volkswagen svilupperà e produrrà per entrambi i costruttori un van da città, che sarà lanciato in Europa e in mercati selezionati.

Sia Ford che il Gruppo Volkswagen sono ben posizionati a livello globale per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri, con modelli ben conosciuti come i Ford Transit e Ranger, e i Volkswagen Transporter, Caddy e Amarok.

Entrambi i costruttori prevedono una crescita globale della domanda di pick-up medi e veicoli commerciali nei prossimi 5 anni; collaborare in queste aree chiave permetterà alle migliori tecnologie e a una maggiore innovazione di raggiungere i rispettivi clienti più velocemente, con un migliore sfruttamento della capacità produttiva.