Startup anti-sprechi alimentari, in scadenza il bando per vincere 30mila euro | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Food

Startup anti-sprechi alimentari, in scadenza il bando per vincere 30mila euro

di Redazione EconomyUp

27 Gen 2015

Altri argomenti

ComoNExT, Parco Scientifico Tecnologico, e SIFooD, associazione tecnologica promossa da Whirlpool R&D, selezionano quattro candidati con idee innovative su cibo, packaging e food security. C’è tempo fino al 30 gennaio per iscriversi. Ai vincitori rimborsi spese, consulenza e tutoring

L'incubatore tecnologico ComoNext
Ci sono 30mila euro in palio per startup impegnate nella riduzione degli sprechi alimentari, ma solo tre giorni di tempo per provare a conquistarli.

La call for ideas è stata lanciata da ComoNExT, Parco Scientifico Tecnologico, e SIFooD (Science and Innovation Food District), associazione tecnologica promossa da Whirlpool R&D che si occupa appunto di trasferimento di conoscenza nel settore delle tecnologie per la riduzione dello spreco alimentare.

La dotazione complessiva del bando è 140mila euro. I vincitori saranno quattro, ciascuno dei quali avrà a disposizione 30mila euro in voucher e servizi. I voucher serviranno a pagare affitto delle postazioni di lavoro in open space presso Como Next, spese di illuminazione e riscaldamento, accesso a Internet ecc. ecc. I servizi consistono in supporto continuo attarverso consulenza, formazione e tutoring.

Destinatari del bando, partito lo scorso 21 novembre e in scadenza alle ore 24.00 di venerdì 30 gennaio 2015, sono aspiranti imprenditori o imprenditrici e microimprese o Pmi portatori di idee innovative. ComoNExT e SIFooD specificano che, per idee innovative, si intendono “quelle che prevedono lo sviluppo di prodotti e/o servizi con caratteristiche di innovatività rispetto a prodotti e servizi già presenti sul mercato e che eventualmente utilizzano nuove tecnologie (innovazione di prodotto/servizio); e quelle che comportano un miglioramento, in termini qualitativi e di performance, di processi produttivi o introducono nuovi processi produttivi con caratteristiche migliorative rispetto all’esistente (innovazione di processo)”.

Le tematiche su cui dovranno operare i candidati sono: riduzione degli sprechi alimentari e di packaging; sostenibilità del ciclo di vita dei prodotti alimentari; efficientamento della catena alimentare; food safety declinata su tutta la catena alimentare; packaging attivo; strategie di conservazione e tecnologie di conservazione e preparazione innovative; nuovi materiali e nanotecnologie.

La sede operativa (non è vincolante la sede legale) delle startup vincitrici si collocherà presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT per almeno 18 mesi all’interno dell’incubatore.

Tutto è partito dal momento in cui ComoNExT e SiFooD Science & Innovation Food District hanno sottoscritto un protocollo di intesa condividendo l’opportunità di valorizzare le competenze scientifiche, tecnologiche e tecniche disponibili per lo sviluppo del settore della catena domestica del cibo e per il più ampio contesto della riduzione degli sprechi. Contestualmente alla firma del protocollo, SiFooD Science & Innovation Food District ha scelto di aprire una propria sede anche presso il Parco Scientifico ComoNExT e ha avviato il bando per startup.

Il bando è disponibile sul sito ComoNext. Per informazioni sul bando e sull’incubatore ci si può rivolgere a ComoNExT spa, tel. 02.36714,  dal lunedì al venerdì 8.30 / 17.30, o si puà scrivere a incubatore@comonext.it. (L.M.)

Altri argomenti

Redazione EconomyUp

Articoli correlati