Premio Startup Sociali, 25mila euro per progetti di social business | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Opportunità

Premio Startup Sociali, 25mila euro per progetti di social business

21 Gen 2015

Altri argomenti

C’è tempo fino al 31 marzo per partecipare alla call lanciata da Fondazione San Patrignano, Banca Prossima e Federsolidarietà – Confcooperative riservato agli studenti universitari e finalizzato a premiare le tre migliori idee di impresa sociale

Sostenere la concreta realizzazione di idee di impresa sociale, favorendo al tempo stesso – anche attraverso le modalità di autoimpiego – l’accesso al mondo del lavoro di studenti universitari meritevoli. È questo l’obiettivo del  Premio Start Up Sociali “Giovani idee per il social business”, un concorso di idee riservato agli studenti universitari e finalizzato a premiare, con un finanziamento dedicato, i migliori tre progetti di impresa sociale, lanciato da Fondazione San Patrignano, Banca Prossima (la Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata esclusivamente al non profit laico e religioso) e Federsolidarietà – Confcooperative, in collaborazione con Fondazione Italiana Accenture e Associazione Alumni Accenture.

Attraverso questa iniziativa, Fondazione San Patrignano, Banca Prossima e Federsolidarietà – Confcooperative intendono dare slancio alla cultura di impresa capace di operare nel sociale, mettendosi al servizio delle persone emarginate o escluse, e, al contempo, confrontandosi con il mercato per garantire – oltre a trasparenza, responsabilità e attenzione all’ambiente – una reale sostenibilità economica.

I candidati potranno partecipare  fino al 13 marzo 2015, compilando la domanda di partecipazione online su ideaTRE60, la piattaforma digitale creata e messa a disposizione dalla Fondazione Italiana Accenture per promuovere, ottimizzare e realizzare progetti di innovazione sociale.

Potranno essere ammessi al bando studenti universitari laureandi o comunque iscritti al terzo anno, in caso di corsi di laurea triennale, o studenti del biennio, se iscritti a corsi di laurea magistrale; laureati del corso magistrale che abbiano in corso il dottorato di ricerca con una università italiana o straniera; laureati che abbiano in corso un master di primo o secondo livello. In ogni caso che non abbiano superato i 35 anni di età. Le idee di impresa migliori verranno selezionate da un apposito Comitato scientifico e da una Commissione di esperti.

Le Start Up Sociali candidate dovranno indicare nel progetto:

– La destinazione dei propri servizi a persone emarginate, svantaggiate o escluse.

– L’utilizzo degli utili per raggiungere il proprio obiettivo sociale primario.

– Una gestione responsabile e trasparente.

– La propria ecosostenibilità.

La cerimonia di premiazione si terrà a San Patrignano il prossimo 10 aprile.

Il premio, conferito alle prime tre idee di impresa sociale classificate, consisterà nella possibilità di richiedere un finanziamento di importo massimo di 25.000 euro che verrà concesso da Banca Prossima senza necessità di garanzia alcuna e che farà leva sulla copertura del fondo di garanzia costituito dalla Fondazione San Patrignano nell’ambito del programma di microcredito avviato nel maggio dello scorso anno da Banca Prossima, Intesa Sanpaolo e dalla Comunità di San Patrignano.

Federsolidarietà – Confcooperative metterà a disposizione dei giovani “neo imprenditori sociali” la propria rete di imprese sociali, per il necessario accompagnamento delle Start Up selezionate. L’Associazione Alumni di Accenture, che svolge da tempo attività di social consulting in favore della Fondazione San Patrignano, partecipa per il secondo anno consecutivo alla realizzazione del premio “Start Up Sociali” mettendo a disposizione il modulo formativo sulla creazione del business case e contribuendo alla selezione dei progetti, in qualità di membro del comitato scientifico.

Nell’edizione 2014, su quindici richieste idonee, i finalisti sono stati cinque e, di questi, tre iprogetti premiati:

1. “lieVITA” di Armando Bottazzo, una start up per mettere in relazione Caritas e Coop,

2. “Share the way” di Vincenzo Musumeci e Nicolò Benzi, una piattaforma per promuovere idee di condivisione tra le varie realtà del sociale,

3. “Netspeed” di Nunzio Guida, piattaforma che permette ai piccoli commercianti di avere uno sbocco alternativo e un sistema ulteriore di comunicazione.

Altri argomenti

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network