GammaDonna va a caccia di modelli imprenditoriali emergenti | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La call

GammaDonna va a caccia di modelli imprenditoriali emergenti

09 Set 2014

Il Salone Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma a Torino l’1 e il 2 ottobre, cerca imprenditrici/imprenditori under 35 che sappiano innovare il modo di fare impresa. Si possono inviare le candidature fino al 12 settembre. L’iniziativa offre l’opportunità di essere selezionati per aprire la manifestazione torinese e attivare un network professionale con altri talenti

Si avvicina il Salone Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma a Torino l’1 e il 2 ottobre, organizzato dall’Associazione GammaDonna, assieme alla Camera di commercio di Torino e al suo Comitato per l’Imprenditoria Femminile.

In questa sesta edizione il Salone lancia un progetto biennale per conoscere da vicino i soggetti protagonisti del cambiamento e va alla ricerca di imprenditrici (o imprenditori) che abbiano dato vita a un’impresa innovativa – compartecipata da donne e/o giovani (al di sotto dei 35 anni) – che corrisponde a uno o più dei seguenti fattori:

  • sostenibilità ambientale e sociale
  • condivisione (casi di economia collaborativa come co-working, fablab, crowdfunding…)
  • esperienze di economia basate sulle tecnologie digitali (digital/web economy, e-commerce, fabbricazione digitale…)
  • sviluppo di social innovation


In altri termini, questa “Indagine nazionale sui modelli imprenditoriali emergenti” è rivolta a tutte le attività che innovano il modo di fare impresa e in cui valore e successo non si limitano al solo impatto economico ma anche a quello sociale e ambientale.

Il progetto biennale si articola in tre fasi:

1. La ricerca e la valutazione (giugno/settembre 2014): fase in cui si individuano a livello nazionale le case history di cambiamento più significative – anche grazie alle partnership con enti e associazioni che hanno già condotto ricerche analoghe, come Rena e Unioncamere – e a valutare quali nuove attività possano configurarsi come modelli di business emergente.

2. L’ascolto (ottobre 2014/aprile 2015): fase di verifica dei bisogni primari per lo sviluppo dei modelli di business individuati, delle principali difficoltà e problematiche, tramite la testimonianza dei casi prescelti per aprire il sesto Salone GammaDonna, l’attivazione di laboratori tematici e la promozione di sondaggi mirati.

3. L’output (maggio/ottobre 2015): fase di coinvolgimento dei soggetti che compongono il sistema economico ed istituzionale nell’individuazione di strumenti e misure di sostegno e nella formulazione di proposte sul fronte burocratico, economico-finanziario e fiscale, da presentare al settimo Salone GammaDonna (ottobre 2015).

C’è ancora tempo per partecipare. Il termine ultimo per l’invio della candidature è fissato per venerdì 12 settembre 2014. La partecipazione può avvenire per autocandidatura (questo è il modulo di partecipazione) oppure su segnalazione di altre imprenditrici/imprenditori, associazioni, enti e camere di commercio.

La candidatura va inviata a info@gammadonna.it con una tua fotografia in primo piano (formato jpg, alta risoluzione 300 dpi) e, se possibile, materiale rappresentativo dell’attività, per l’utilizzo sui canali di comunicazione GammaDonna e per la diffusione sui media.

L’iniziativa offre l’opportunità di essere selezionati, insieme ad altri casi emblematici, per aprire – il 2 ottobre 2014 – il prossimo Salone Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, a Torino. In più, dà la possibilità di attivare una rete professionale con imprenditrici e imprenditori.

Tutti coloro che aderiranno alla “call” avranno inoltre la possibilità di partecipare come protagonisti ai tavoli di lavoro tematici del Salone, che si propongono di delineare esigenze di sviluppo e prospettive del settore, con il contributo e l’intervento di esperti e degli stessi partecipanti.


 

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati