Kaspersky punta sul crowdfunding non profit | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione sociale

Kaspersky punta sul crowdfunding non profit

16 Lug 2013

La multinazionale della sicurezza digitale, da cinque anni in Italia, investe nella CSR sostenendo Oboli.org, nuova piattaforma per progetti senza scopo di lucro che permetterà il finanziamento collettivo in modo trasparente. L’alleanza con Startupbusiness per sostenere le start up

Il crowdfunding a fin di bene. Kaspersky Lab, società leader nel mercato mondiale degli antivirus, in occasione del suo quinto compleanno in Italia ha annunciato per il 2013 un significativo impegno in politiche di Corporate Social Responsability, investendo in questo settore attraverso l’associazione Oboli Onlus e con un approccio attento all’innovazione, sviluppato in collaborazione con Startupbusiness, il social network dedicato alle start up.

Nonostante tutto, le aziende continuano a investire in politiche di responsabilità sociale, un miliardo di euro l’anno secondo un rapporto realizzato da Swg per l’Osservatorio Socialis a dicembre 2012. E lo fanno perché sono convinte che la Csr e lo sviluppo sostenibile siano tra i principali fattori di cambiamento e di competitività, sostiene una recente indagine condotta da Business International. L’incontro con il web potenzia questi obiettivi, perché mette a disposizione enormi audience per i progetti e le iniziative ad alto impatto sociale.

Nasce così Oboli.org, una piattaforma di crowdfunding donation based per progetti non profit, realizzata da Oboboli Onlus grazie al supporto di KasperskyLab. «Per un’aaienda in evoluzione come Kasperesky Lab è importante sostenere nuovi progetti», dice Aldo Del Bò, managing director dell’azienda in Italia. «Chi acquista un prodotto Kaspersky PURE 3.0 ottiene un credito spendibile sulla piattaforma Oboli.org per sostenere il progetto più vicino al suo modo di vedere il non profit».

Il crowdfunding è un modello di finanziamento collettivo che risulta particolarmente stimolante per il mondo del non profit. Basato sulla viralità del web e dei social media è in grado di sollecitare e mobilitare la partecipazione, garantendo allo stesso tempo la trasparenza delle donazioni. L’alleanza con Startupbusiness nasce proprio per avvicinarsi al mondo dell’innovazione e per sviluppare attività di sostegno a favore delle start up. (r.eu)

 

Redazione

Articoli correlati