Un premio per chi investì in MyTable (comprata poi da TripAdvisor) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Riconoscimenti

Un premio per chi investì in MyTable (comprata poi da TripAdvisor)

08 Lug 2015

Il Premio Business Angel of the Year 2015 Piemonte è andato a Stefano Papini, imprenditore nel settore della ristorazione: è stato unico investitore e co-founder della startup per la prenotazione online dei ristoranti acquisita a febbraio dal colosso americano

Stefano Papini (con la targa) alla premiazione come Business Angel of the Year
L’angelo dell’anno è l’unico investitore che ha creduto in una piccola startup poi acquisita da un big come TripAdvisor. Si chiama Stefano Papini e ha vinto il Premio Business Angel of the Year 2015 Piemonte, che gli stato assegnato due sere fa, nel corso dell’evento annuale organizzato dal Club degli Investitori,  per l’investimento a sostegno di MyTable, l’applicazione che permette di effettuare prenotazioni in tempo reale nei ristoranti.

Fondata nel 2009 a Torino da Matteo Carluccio insieme con l’amico Riccardo Reinerio, Mytable è entrata ufficialmente nella galassia TripAdvisor a febbraio scorso insieme a Restopolis, altra startup del settore fondata da Almir Ambeskovic, originario di Sarajevo ma naturalizzato italiano. Il colosso statunitense delle recensioni online ha effettuato le due acquisizioni con l’obiettivo di rafforzare The Fork, piattaforma di prenotazione online di ristoranti già attiva in Francia, Spagna, Belgio e Svizzera, che la multinazionale aveva comprato a maggio 2014. In particolare, grazie all’acquisto di MyTable e Restopolis, TripAdvisor ha potuto lanciare TheFork.it, la piattaforma italiana. 

Mytable era potuta nascere grazie a un investimento seed di Stefano Papini, torinese, classe 1975, figlio di imprenditori del settore delle penne a sfera che presto ha lasciato l’azienda di famiglia per lanciarsi nel settore della ristorazione. Nel 2003 ha fondato “La Compagnia della Birra”, società titolare dei locali a marchio BEFeD e uno dei principali produttori di birra artigianale in Piemonte. È anche presidente di Confesercenti Torino

A conferire il premio a Stefano Papini – co-founder e unico investitore della piattaforma Mytable – la giuria presieduta da Licia Mattioli, presidente Unione Industriale di Torino, e composta da Paolo Anselmo (presidente Iban), Piero Bergamini (Business Angel e manager, socio del Club degli Investitori), Bernardo Bertoldi (Vicepresidente del Club degli Investitori e docente presso l’Università degli Studi di Torino), Riccardo Luna (giornalista e Digital Champion italiano) e Vladimiro Rambaldi (Amministratore delegato di Cordusio Fiduciaria Spa), che ha scelto il vincitore tra i finalisti selezionati in collaborazione con Euroventures.

“Sono davvero onorato e grato al Club degli Investitori per il premio ricevuto” ha dichiarato Stefano Papini. “Il percorso di angel investing intrapreso con Mattia Carluccio rappresenta il sogno di ogni angel e spero possa essere una testimonianza utile a coloro che oggi possono, forse devono, contribuire al sostegno di nuove iniziative con il loro apporto non solo economico ma soprattutto esperienziale”. 

Inserito a partire dalla scorsa edizione nell’ambito del premio organizzato da Iban (Associazione Italiana dei Business Angel), il Premio Business Angel of the Year Piemonte nasce per dare visibilità alla migliore azione di angel investing avvenuta sul territorio locale. Obbiettivo: evidenziare che gli investimenti su una startup non sono più solo appannaggio dei grandi fondi di venture capital, ma attirano sempre più singoli finanziatori che credono in nuovi progetti, giocando così un ruolo fondamentale a sostegno dello sviluppo del tessuto socio-economico piemontese. 

Lo dimostrano anche i dati presentati lo scorso 30 giugno durante la XVI Convention Iban dal professor Vincenzo Capizzi della SDA Bocconi: nel 2014 l’importo totale investito da business angel in startup ammonta a 46.046.000 euro, in crescita del 45% rispetto al 2013 suddivisi in 135 operazioni. I settori che hanno beneficiato maggiormente dei finanziamenti sono l’ICT, seguito da Terziario avanzato e Commercio e Distribuzione, e questo ha permesso la creazione di oltre 180 nuovi posti di lavoro in neoimprese, soprattutto nel Centro Nord. In occasione della XVI Convention Iban, al Club degli Investitori è stato conferito il Premio Club Investing of The Year per il finanziamento di 1,450 milioni di euro a favore di Directa Plus, azienda lombarda specializzata in nanotecnologie, che si caratterizza per essere il più grande impianto europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro. 

Articoli correlati