ItalyUp, la call di LVenture, Telepass e Campus Bio-medico con Lazio Innova: idee per la ripartenza | Economyup

OPEN INNOVATION

ItalyUp, la call di LVenture, Telepass e Campus Bio-medico con Lazio Innova: idee per la ripartenza



L’iniziativa punta allo sviluppo di progetti innovativi per sostenere il Paese nella ripartenza post coronavirus e non ha scadenza. È stata lanciata da LVenture Group in partnership con Telepass e con la collaborazione dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, e ha aderito anche la Regione Lazio

08 Mag 2020


ItalyUp, la call lanciata da LVenture Group con Telepass e il Università Campus Bio-medico di Roma

Nasce il programma ItalyUp: una call rivolta a startup e progetti indipendenti pronti a sviluppare soluzioni innovative per rispondere alle nuove esigenze determinate dall’emergenza Covid-19. La lancia la Venture Capital LVenture Group, in partnership con Telepass e con la collaborazione scientifica e tecnologica dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Ha aderito al programma anche la Regione Lazio tramite Lazio Innova, con l’assegnazione “Premio Regione Lazio”.

L’obiettivo di ItalyUp è individuare e sviluppare progetti e tecnologie per contribuire concretamente al rilancio del Sistema Paese e per supportare il tessuto socio-economico nei cambiamenti – che hanno oggi un grande impatto sul sistema – e nelle trasformazioni che si verificheranno nel prossimo futuro.

ItalyUp, la call a tutto tondo senza scadenza

Dalla salute, alla mobilità, alla logistica, alla digitalizzazione delle imprese e della pubblica amministrazione, sono diversi i settori in cui le startup stanno dimostrando di poter sviluppare risposte concrete a bisogni attuali e alle nuove esigenze del mercato. Per questo LVenture Group ha lanciato assieme al Gruppo Telepass e in collaborazione con l’Università Campus Bio-Medico di Roma, il progetto ItalyUp: una “Open Call” a cui è possibile candidarsi in ogni momento, senza un termine finale, accedendo al sito ufficiale.

Le startup selezionate riceveranno fino a 30mila euro per lo sviluppo dei loro progetti assieme al supporto del team di esperti di LVenture Group e delle corporate ed Enti partner.

I promotori: Telepass, LVenture e Università Campus Bio-Medico di Roma

Tra Enti e corporate partner della Call, spiccano tre grandi nomi: il Gruppo Telepass, ecosistema di Società nate per dare alle persone la possibilità di muoversi liberamente; LVenture Group, holding di partecipazioni quotata in Borsa e operatore Venture Capital a livello europeo; e l’Università Campus Bio-Medico di Roma come partner scientifico.

Il Gruppo Telepass supporterà il programma con l’obiettivo di accelerare la contaminazione tra le startup e i progetti innovativi oggi presenti sul mercato nel settore della mobilità e dei servizi ad essa connessi, che sta già subendo una profonda trasformazione per via dell’emergenza sanitaria:

EVENTO - 4 NOVEMBRE 16:00
Dopo il Coronavirus, quale prossima normalità per il SSN?
Dematerializzazione
Sanità

“Telepass crede molto nelle startup, su cui ha deciso di investire da tempo, aprendo la propria piattaforma di servizi legati alla mobilità a offerte innovative. La collaborazione con LVenture Group nasce per proseguire in questo impegno, sostenendo le aziende in un momento molto particolare per il nostro Paese e questo ecosistema in particolare. Crediamo che questo progetto di scouting e incubazione possa aiutare tutti, le aziende, Telepass e il Paese”, ha affermato Davide Cervellin, Chief Marketing and Data Officer Telepass S.p.A.

Ad affiancare LVenture Group e il Gruppo Telepass come partner scientifico di ItalyUp l’Università Campus Bio-Medico di Roma, in prima linea nella promozione di attività di Terza Missione attraverso la valorizzazione dei risultati di ricerca, la creazione di spin-off e il potenziamento della ricerca clinica:

“Crediamo che la partnership con ItalyUp ci permetterà di trovare le risorse necessarie per accrescere il volume delle nostre attività e per trasferire rapidamente i risultati più promettenti alle applicazioni, con l’intento di mettere a disposizione del Paese il know-how dei nostri laboratori e favorirne la crescita produttiva e la ripartenza.” ha affermato Paolo Soda, Professore associato di sistemi di elaborazione delle informazioni ed esperto di Intelligenza Artificiale, “Ad esempio, come Università Campus Bio-Medico di Roma stiamo lavorando insieme alla comunità scientifica internazionale ed al tessuto industriale per favorire l’uso responsabile dell’Intelligenza Artificiale, anche con azioni dirette verso lo sviluppo di nuovi modelli di previsione, diagnosi e trattamento in risposta alle sfide introdotte dalla lotta alla pandemia da Sars-CoV-2 e al Covid-19, la malattia respiratoria correlata”.

Premio Regione Lazio, il contributo di Lazio Innova

Ha aderito alla call ItalyUp anche la Regione Lazio, tramite la sua società in house Lazio Innova per l’innovazione e la crescita economica.

La partecipazione al programma della Regione avverrà attraverso l’assegnazione del “Premio Regione Lazio”, del valore complessivo di 30 mila euro in denaro e servizi cui concorreranno i progetti imprenditoriali proposti da team pronti a istituire la loro sede operativa nel territorio regionale. Un’iniziativa che ben s’inserisce nel più ampio programma di Open Innovation messo in campo dalla Regione per valorizzare le idee innovative delle startup, fucina di soluzioni concrete per il mondo della produzione. Il periodo di emergenza ha infatti confermato come modelli di business innovativi, tecnologie digitali e la maggior capacità di adattamento delle startup abbiano consentito il rapido sviluppo di risposte concrete a bisogni attuali e alle nuove esigenze del mercato.

“Da anni ormai collaboriamo con il Gruppo LVenture: un importante attore dell’ecosistema, non solo laziale, dell’innovazione” ha dichiarato il Direttore Generale di Lazio Innova, Andrea Ciampalini. “Attraverso i programmi di Open Innovation, come ItalyUp, la Regione Lazio vuole supportare le buone idee ad arrivare al mercato per poi sostenerle con il sistema di aiuti messi a punto in questi anni, dagli incentivi ai servizi reali, dai finanziamenti fino al venture capital”.